Pianta avocado

Caratteristiche principali della pianta di avocado

La pianta di avocado appartiene alla famiglia delle Lauraceae ed era già apprezzata per i suoi frutti in epoca precolombiana. Attualmente viene coltivata anche in Spagna, Israele e nella parte più meridionale dell’Italia ma quasi solo per scopi decorativi. L’avocado è un sempreverde caratterizzato da un alto fusto e da un apparato radicale esteso. Una pianta adulta oltrepassa i venti metri d’altezza e riesce ad ombreggiare in maniera efficace ampie zone di un giardino. I fiori sono poco appariscenti e rimangono visibili agli insetti solo in minima parte. Questa peculiarità è alla base della loro scarsa produttività. I frutti possono avere varie dimensioni e un colore che va dal verde smeraldo al viola scuro. La polpa calorica è nutriente e ricca di grassi.
Pianta di avocado

AvoSeedo - Wachsen Sie Ihren eigenen Avocado Tree Indoor (Immergrün)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€


Varietà

Frutto dell'avocado Le varietà botaniche della pianta di avocado sono tre: la guatemalteca, l’antillana e la messicana. Ciascuna si distingue dalle altre per la forma delle foglie e per il colore dei germogli. La varietà messicana ha un caratteristico profumo d’anice che le altre due non hanno. Nel corso degli anni sono stati creati numerosi ibridi e innesti per ottenere piante più resistenti agli attacchi dei parassiti o con una maggiore produttività. Attualmente i frutti che si trovano in commercio derivano principalmente dalla Fuerte e dalla Ettinger, varietà ibride che hanno una forma allungata e una buccia verde brillante sottile. Se invece si preferisce un avocado con un sapore decisamente migliore, bisognerà acquistare un Hass: la sua buccia ruvida varia dal verde smeraldo al marrone scuro e ha un aroma molto intenso.

  • Il frutto della pianta di Avocado L'Avocado è una pianta arborea sempre verde, ad alto fusto, con un sistema di radici molto espanso e che si sviluppa molto in profondità. La sua chioma, molto ricca di ramificazioni, è voluminosa, dal...
  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Fiori di Pesco Il pesco è originario della Cina, dove tutt’ora lo si può ancora rinvenire allo stato spontaneo. Alessandro Magno, in seguito alle sue spedizioni contro i Persiani, portò il pesco in Grecia, mentre i ...
  • Pianta di Susino con frutti Il susino appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee, ed al genere Prunus; le specie più importanti sono il susino europeo e quello giapponese.Il susino e...

AvoSeedo - wachsen Sie Ihren eigenen Avocado-Baum Indoor (Blau)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,67€


Riproduzione per seme

Frutti dell'avocado Riprodurre una pianta di avocado partendo dal seme non è affatto complicato. Per prima cosa è necessario eliminare tutta la polpa rimasta aderente al nocciolo e, in un secondo momento, bisogna immergerlo per metà in acqua fredda assicurandosi che non tocchi sul fondo. Sistemate il tutto in un luogo ben illuminato ma non esposto direttamente ai raggi solari. Evitate di sistemarlo in un ambiente ventilato e, a distanza di venti giorni, vedrete le prime radici. Subito dopo spunterà il germoglio e allora potrete mettere a dimora la nuova piantina. Scegliete un terreno fertile e morbido composto principalmente da una miscela in parti uguali di sabbia e terriccio. Annaffiatelo non più di una volta a settimana per evitare che le radici possano marcire.


Pianta avocado: Frutti

La raccolta degli avocado inizia a fine ottobre e prosegue fino a metà novembre per le varietà più precoci mentre la raccolta delle varietà tardive può arrivare fino a aprile. La varietà che ha una migliore resa è la Hass a patto che sia dotata di un ottimo porta innesti. La produzione per ettaro oscilla da un minimo di 10 ad un massimo di 20 tonnellate circa. Il frutto più piccolo pesa 200 grammi ma può arrivare anche a mezzo chilo. Per verificare lo stato di maturazione, basta premere leggermente la buccia con le dita. Se risulta morbido al tatto è pronto per essere gustato. La polpa può essere consumata così oppure cucinata per creare salse o insalate di ogni tipo, a seconda delle proprie esigenze.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO