Fico d'india

Come annaffiare

Le irrigazioni del fico d'India dovrebbero essere fatte nel momento in cui il terreno risulti secco. Solitamente infatti, durante la primavera e l'estate va irrigato solo una volta ogni sei o sette giorni, mentre durante l'autunno e l'inverno deve essere bagnato una volta ogni trenta giorni, chiaramente valutando a seconda della temperatura. Se la temperatura nei giorni invernali si dovesse abbassare molto, bisogna assicurarsi di mantenere il terreno asciutto. Evitare sempre che si formino ristagni di acqua nel sottovaso dato che questi, non vengono sopportati e portano inevitabilmente a far marcire le radici. Se invece, viene coltivato in campo aperto bisogna fare attenzione durante l'impianto, a non posizionarlo a fondo valle o in fossati della terra, soprattutto se la zona risulti piovosa.
Pianta fico d'india

SAFLAX - Set per la coltivazione - Ciliegio del Giappone / Sakura - 30 semi - Prunus serulata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


Come coltivare

Frutto fico Si è soliti pensare che le piante grasse come il fico d'India crescano tranquillamente anche se non curate a dovere. Questo non corrisponde alla realtà dato che hanno bisogno di attenzioni. Sono in grado di vivere anche trascurate ma, sicuramente, non di produrre al meglio delle loro capacità. Basta dedicare poco tempo settimanalmente per ottenere da queste una crescita e una fruttificazione molto soddisfacente. Di solito vengono coltivate nei campi ma anche in vaso. Hanno bisogno di parecchia luce, in ogni stagione, con una esposizione diretta al sole e orientate verso sud.Tollerano le temperature che raggiungono il caldo estremo, ma soffrono con temperature che scendono al di sotto dello zero. Nel caso fossero tenute in casa, vanno posizionate nei pressi di una finestra, in modo tale da garantire una corretta areazione.

  • ficodindia1 Appare spesso sullo sfondo dei film e dei documentari dedicati alla Sicilia. Anzi potremmo dire che costituisce il simbolo di questa regione. Stiamo parlando del Fico d’India, pianta grassa a portamen...
  • ficuscarica4 E’ una pianta di innegabile valore ornamentale, ma è anche apprezzata per la dolcezza dei suoi frutti. Abbondantemente coltivata negli orti privati, sua su terreno che in vaso, viene annoverata tra l...
  • ficus exotica In natura esistono numerosissime varietà di ficus ma, tra tutte, la più diffusa è quella del Ficus exotica. Questo ficus, nelle zone in cui ha avuto origine, è conosciuto per essere utilizzato da tutt...
  • ficus binnendijkii Il Ficus Binnendijkii è una pianta d’appartamento particolarmente diffusa che ha avuto origine nelle zone asiatiche. Questo tipo di pianta è conosciuto per il suo diffusissimo utilizzo con funzione or...

Avocado – Persea americana – pancetta, Cartamodello Semilla)-Vaso Tubo – 40 cm di alt.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 50,7€


Concimazione e scozzolatura

Fico fiore La pianta di fico d'India va concimata con un fertilizzante liquido in primavera e per tutto il periodo estivo, effettuando questa operazione una volta al mese. Durante l'autunno e l'inverno non bisogna concimare poiché il fico entra in riposo vegetativo e non ha bisogno di concime, che si accumulerebbe nella terra andando a danneggiare le radici. Per ottimizzare la crescita e la fioritura, aggiungere all'acqua un fertilizzante ricco di azoto, ferro, rame e zinco, elementi fondamentali per un corretto sviluppo della pianta. Un'altra operazione da effettuare è la scozzolatura, ovvero l'eliminazione delle fiorescenze sbocciate durante la primavera, per fare crescere i frutti provenienti dalla seconda fioritura, la quale si presenta durante il periodo estivo, producendo dei frutti di dimensioni maggiori e dal gusto migliore.


Fico d'india: Raccolta dei frutti e potatura

Frutti raccolti Solitamente il fico d'India comincia la fioritura all'inizio del periodo estivo e continua durante l'estate. I frutti vengono raccolti mano a mano che maturano utilizzando specifiche protezioni oppure usando delle canne conformate e cesoie per eliminare il rischio di punture e ferite. Dal momento che sono raccolti non bisogna toccarli a mano nuda prima di averli lavati accuratamente e tagliati, in maniera tale da togliere la buccia ricoperta di spine. Alla fine possono essere consumati freschi o tenuti in frigorifero, per altri utilizzi e elaborazioni come marmellate o dolci. Per quando riguarda la potatura viene effettuata durante la primavera tagliando le pale danneggiate o che si toccano una con l'altra. Si eliminano per dare alla pianta una forma idonea e conforme all'allevamento, specialmente se viene coltivata in campo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO