Castagno

Esigenze idriche

Il castagno è un albero presente in tutte le Regioni d'Italia prevalentemente allo stato selvatico. Il suo habitat ideale sono i boschi caratterizzati da un clima invernale non troppo rigido ed estati con temperature al di sopra dei 25°C. È un albero che teme il ristagno idrico, causa di marciume radicale, e la presenza costante di umidità, ma al contempo non sopporta le prolungate siccità estive. Gli esemplari più giovani sono particolarmente soggetti a questa problematica, per questo nei mesi più caldi e poveri di piogge vanno irrigati ad intervalli di 20 giorni circa, mentre per le piante adulte è sufficiente un intervento d'irrigazione una tantum; le attività d'irrigazione, in entrambi i casi, vanno interrotte con l'arrivo delle piogge. Al contrario, durante l'inverno, non è necessario irrigare la pianta.
Castagno

pianta Castagne h 20 in vaso 7 x 7 1^ scelta extra castagno piena terra o balcone in vaso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€


Attenzioni richieste

Castagne Il castagno è un albero molto delicato, che se ben curato può superare anche il secolo di vita. Innanzitutto, non tollera i ristagni idrici né terreni eccessivamente compatti, quindi è bene utilizzare un terreno drenante. Inoltre, questo albero, può raggiungere dimensioni molto elevate, pertanto non va impiantato nelle immediate prossimità di un'altra pianta, con la quale potrebbe entrare in competizione per il terreno. La potatura deve essere ridotta al minimo, per evitare i rischi d'infezione che sono correlati a questi interventi. Il castagno preferisce zone ventilate e non esposte costantemente alla luce del sole, soprattutto nei mesi più caldi dell'anno, e può essere coltivato ad un'altitudine massima di 1.200 metri. In prossimità della raccolta delle castagne, è bene effettuare una pulizia del terreno compreso tra due filari di alberi.

  • Ricci di Castagno Il castagno appartiene alla famiglia delle Fagacee ed al genere Castanea, comprendente numerose specie, le più importanti sono il castagno europeo (Castanea sativa) e quello giapponese (Castanea crena...
  • Fiori dell'albero di castagno L’albero di castagno è originario dell’Asia ma attualmente cresce spontaneamente in molte zone dell’Europa meridionale. In alcune regioni d’Italia il frutto di questa pianta ha contribuito a sconfigge...
  • Uno splendido castagno Il Castagno, albero originario delle regioni dell'Asia occidentale, è presente anche in alcune aree mediterranee, come l'Italia e la Francia meridionale. In maniera minore, è presente anche nella peni...
  • Piante di Castagne d'acqua La Trapa natans è il nome scientifico della pianta più conosciuta comunemente come Castagna d'acqua. Appartiene alla famiglia delle Trapaceae ed è originaria del continente euroasiatico ed africano. P...

CESTERIA - Paniere cesto rettangolare in castagno per raccolta funghi misura 40x30x19 manic

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29,9€


Come concimare

Ricci castagne Il concime migliore da fornire al castagno è il letame bovino o equino, da impiantare a 15 centimetri circa di profondità, per favorirne l'assorbimento da parte delle radici. Se il terreno non raggiunge una quantità di sostanza organica del 2%, sono necessari circa 300 quintali di letame per ettaro. L'area occupata da un castagno va privata di erbe infestanti, attività che - quando la pianta ha raggiunto l'età adulta - può essere effettuata mediante il pascolo di pecore e capre, mentre durante la fase di crescita, si possono accostare delle leguminose che possono fornire ulteriori sostanze organiche. Il castagno, inoltre, risulta essere molto sensibile al pH del terreno, che dev'essere leggermente acido (compreso tra 5 e 6,5); valori di pH neutro o basico possono portare la pianta ad appassire. È preferibile utilizzare terreni pianeggianti o leggermente pendenti, non calcarei e molto drenanti.


Castagno: Malattie e parassiti

Albero castagno funghi Negli ultimi anni si è avuta una drastica riduzione della produzione di castagne a causa di una malattia molto diffusa, ovvero il cancro della corteccia. Questa malattia, causata dal fungo Cryphonectria parasitica, attacca la pianta a partire dalle ferite (presenti sulla corteccia o dovute alla potatura dei rami) e si manifesta con macchie rosse che circondano il tronco, portandolo poi alla morte. Il fungo attacca tutte le parti legnose della pianta, ad eccezione delle radici, e col passare degli anni mostra delle piccole sfere arancioni, che sono le strutture riproduttive del fungo. La malattia può essere prevenuta disinfettando le ferite con sali di rame. Un'altra malattia fungina che attacca il castagno è il cosiddetto mal d'inchiostro: questa sindrome causa l'ingiallimento delle foglie e la riduzione della fioritura; nei casi più gravi, dopo poche settimane, provoca la morte dell'albero. Anche in questo caso è opportuno disinfettare le ferite dell'albero con sali di rame, oltre che evitare i ristagni idrici, sede dei funghi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO