Lime

Quanto irrigare

La pianta di lime teme particolarmente i ristagni idrici, pertanto deve essere impiantata in un terreno che risulti essere ben drenante ma allo stesso tempo compatto, in grado di trattenere l'umidità. È una pianta adatta a vivere in climi tropicali, quindi tollera periodi di siccità prolungata, tuttavia per una buona crescita dei frutti è consigliabile irrigarla adeguatamente durante i mesi più caldi dell'anno. Inoltre, essendo una pianta che sviluppa un apparato radicale a fittone che scende ad elevate profondità, è bene irrigarla sopratutto in prossimità delle radici, così da evitare l'allungamento laterale delle radici, che potrebbero ostacolare le piante circostanti. La temperatura dell'acqua di irrigazione non dev'essere troppo differente rispetto a quella del terreno e della pianta, così da evitare pericolosi shock termici.
Fiore lime

Rolson 24779 - Set di 16 lime con custodia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,53€


Cure da fornire

Albero lime Il lime è un agrume che cresce soprattutto in zone calde e subtropicali (anche se si adatta egregiamente al clima mite dell'Italia), pertanto risente in modo importante delle gelate invernali, che potrebbero persino portarlo alla morte. L'albero raggiunge un'altezza non troppo elevata, assestandosi mediamente intorno ai 5 metri. Richiede molte ore di luce solare per svilupparsi al meglio, ma teme il vento, che può distaccare facilmente i fiori. La pianta di lime deve essere ben distanziata dalle altre piante, in quanto potrebbe entrare in competitività per il terreno. Quando sono giunti a maturazione, se si desidera, è possibile rimuovere i fiori (conosciuti col nome di zagare, di colore bianco e molto profumati) per creare degli oli essenziali usati in cosmesi o dei profumatori per ambienti.

  • Panoramica Agrumi Gli agrumi sono alberi appartenenti alla famiglia delle Rutaceae e ai generi Citrus (come arancio, limone o pompelmo), Fortunella (cioè il Kumqat) e Poncirus. I tre generi comprendono 18 specie stabil...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Arancio amaro L’arancio amaro, o melangolo, appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie aurantium. È un albero di modeste dimensioni, in grado di raggiungere un’altezza di 10 m, con una ...
  • Frutto di Arancio con foglie L’arancio dolce appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie sinensis.È un albero di modeste dimensioni, in grado di raggiungere un’altezza di 12 m, con una chioma densa e...

2055434 Elho verde Basics Garden Lime Green Flower Pot XXL Dimensione 80 x 42 x 34 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,72€


Come concimare

Fertilizzante organico La concimazione, per le piante che crescono spontaneamente in natura, non è necessaria; per le piante coltivate, invece, la concimazione è altamente consigliata sia come strumento di difesa, sia come contributo per lo sviluppo ottimale di fiori e frutti. Per le piante da poco messe a dimora, nello specifico, la concimazione dev'essere effettuata periodicamente in primavera ed in estate, utilizzando dello stallatico maturo bovino o equino contenente azoto, fosforo e potassio; il concime deve avere consistenza granulare, deve essere a lenta cessione e deve rendere il terreno ben drenante. Quando la pianta è nella fase adulta, è invece consigliabile utilizzare una volta l'anno, nel periodo primaverile ma prima della fioritura, un fertilizzante a base di azoto, associato ad un prodotto contenenti molti micronutrienti tra cui manganese, ferro e zinco.


Lime: Malattie e parassiti

Afide piante agrumi I parassiti che generalmente attaccano la pianta di lime sono quelli comuni a tutti gli agrumi. I principali insetti che attaccano il lime sono infatti afidi e cocciniglie. Gli afidi sono insetti minuscoli (grandi meno di un millimetro) che si nutrono della linfa vitale degli organi vegetativi della pianta, soprattutto quelli in crescita, causandone la morte e quindi la caduta. Inoltre, per nutrirsi, effettuano dei fori sulla pagina delle foglie, iniettando poi al loro interno delle secrezioni salivari dannose. Gli afidi possono essere facilmente rimossi con l'ausilio di antiparassitari specifici o, nel caso in cui vi siano un numero basso di esemplari, attraverso metodi manuali. Per quanto riguarda le cocciniglie, anch'essi si nutrono della linfa vitale della pianta, ma si manifestano in modo più evidente in quanto causano delle macchie bianche su rami e foglie, circondate talvolta da un alone rossastro. Le cocciniglie possono essere rimosse manualmente, adoperando dell'alcol etilico, oppure con un antiparassitario naturale a base di sapone di Marsiglia.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO