Kiwi coltivazione

Il kiwi: come scegliere dove piantarlo e in quali quantità

Il termine dioico significa che alcune piante di kiwi sono maschi, e servono per l’impollinazione; mentre altre sono femmine, e producono il frutto del kiwi. Per fare in modo che crescano rigogliose, dunque, vi è la necessità di avere sia la pianta maschio che la femmina. Se lo spazio che si ha a disposizione per coltivarle è limitato, bisogna prediligere una coppia di questi due; se invece si può usufruire di molto spazio, allora è bene che la pianta del kiwi possa appoggiarsi a una pergola, ad un muro o a qualsiasi altro tipo di sostegno o tutore. I rami del kiwi sono possenti e hanno bisogno di un appoggio forte per essere sostenuti. Se la coltivazione potrà estendersi su un terreno grande, non sarà necessario alternare maschio e femmina, si potranno piantare anche più kiwi femmina (circa cinque) intervallate da un solo maschio.
Un kiwi

30 Semi di PITAYA FRUTTO DEL DRAGO in 3 Varietà: PITAYA BIANCA, PITAYA PURPLE e PITAYA GIALLA + GUIDA COLTIVAZIONE OMAGGIO, Hylocereus Undatus, Hylocereus Costaricensis, Hylocereus Megalanthus

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


Kiwi: clima adatto e coltivazione

Una coltivazione di kiwi Il kiwi cresce rigoglioso in un clima ombreggiato e umido: teme il gelo, e per questo il periodo ideale per la sua messa a dimora è la primavera. Un consiglio utile è tenerlo lontano da venti, che seccano il terreno in cui affonda le radici e potrebbero anche danneggiarne i rami. Le piante vanno posizionate ad una distanza di 2 metri l’una dall’altra, in un terreno ricco o arricchito con torba e sabbia: è necessario poi aggiungere stallatico maturo ogni 2 o 3 anni, tra il periodo autunnale o invernale per concimare. Bisogna anche garantire alla coltivazione del kiwi una rete che sovrasti la pianta, che faccia da barriera ai raggi del sole e impedisca un ricircolo d’aria frequente, in modo che il livello di umidità resti adeguato e la fruttificazione avvenga in modo corretto. Inoltre, occorre ripararla da temperature troppo basse: durante l’inverno, l’ideale sarebbe coprire le coltivazioni per favorirne la protezione. Per quanto riguarda invece l’irrigazione della pianta, è bene che il terreno sia sempre bagnato, dunque non bisogna dimenticarla durante il periodo estivo.

  • Il Frutto della actinidia chinensis L’actinidia appartiene alla famiglia delle Actinidiacee ed all’omonimo genere; le specie più importanti sono Actinidia chinensis, quella maggiormente coltivata, e Actinidia arguta, avente frutti picco...
  • Kiwi verde: polpa verde e semi neri a raggiera La pianta del kiwi è rampicante e per questo motivo ha bisogno di un sostegno per crescere. Il kiwi, infatti, è prodotto da numerose specie di liane del genere Actinidia della famiglia delle Actinidia...
  • Kiwi in maturazione La coltivazione del kiwi può essere fatta partendo da giovani esemplari acquistati in un negozio specializzato di giardinaggio. Il kiwi ama i climi adatti anche alla coltivazione degli agrumi, per cui...
  • Ramo di kiwi Il bisogno di acqua della pianta del kiwi è davvero elevato, questo soprattutto nella prima fase della crescita e per gli arbusti piantati recentemente. Presenta delle radici in superficie con un volu...

FALKET 6066/A - Tagliarami a cuneo lama curva "special lever" cm. 60

Prezzo: in offerta su Amazon a: 82,9€


Kiwi: la raccolta del frutto

Kiwi Una volta posta nel terreno adatto, quindi non calcareo e a ph sufficientemente acido, la pianta del kiwi comincerà a dare dei frutti circa tre anni dopo che si è deciso di metterla a dimora, principalmente nel periodo autunno-inverno. Dopo aver raccolto il frutto, è consigliabile potare leggermente tutti i rami che ha fruttificato all’interno della coltivazione. Se ci si accorge che la vegetazione si sta facendo troppo fitta e che la pianta rischia di non essere arieggiata a sufficienza, potrebbe anche essere necessario tagliare verticalmente i rami più alti dopo la fioritura, che avviene durante il periodo estivo. Attenzione: se si tralasciano alcune di queste operazioni, è molto probabile che dopo non molto tempo la pianta assuma un aspetto di groviglio, che renderebbe difficile la futura raccolta del frutto e ne porrebbe a rischio la salute.


Kiwi coltivazione: Kiwi: le malattie della pianta

Frutti di kiwi sani Come ogni vegetale, anche la pianta del kiwi può ammalarsi e subire l’azione patogena di alcuni batteri presenti in natura. Una tra le malattie più temute è la cosiddetta Batteriosi del kiwi, provocata dal batterio Pseudomonas Syringae Actinidiae (PSA). La si può riconoscere immediatamente grazie alla colorazione che fa assumere ai fiori e ai frutti: essi tendono a diventare più scuri, prima marroni e poi neri, accartocciandosi su se stessi e avvizzendo. Le foglie subiscono lo stesso destino, prima si ingialliscono e pian piano si imbruniscono, lasciando comunque un alone giallo a contornare la zona morta. Anche i rami, tronchi e viticci ne sono colpiti, si riempiono di zone infette che producono un essudato (liquido) rossastro. Per evitare che la pianta si ammali bisogna dedicarle le cure di cui sopra, con particolare attenzione al terreno, all’irrigazione, alla potatura e anche alla concimazione. Molto importante, inoltre, un’osservazione attenta e costante degli esemplari nella coltivazione.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO