Controindicazioni Aloe

Sostanze naturali nelle piante

Le piante, e più in generale la natura, sono in grado di fornirci alcune delle sostanze più preziose di cui abbiamo bisogno per vivere. Non è un caso, oltre al fatto che parte integrante della nostra dieta sono proprio verdure, ortaggi e tanta “roba verde”, che molti integratori abbiano come base delle loro composizioni almeno un venti percento derivante dalla natura e nello specifico dal mondo vegetale. In effetti il fatto che attualmente l’uomo abbia bisogno dell’apporto di sostanze naturali dai vegetali è sia conseguenza del nostro essere onnivori e sia conseguenza del fatto che siamo da sempre alla ricerca (tra piante, animali, insetti e quant’altro) di cose che ci possano far stare meglio o addirittura curare quando stiamo male. E’ una pratica cominciata già dai primi uomini ed ominidi, quando per coprirsi in vestiti utilizzavano le foglie grosse di alcune specie vegetali oppure quando utilizzavano le stesse per coprirsi le ferite a mo’ di cerotto. Da lì si è passati ad un livello molto più alto con le prime grandi civiltà (Romani, Greci) ma soprattutto con l’avvento del MedioEvo, quando l’arte della magia, della medicina e la stregoneria si intrecciavano in maniera più che sospetta, ma a volte anche abbastanza efficace.
piccola aloe in vaso

Anjou Siero Vitamina C di Origine Svizzera, Complesso Antiossidante a Base di Vitamina C per il Viso con Acido Ialuronico, Anti-Età, Fiele Individuali per Applicazione Settimanale - 4 x 7ml / 0.23fl.oz.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 10€)


Aloe vera

pianta aloeUna delle piante più famose per i trattamenti di vario tipo che si praticano con un suo estratto è la pianta di Aloe: essa è una pianta appartenente alle “succulente”. Questa denominazione (che è precisissima in quanto scientifica) non deve far sopraggiungere un sorriso perché la intendiamo nel senso italiano del termine, che sarebbe quello di “appetibile come cibo”, bensì è da considerarsi nella denominazione latina che voleva significare “ricca di succo”. Ed è questa proprio una definizione molto realistica, in quanto le piante succulente (come potete vedere dalle foto dell’Aloe) sono piante a metà strada tra piante grasse e piante tropicali, quindi dotate di quei succhi interni di riserva che l’uomo ha imparato ad utilizzare perché ricchi di utili sostanze nutritive. Nello specifico l’aloe vera è una pianta che viene utilizzate nella erboristeria e nella cosmetica; nella prima, sotto forma di estratto liquido o in polvere, viene sfruttata come rigenerante e depurante per il corpo, oltre che per gli effetti lassativi di alcune sue molecole. Nella seconda invece viene utilizzata come componente di base delle creme per l’idratazione della pelle di tutto il corpo, soprattutto quella di viso e gambe nel pubblico femminile che ha bisogno sia di una certezza estetica e sia di una piena funzionalità.

  • pistacchi su pianta Appartenente alla famiglia delle Anacardiacee e al genere Pistacia, il Pistacchio, è un albero a fusto unico che può raggiungere anche i 15 metri di altezza. La produzione dei suoi frutti dura molto v...
  • Bacche di Goji I molteplici effetti positivi delle bacche di Goji sull'organismo umano sono ormai noti ed hanno contribuito notevolmente alla diffusione di questo frutto nel vecchio continente. Viceversa, molto meno...
  • effetti benefici tisane per dimagrire Anche se non è stato scientificamente testato, assumendo le tisane per dimagrire, oltre a far scendere l'ago della bilancia si hanno numerosi benefici che interessano tutto l'organismo. Le tisane per ...
  • Proprietà curative del glucomannano Il glucomannano è una fibra alimentare composta da un polisaccaride ad alto peso molecolare e si presenta sotto forma di una polvere granulosa derivata dall'essicazione del tubero di konjak. Tale poli...

Vegavero MSM | Zolfo biologico | 300 compresse con Zinco | Vegane – Naturali – Biologiche | Integratore contro i dolori articolari | 1000 mg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,9€
(Risparmi 6€)


Controindicazioni aloe

La parola “controindicazioni” è particolarmente famosa nella nostra società per via del fatto che essa è molto utilizzata quando parliamo di farmaci; essi sono frutti di una potente tecnologia farmaceutica in continua crescita, di grandi menti e di scoperte che in molti casi salvano vite umane continuamente. Però, come contraltare, spesso c’è qualche sostanza che aiuta un aspetto ma meno un altro, ed ecco spiegati gli effetti collaterali: sono effetti negativi che possono subentrare al fianco di quelli positivi per cui assumiamo i farmaci. Lo stesso vale, bene o male, per ogni sostanza, comprese quelle degli estratti naturali. In modo particolare, l’aloe è una pianta che oltre ad offrire tanti benefici può arrecare qualche danno quando le nostre condizioni fisiche non sono ottimali; per esempio, data la sua abbastanza forte azione lassativi, se abbiamo problemi come il morbo di Crohn o altre patologie a carico dell’intestino, l’effetto Aloe potrebbe peggiorare i sintomi. Lo stesso vale per altre infiammazioni come l’appendicite (dato che l’appendice è comunque una parte dell’intestino), oppure come i dolori del ciclo mestruale per le donne, che l’Aloe potrebbe amplificare un po’ (in quanto rende più sensibili alcune terminazioni).


Controindicazioni Aloe: Altre indicazioni

Abbiamo già enunciato sia le grandi proprietà dell’Aloe e sia le eventuali controindicazioni che si hanno quando ne si assume una quantità. A volte però gli errori li commettiamo anche noi esseri umani: ad esempio l’Aloe in vendita a scopo lassativo ha generalmente un tempo di primo effetto di circa sei ore o poco più; molte persone, dopo aver assunto la dose consigliata, vedendo trascorrere due o tre ore senza effetti, decide in autonomia di assumere altre dosi. Ma in questo modo se ne assume una dose più alta del consentito e si rischia di compromettere in modo grave la funzionalità momentanea del proprio intestino. L’estratto di Aloe, i cui componenti molto spesso vengono “congelati” prima di porla in vendita (dove per congelare intendiamo una sorta di inibizione chimica di alcune sostanze per non farle agire, operazione che si fa per alleviare gli effetti collaterali), inoltre ha la capacità di essere assimilato dal latte materno, rendendolo abbastanza amaro e quindi sgradito alla maggior parte dei bambini. Per questo motivo è sconsigliato assumere dell’Aloe durante il periodo dell’allattamento, e lo è anche per la gravidanza, perché assunta in alte dosi può provocare crampi addominali che o disturbano il bambino (a volte in maniera grave) oppure inducono spavento per incombenze alla gestazione stessa.



COMMENTI SULL' ARTICOLO