Potatura melo video

Potatura melo video

La potatura del melo va fatta o se l'albero si trova in situazione di cattiva condizione di salute oppure per contenere la dimensione della pianta o naturalmente per aumentare la produzione di frutti e fiori. Sapere quando potare il vostro melo è importante. Individuando il giusto periodo di potatura infatti, eviteremo di arrecare dei danni all'albero. Il periodo ideale è quello compreso tra la fine del gelo e il momento in cui le gemme cominciano a germogliare: dunque, per le zone dell'Italia settentrionale e le zone appenniniche, il periodo ideale è marzo (o talvolta la prima metà di aprile nelle zone più fredde), quando è meno probabile che possano arrivare delle gelate. Per le zone mediterranee invece è possibile procedere già la seconda metà di febbraio, anche perché la fase dei fiori arriva circa un mese prima.
Un albero di mele Golden

1 PIANTA DI FICO BROGIOTTO NERO ALBERO DA FRUTTO MATURA A AGOSTO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Lo scopo della potatura

Un melo adulto in fase di potatura Distingueremo quindi, a seconda dell'esigenza che abbiamo, due tipi di potatura: la potatura detta "di formazione" e la potatura " di produzione". Il primo tipo è per chi possiede un melo ai primi anni di vita e deve ancora dare la forma alla pianta. Consiste in piccoli aggiustamenti da effettuare in simmetria, anche tenendo conto dello spazio che si ha a disposizione. Il secondo tipo di potatura invece, ha lo scopo di massimizzare la produttività. Occorre potare il melo costantemente, per fare in modo che la pianta raggiunga la forma desiderata, la quale vista dall'alto può essere o a forma di stella oppure di forma "appiattita" (solitamente adottata nelle grandi produzioni per ottimizzare gli spazi). Un albero di mele sano ben potato dovrà avere uno spazio significativo tra i rami.

  • Pianta di melo con frutti La storia del melo è molto antica; sembra che il suo centro d’origine sia localizzato in unaregione montagnosa del Sud-Est della Cina dove, tramite la propagazione delle specie Malus Sieversii, si s...
  • Melograno con frutti Il melograno appartiene alla famiglia delle Punicacee, al genere Punica ed alla specie granatum. È un arbusto particolarmente cespuglioso, alto fino a 5 m, con un tronco tortuoso, screpolato e ramific...
  • Frutto di Pummelo Il pummelo, detto anche pomelo o pampaleone, appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie grandis o maxima; sembra essere l’agrume più ancestrale, infatti dovrebbe risalire ...
  • melo selvatico Il Melo selvatico (Malus sylvestris) è un albero di piccole dimensioni appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Non ha un’apparenza imponente né è molto longevo dato che non arriva al secolo di età ...

1 PIANTA DI FICO BROGIOTTO NERO ALBERO DA FRUTTO MATURA A AGOSTO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Quali rami tagliare?

In primo piano una lamburda di melo: in inverno si presenta con una gemma grande apicale Prima di procedere è necessario saper distinguere i rami da tagliare. Eccoli in sintesi. I rami di un anno sono di 3 tipi: dardi (non produttivi), brindilli (esili, da eliminare dopo la fruttificazione), rami misti (con gemma apicale vegetativa e gemme miste lungo l'asse). Le lamburde fiorifere hanno origine dai dardi e sono rami di due anni. Dopo la formazione dei frutti, vi si accumula amido formando la borsa. La borsa è il ramo di 3 anni che ha un rigonfiamento sulla punta da cui si genereranno dardi e lamburde. I rami di oltre 4 anni infine sono detti zampe di pollo e sono solitamente da eliminare in quanto generano solo frutti di piccole dimensioni. Sono facilmente riconoscibili per la presenza di una successione di più borse. Questa precisazione era doverosa poichè ogni varietà di melo concentra la sua produzione in modo diverso. Per citare alcune varietà più diffuse: la Golden Delicious ad esempio produce soprattutto su rami misti, la Red Delicious su lamburde fiorifere e la Granny Smith è legata all'innesto (può essere o concentrata su lamburde o su rami misti). Adesso possiamo procurarci il materiale e cominciare!


Iniziamo a tagliare!

Il taglio della sezione finale deve essere al livello del ramo su cui era cresciuto il precedente. Ci servirà una scala, una corda, cesoie e un seghetto.Muoviamo la scala intorno all'albero quando necessario, legandola ogni volta ad un ramo robusto.Ci verrà più facile lavorare se sulla scala ci poniamo ad un livello superiore rispetto al ramo che stiamo tagliando. Se il ramo che scegliamo è robusto, lo possiamo tagliare in più sezioni: sarà più facile da gestire. In questo modo tuteliamo la nostra sicurezza ed evitiamo che, quando sta per cadere un ramo molto pesante, esso strappi la corteccia creando così danni all'albero. Il taglio finale su ogni ramo è necessario sia perfettamente a livello di quello da cui lo stacchiamo: in questo modo velocizzeremo la chiusura del taglio e anche la ricrescita della corteccia sarà accelerata. Rimuovere infine quei germogli indesiderati che crescono vicino alla base del tronco (questo lo potremo fare anche nel corso della fase vegetativa, ogni volta che spuntano).



Guarda il Video
  • potatura melo Potare un albero, non è necessario. Le piante in natura infatti non necessitano dell’intervento dell’uomo, crescono e al
    visita : potatura melo

COMMENTI SULL' ARTICOLO