Ragnetto rosso vite

Ragnetto rosso

Il ragnetto rosso è considerato uno tra gli acari più fastidiosi e dannosi per le piante che ne vengono colpite. E’ un acaro fitofago che attacca diverse piante sia da frutto che da fiori ed è faticosissimo combatterlo. Esistono due specie in natura: la prima è chiamata PanonychusUlmi, la seconda è chiamata TetranychusUrticae. Il ragnetto rosso appartenente alla specie Panonychus attacca principalmente gli alberi da frutta e la vite, mentre quello appartenente alla specie Tetranychus tende ad attaccare i pomodori, la soia, i fagioli e altri legumi. Il ragnetto rosso è un parassita molto pericoloso per le piante perché ha la capacità di riprodursi in modo molto veloce e nel giro di pochi giorni. I danni che provoca questo parassita influiscono molto sia sulla qualità che sulla produzione., compromettono in modo grave la produzione dei frutti e riportano dei danni qualitativi perché attaccano i nuovi germogli alterandone la produzione dei frutti.
vite florida

OLIOCIN 500 ML BAYER insetticida lotta biologica cocciniglie agrumi e piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Ragnetto rosso della vite

Come già scritto precedentemente, esistono due specie di ragnetti rossi in natura e, quello che attacca la vita, appartiene alla specie PanonychusUlmi. Le dimensioni di questo insetto sono molto ridotte: l’esemplare femmina misura circa 0,4 millimetri, mentre l’esemplare maschio è ancora più piccolo. L’esemplare femmina ha il corpicino di colore rossastro, mentre il maschio ha una colorazione bruna che tende al verdastro con il passare del tempo. La femmina depone le sue uova alla base delle gemme e, da queste, nascono i piccoli esemplari che iniziano a nutrirsi di varie parti della pianta. Il ragnetto rosso è in grado di dare vita a otto generazioni all’anno. Il periodo in cui si manifestano i primi attacchi è quello tra la primavera e l’estate, particolarmente pericoloso per via dell'esplosione di energia vitale che coinvolge la natura tutta.

  • pomodori colpiti da ragnetto rosso Appartenente alla famiglia delle Solanacee, il pomodoro, è una pianta erbacea perenne introdotta in Europa dall’America latina. Il pomodoro da vita a dei frutti molto succosi ed utilizzati in cucina p...
  • foto al microscopio Il Ragnetto rosso è un acaro che infesta molte piante sia da giardino che orticole. Complici degli attacchi di questi parassiti sono i climi secchi e caldi ed i danni che provocano influiscono sulla p...
  • Alcuni esemplari di Tetranychus urticae La presenza di questi fitoparassiti sulle piante si svela, in genere, quando è ormai in atto una corposa infestazione. Il Tetranychus urticae (nome scientifico del ragnetto rosso) è una specie di acar...
  • Colonia ragnetti rossi Il ragnetto rosso, che può infestare con facilità orti, giardini e terrazzi, fa parte della classe Aracnida, ordine Acarina, quindi è da considerarsi un acaro e non un ragno che, pur appartenendo alla...

Magicmoon Repeller Ultrasonico del Parassita, Uso interno! Ideale Controllo Ratti, scarafaggi, insetti, Le zanzare, piccoli roditori e di più - non tossico Sicuro per i bambini Animali domestici - Nessun bisogno di batterie - Garanzia 100% di soddisfazione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Ragnetto rosso vite: Sintomi e cause

La causa principale degli attacchi da parte del ragnetto rosso sono le condizioni climatiche. Un clima caldo e secco stimola il loro sviluppo, la loro diffusione è maggiore nei luoghi con piovosità scarse e umidità assente. Per prevenire la diffusione del ragnetto rosso dobbiamo fare in modo da creare un buon tasso di umidità nell’ambiente in cui cresce la vite, magari incrementando le annaffiature e bagnando il fogliame ed i nuovi germogli. I sintomi che la vite manifesta riguardano soprattutto le foglie, esse si decolorano ed ingialliscono e successivamente si seccano e cadono prima del tempo. Ci accorgiamo della loro presenza per le macchione bianche e polverose che si formano sul margine inferiore delle foglie, le macchioline corrispondono agli escrementi delle larve pericolosissime perchè voraci.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO