Alberi ornamentali

Le piante ornamentali

Gli alberi ornamentali svolgono svariate funzioni fra le quali sicuramente l'ossigenazione, la protezione dai raggi del sole e dagli agenti atmosferici, ma aiutano anche a contribuire al benessere e ad ornare l'ambiente nel quale vengono piantati, grazie alla presenza dei fiori e delle foglie molto colorati. Quindi sono in grado sia in un giardino pubblico sia in un giardino privato di migliorare le condizioni di forte antropizzazione, mitigando in questo modo gli aspetti negativi dell'urbanizzazione. La piantumazione di alberi ornamentali quindi è volta soprattutto alla valorizzazione e alla creazione di comfort e benessere generalmente per migliorare l'impatto visivo, in seguito a questo devono sottostare a precise norme per quando riguarda l'ubicazione e soprattutto la distanza da case e da strade pubbliche.
Piante ornamentali

200 / bag semi di pomodoro nero di frutta e verdura semi resistente alle malattie ornamentali per l'impianto di alberi da frutto-piantine

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Alberi ornamentali sempreverdi

Ulivo Gli alberi e gli arbusti sempreverdi sono quelli che non perdono le foglie all'inizio della stagione fredda, ma che subiscono un rinnovamento graduale durante l'arco dell'anno. Le piante sempreverdi possono essere divise in conifere, che presentano foglie aghiformi (come il pino e l'abete) e prediligono vivere in un clima freddo e le latifoglie, cioè piante che presentano foglie larghe (come l'olivo, il mirto, l'alloro) che rappresentano la flora tipica della macchia mediterranea. Fra le piante ornamentali sempreverdi, per ornare adeguatamente un giardino o un parco, sarebbe opportuno scegliere fra le conifere. Le conifere hanno un buon portamento, con chiome compatte e producono resine profumate, oltre ad essere piante che esigono poche attenzioni mostrando anche una crescita molto lenta.

  • liquidambar styraciflua I Liquidambar sono alberi estremamente interessanti appartenenti alla famiglia delle Altingiaceae o Amamelidaceae a seconda della classificazione adottata, il cui nome significa “ambra liquida” dato ...
  • pioppo tremulo Il Pioppo tremolo (Populus tremula) è un albero appartenente alla famiglia delle Salicaceae che arriva a 25 m di altezza al massimo, con la ramificazione ascendente che genera una chioma rada e globos...
  • potare3-1 Per ottenere una maggiore resa estetica e produttiva, si ricorre spesso a delle tecniche colturali che prevedono l’asportazione di alcune parti della pianta. L’asportazione delle parti vegetali, come ...
  • albero-1 La botanica degli alberi è una branca della botanica che classifica e censisce tutte le specie arboree. Visto che molti alberi sono coltivati sia a fini produttivi che ornamentali, la botanica di ques...

SHINE HAI SK5 Cesoie Ergonomiche per Potatura da Giardino in Acciaio-Lame Affilate perfette per tagliare Cespugli, Arbusti & Siepi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€
(Risparmi 19,2€)


Alberi ornamentali da giardino

Magnolia La scelta degli alberi ornamentali per il giardino richiede di tenere in conto moltissimi fattori che potrebbero influenzarne la giusta disposizione: lo spazio per la messa a dimora, la tipologia e l'umidità del terreno, la zona climatica, il tipo di colture e la presenza di un manto erboso.In caso si volesse realizzare un giardino mediterraneo che presenta terreni alcalini e venti salmastri potrebbero essere scelte sia piante sempreverdi sia caducifoglie come i pini, le querce, gli ulivi, gli agrumi, le mimose o le palme.Per giardini montani si potrebbero piantare i pruni, i meli, le magnolie, gli aceri giapponesi o le conifere che presentano fiori molto colorati.Per un giardino in pianura si potrebbero piantare le palme, i ciliegi, le magnolie che resistono bene alla nebbia e all'afa.


Potatura degli alberi ornamentali

Potatura La potatura degli alberi ornamentali è una procedura delicata, proprio per la natura ornamentale che svolgono i rami e le foglie. La potatura degli alberi ornamentali serve per stabilire una corretta struttura, per riuscire a dirigere la crescita dell'albero non disturbando piante vicine o costruzioni, o per eliminare le parti pericolose o quelle malate. La potatura andrebbe fatta in modo che si eliminino solamente i tessuti del ramo, in modo da non danneggiare il fusto e consentirgli di chiudere la ferita aperta. La potatura non deve lasciare monconi che potrebbero essere attaccati da parassiti. Generalmente il periodo migliore per la potatura per le caducifoglie è quello durante il riposo vegetativo (in inverno) o dopo la completa maturazione delle foglie (in estate). Le conifere possono essere potate in qualsiasi momento dell'anno.




COMMENTI SULL' ARTICOLO