Il genere Lilium

Il genere Lilium e le sue caratteristiche

Il genere Lilium annovera attualmente circa ottanta specie di piante, appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, originarie dell’Asia, dell’Europa e di buona parte del continente americano. Note con il nome volgare di giglio, le piante appartenenti a questo genere sono delle bulbose e, a seconda della specie o varietà, il bulbo è sferico e composto da diversi strati esterni. Le foglie, che partono dall’apice del bulbo e si sviluppano lungo tutto il fusto, sono lanceolate, coriacee e verde brillante. Il fusto centrale può raggiungere in alcune specie anche i due metri d’altezza (sebbene la maggior parte dei gigli presenti in commercio raramente arrivano ad un metro), al cui capolino si sviluppano i fiori, imbutiformi e composti da sei petali vellutati. La gamma di colori è incredibilmente vasta in questo genere; si parte dal bianco fino ad arrivare al porpora, passando per il giallo ed il verde. Le forme ibride ed alcune varietà prodotte artificialmente, presentano colori doppi o tripli, alcuni dei quali ricordano le ali di alcune farfalle tropicali.
Varietà rosa di Lilium

FONDOLINFA ORTENSIE TERRICCIO PRONTO ALL'USO PER ORTENSIE E TUTTE LE PIANTE ACIDOFILE IN GENERE CONFEZIONE DA 10 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,5€


I gigli più comuni

Lilium candidum, noto come Delle oltre ottanta specie di gigli presenti in natura, non sono molte quelle commercializzate, ma alcune di esse fanno capolino tra le varie cultivar ed ibridi. La specie più conosciuta in assoluto è il Lilium candidum, o "giglio della Madonna". Questa specie è originaria dei Balcani ed i suoi fiori, grandi ma affusolati, sono di colore bianco puro (da cui il nome scientifico), con foglie sottili e lucide. Sono state selezionate in seguito delle nuove cultivar che presentano petali rosati o ambrati. Il Lilium bulbiferum è comune in giardini e parchi, dove si presta agevolmente all’arricchimento di aiuole a ridosso di muri, ma è facile rinvenirlo spontaneo in molte zone rurali di tutta la Penisola; fiori sono ampi e di colore arancione, picchiettati di giallo o marrone, caratteristici per essere riuniti in un’infiorescenza ad ombrello. In fine, il piccolo Lilium davidii fa sfoggia di sé per le minute dimensioni; esso infatti non supera i 120 centimetri di altezza e sul suo lungo fusto affusolato si sviluppano diversi fiori di modeste dimensioni, arancioni e picchiettati di nero, con petali rivolti all’indietro.

  • Fiori di lilium Il lilium o giglio è un genere di pianta che appartiene alla famiglia delle Liliaceae ed ha origine dall'Europa, dall'Asia e dall'America del Nord. Il genere comprende piante che mostrano un'altezza v...
  • giglio Tutti i fiori, che la natura ci ha sapientemente regalato, sono ricchi di simboli e di significati che tendono a esprimere emozioni e sentimenti sia positivi che negativi. Tra i fiori in grado di e...
  • Maranta La Maranta, una Pianta da Esterno in Vaso, è una sempreverde erbacea ed è denotata da foglie molto caratteristiche dalle diverse forme e dai diversi colori che rimangono dritte nelle ore notturne per ...
  • I bellissimi fiori del Clianthus Se la vostra passione è il rosso, c'è un vasto assortimento di piante che fanno al caso vostro. Tra queste il Centranthus ruber, erbacea perenne o anche annuale, a seconda della specie. Ha foglie gri...

Giacinto Blu Delft - 15 Bulbi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,55€


Coltivare i Lilium

Gruppo di gigli coltivati in vaso La coltivazione del giglio è una pratica semplice da attuare, dal momento che richiedono pochi accorgimenti. Si parte dai bulbilli, che si prelevano dal bulbo madre in autunno e si lasciano svernare in luogo fresco ed asciutto. In primavera si piantano ad una profondità di circa 20 centimetri, in terriccio misto a torba di sfagno e sabbia di fiume, avendo cura di innaffiarli regolarmente e mantenere il substrato costantemente umido. Dopo la germinazione, si trasferiscono in giardino o in un vaso ampio, ben esposti al sole almeno per otto ore al giorno. La concimazione sovente non è necessaria, ma per aiutare la ripresa dei bulbi si può usare un concime granulare apposito per liliace, da mescolare al terreno poco prima della semina. La fioritura (che varia da specie a specie) inizia a marzo e si protrae fino all’autunno inoltrato; durante quest’arco di tempo vanno eliminati fiori e foglie ormai secchi, per evitare la comparsa di muffe. Quando alla fine dell’autunno la pianta avrà concluso il ciclo vegetativo, i bulbi vanno estratti dal terreno e messi a svernare, oppure coperti con materiale in pvc fino alla primavera.


I principali parassiti

La Lilioceris lilii, principale parassita del giglio Sebbene il genere Lilium sia composto da piante particolarmente resistenti, una minaccia ricorrente è rappresentata dal Lilioceris lilii, un piccolo coleottero crisomelide. Questo parassita, comune in tutta Europa, raggiunge le dimensioni di circa 6 millimetri (8 o 9 negli esemplari di sesso femminile) e sia allo stadio larvale, che in quello di adulto, infesta e attacca le foglie, i fiori e le gemme dei Lilium. Il primo sintomo è dato dall’ingiallimento e dai fori (simili a bruciature) delle foglie; ispezionandone il lato inferiore è facile scorgere le larve, piccole e ricoperte da una sostanza scura, che banchettano con costanza insieme alle forme adulte, di colore rosso brillante. Se l’attacco è localizzato, si eliminano i parassiti mediante un batuffolo di ovatta imbevuto di alcool, ma dal momento che questi coleotteri sono in grado di volare, è bene attuare delle misure protettive per scongiurare la morte delle piante. In commercio esistono diversi prodotti appositi, ma è possibile utilizzare del piretro o dell’olio di neem, avendo cura di applicarlo più volte alla settimana, soprattutto negli interstizi fogliari e sui germogli giovani.




COMMENTI SULL' ARTICOLO