Coltivare mirtilli

Messa a dimora

L'aspetto più importante da valutare è il tipo di suolo a disposizione dal momento che l'arbusto, per crescere sano, necessita di un terreno acido (pH tra 4.5 e 5.5). Le piante vengono messe a dimora tra ottobre e maggio in buche distanti circa 80 cm e profonde 50-60 cm. La terra deve essere arricchita con letame e terriccio di foglie decomposte o torba. Vanno esposte in pieno sole, nelle zone a clima temperato, a mezz'ombra nelle zone caratterizzate da estati molto calde. Il mirtillo non teme il freddo e predilige un terreno umido. Va però tenuto al riparo dal vento, che causa la rapida evaporazione dell'acqua dalle radici. Per mantenere umido il terreno è consigliato porre aghi di pino, corteccia o foglie secche, attorno alla pianta.
Messa a dimora

100pcs frutta semi semi di mirtillo nero perle Mirtilli fai da te countyard Bonsai piante Semi per la casa e giardino di 100 semi 49%

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Cure colturali

Cura del mirtillo I primi due anni dalla messa a dimora la pianta di mirtillo lavorerà di radici e di conseguenza la fruttificazione sarà modesta. In questo periodo le potature si devono limitare allo sfoltimento dei rami laterali bassi. Negli anni successivi andranno invece tagliati i rami deboli, quelli rovinati e quelli a crescita scomposta. L'irrigazione è molto importante, in quanto le radici devono essere mantenute al fresco, soprattutto durante la fioritura e il periodo della raccolta dei frutti, facendo attenzione a non creare ristagni d'acqua. La concimazione in genere non è necessaria, ma se si dovesse riscontrare un impoverimento del terreno si può intervenire con un fertilizzante ricco di ferro. Il periodo ideale per la concimazione è quello compreso tra la caduta delle foglie e la ripresa vegetativa. phys.org

  • Panoramica Agrumi Gli agrumi sono alberi appartenenti alla famiglia delle Rutaceae e ai generi Citrus (come arancio, limone o pompelmo), Fortunella (cioè il Kumqat) e Poncirus. I tre generi comprendono 18 specie stabil...
  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Pianta di melo con frutti La storia del melo è molto antica; sembra che il suo centro d’origine sia localizzato in unaregione montagnosa del Sud-Est della Cina dove, tramite la propagazione delle specie Malus Sieversii, si s...

nave libera di semi Blueberry semi di frutta in vaso 40seeds mirtillo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Raccolta

Raccolta dei mirtilli Il primo anno dopo la messa a dimora, per ottenere negli anni successivi una produzione ottimale di bacche, è necessario rimuovere tutti i fiori dalla pianta, per favorire lo sviluppo dell'apparato radicale. Il mirtillo fiorisce in maggio e fruttifica in luglio-agosto. Nel periodo estate – autunno, quando i frutti hanno raggiunto la completa maturazione, avviene la raccolta. Prima di raccogliere le bacche è importante aspettare che si colorino di blu e diventino molto dolci, dal momento che una volta staccate dalla pianta si interrompe il processo di maturazione. E' inoltre opportuno proteggerle dagli uccelli con una rete apposita. La raccolta può essere effettuata manualmente, con l'aiuto di appositi rastrellini, o meccanicamente, nel caso di grandi produzioni. galleryhip.com


Coltivare mirtilli: Malattie e parassiti

Ruggine Coltivare mirtilli: malattie e parassiti. Normalmente l'arbusto non viene attaccato dai parassiti ed è resistente alle malattie. Il mirtillo è molto esigente per quanto riguarda il terreno di coltura e se questo non è adatto avrà una crescita stentata. Infine, se il terreno è calcareo, o presenta un ph elevato, possono insorgere marciumi di colletto e radici e la clorosi ferrica (ruggine), che causano ingiallimento e morte della pianta. Recentemente è stato osservato un nuovo patogeno, lo Pseudomonas syringae, un batterio che provoca delle piccole lesioni sui rami di un anno, osservabili in inverno. Alle lesioni spesso si accompagnano emissioni gommose. Per controllare questa malattia è importante asportare e distruggere i rami malati prima dell'arrivo delle piogge autunnali, che creano la condizione ideale per la diffusione del batterio.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO