Dragoncello - Artemisia dracunculus

Generalità

Il dragoncello, detto anche estragone, appartiene alla famiglia delle Composite, al genere Artemisia ed alla specie dracunculus. È una pianta erbacea perenne, alta 60-150 cm e larga 40 cm, con un portamento eretto, i fusti ramificati e radici striscianti, rizomatose ed espanse. Le foglie sono alterne, sottili, prive di picciolo, lanceolate, lunghe 3-7 cm, con margine lievemente seghettato, verdi scure sulla pagina superiore e più chiare inferiormente. I fiori sono di color bianco-verdastro, piccoli, molto profumati e riuniti in infiorescenze a pannocchia; la fioritura si verifica durante l’estate. I semi sono piccoli e non sempre vengono prodotti. La parte della pianta maggiormente utilizzata è la foglia.
Foto di Dragoncello

Il nuovo arrivo 10 Semi giardino della casa Dragoncello francese cucina comune Artemisia Dracunculus dell'erba semina il trasporto libero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,7€


Clima e terreno

Il dragoncello preferisce i climi temperati, è sensibile alle temperature inferiori allo zero ed ai valori termici estivi troppo elevati. Nei climi troppo freddi non riesce a portare a termine la fioritura, per cui non vengono prodotti i semi. Le esposizioni migliori sono le aree pianeggianti e collinari pienamente soleggiate, ma ben riparate dai venti. L’estragone predilige i terreni sciolti, fertili, ben drenati, irrigui, però si vegeta bene anche sui suoli poveri, mentre rifugge quelli compatti in quanto risulta sensibile ai ristagni idrici. Questa specie è originaria della Russia meridionale, la sua coltivazione si è diffusa in Europa, mentre in Italia non cresce allo stato spontaneo è viene coltivata al nord e al centro, prevalentemente in Toscana.

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

30PCS / BAG dragoncello Semi Estragon Artemisia Dracunculus perenni Vegetable Seeds vaniglia Semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Varietà e propagazione

Le principali cultivar di estragone sono il dragoncello tedesco e quello francese, le piante di quest’ultimo emettono un profumo intenso, sono più aromatiche rispetto a quelle del primo, però hanno una minore longevità. Una sottospecie dell’estragone è il dragoncello russo (Artemisia dracunculoides), che resiste meglio agli inverni rigidi ed alle estati siccitose però è caratterizzato da un aroma meno gradevole. Il dragoncello si moltiplica sia per seme che per via vegetativa, la varietà francese è caratterizzata dalla sterilità dei fiori, per cui la propagazione avviene per rizomi dotati di una gemma o per talee prelevate all’apice dei germogli; entrambe vengono posti in semenzaio durante l’inverno al fine di ottenere piantine pronte ad essere trapiantate in pieno campo.


Trapianto

Il dragoncello è una pianta che difficilmente da luogo a semi fertili, per cui la messa a dimora viene effettuata utilizzando le piantine ottenute dalla propagazione per rizoma o per talea. È importante eseguire una buona preparazione del letto di semina, amminutando bene il terreno. Il trapianto si esegue a fine primavera, soprattutto nel mese di maggio; siccome le radici sono piuttosto espanse e ramificate la distanza tra le file deve essere di almeno 60 cm e sulla fila di 20-30 cm, con una densità di 5-8 piante/mq, in modo da garantire una buona porzione di terreno da esplorare. Nel caso della messa a dimora dell’estragone per la produzione di semi, i sesti d’impianto sono ancora più ampi, con un investimento di 3 piante/mq.


Tecniche di coltivazione

Il ciclo di coltivazione del dragoncello ha una durata di 3-4 anni e viene avvicendato su se stesso in quanto non risente particolarmente del fenomeno della stanchezza del terreno. Per contrastare la presenza delle erbe infestanti si effettuano almeno due sarchiature all’anno. La concimazione consiste nel somministrare del letame maturo all’inizio della preparazione del letto di semina e nel distribuire del concime ternario, contenente azoto, fosforo e potassio, a fine inverno-inizio primavera. L’estragone generalmente non necessita di interventi irrigui, si interviene con l’irrigazione nel caso si verificassero fenomeni di siccità durante la fioritura per impianti destinati alla produzione di semi. Il dragoncello è poco soggetto ad attacchi di parassiti, tra cui il più pericoloso è la ruggine, un fungo che colpisce le foglie.


Raccolta

Se la pianta viene impiegata come aromatizzante si raccolgono le foglie o le infiorescenze a pannocchia, mentre se la destinazione è per la produzione dei semi o per l’estrazione dell’olio essenziale viene raccolta la pianta intera. Le foglie si prelevano durante tutta l’estate, l’essiccazione dei germogli portanti le foglie avviene in ambiente riparato dalla luce, asciutto, con una buona circolazione d’aria e basse temperature. Le infiorescenze a pannocchia vengono raccolte a metà luglio ad inizio fioritura in quanto contengono molti principi attivi. Le piante coltivate per la produzione dei semi si raccolgono interamente a metà settembre per mezzo di falciatrici.


Dragoncello - Artemisia dracunculus: Proprietà ed utilizzo

Il dragoncello è dotato di alcune proprietà medicinali, è molto utile per le digestioni lente, per stimolare l’appetito, per la incrementare secrezione dei succhi gastrici, per contrastare il meteorismo, i parassiti intestinali, il mal di denti e i reumatismi. In cucina vengono impiegate le foglie fresche o essiccate per insaporire piatti di pesce e di carne, insalate e minestre; inoltre è importante per la preparazione di salse come la salsa bearnese e la salsa tartara, marmellate e mostarde. Le foglie congelate sotto forma di cubetti di ghiaccio aromatizzano le bevande fredde.



COMMENTI SULL' ARTICOLO