Terreno

Conservazione dei bulbi

Le piante bulbose sono caratteristiche e si differenziano dalle altre specie vegetali non solo, appunto, per la presenza del grosso bulbo dal quale si sviluppano foglie e fiori, ma anche per il loro carattere annuale e la possibilità (consigliata per il benessere della pianta) di rimuovere il bulbo dal terreno alla fine del suo ciclo vegetativo per conservarlo fuori dal terreno e per poterlo poi riutilizzare con l'arrivo della primavera. I bulbi vanno estratti dal terreno con attenzione affinchè non si rovinino, naturalmente una volta che il ciclo vegetativo è giunto al termine, dopo la fioritura e il periodo di massimo sviluppo della pianta. La rimozione dal terreno non è indispensabile tutti gli anni, ma consigliata almeno ogni due o tre, per eliminare i bulbilli che nel frattempo si saranno formati accanto al nucleo principale. I bulbi, una volta estratti dal terreno, devono essere accuratamente ripuliti e conservati o nuovamente nel terreno, ma in un ambiente che risponda alle esigenze climatiche dei bulbi stessi, oppure al di fuori del terreno in un ambiente umido, buio, sufficientemente arieggiato ma comunque riparato e con temperature comprese tra i 15 e i 25 gradi. In questo modo, la stagione successiva i bulbi saranno pronti per tornare nel terreno e dare vita a coltivazioni rinforzate e ancora più rigogliose.
Terreno

BioBizz Light-Mix Sacco Terriccio 20L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Tipi di terreno

BulbiNon tutti i terreni sono adatti ad accogliere qualsiasi bulbo: tenere conto delle caratteristiche delle specie che si desidera coltivare e del terreno a disposizione è il primo passo per riuscire a creare uno spazio fiorito. Il primo fattore da tenere presente è la qualità del terreno, che non deve essere “contaminato” dalla presenza di ghiaia o sassi: per la corretta crescita dei bulbi è necessario ricorrere ad un terreno che sia omogeneo e allo stesso tempo ben drenante. I bulbi, infatti, patiscono particolarmente l'umidità, di conseguenza il terreno non deve favorire i ristagni idrici. Il terreno ottimale è quindi ben setacciato, estremamente permeabile e di natura argillosa: meglio evitare i tipi di terreno calcareo, che non favorirebbero lo sviluppo delle piante. Caratteristiche più specifiche possono legarsi alle esigenze delle singole piante, anche se in linea generale questi criteri possono essere considerati validi per le bulbose, sia che vengano posizionate in vaso sia invece che si scelga di disporle direttamente nel terreno del proprio giardino. Terreni ricchi di silicio sono ideali e, in linea generale, i migliori per accogliere i bulbi: ad ogni modo, per terreni non ottimali è possibile provvedere con una corretta concimazione, purché non siano presenti caratteristiche del tutto dannose per i bulbi stessi.

  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Divano per esterni Il giardino è uno spazio verde non solo del quale prendersi cura, ma anche dal quale farsi accogliere per trascorrere nel confort e nel relax il proprio tempo libero, in una dimensione tranquilla e ri...
  • Tavolo da giardino in legno Per un amante degli spazi all'aria aperta, il giardino non è solo un colorato angolo decorativo che introduce all'abitazione, ma è parte integrante dell'ambiente domestico nel quale vivere la propria ...
  • Ombrellone da giardino Con una spesa contenuta e poche semplici operazioni, è possibile ricreare zone d'ombra in qualsiasi giardino e in qualsiasi momento della giornata, grazie alle infinite varietà di ombrelloni presenti ...

MoonCity 3-in-1 del terreno tester misuratore di umidità, luce e PH acidità Tester, Plant Kit terreno tester, ideale per giardino, Farm, Prato, Indoor & Outdoor (nessuna batteria stata necessaria)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€
(Risparmi 13€)


Interrare i bulbi

BulbiIl periodo ottimale per interrare i bulbi è quello primaverile, nei mesi di marzo e aprile, quando il clima non è troppo freddo e in tempo per la fioritura estiva. Per i bulbi a fioritura primaverile, invece, la messa a dimora deve avvenire nel periodo autunnale, in modo tale che i freddi dell'inverno arrivino quando la pianta ha già sviluppato le prime radici. Al di là delle indicazioni generali, ad ogni modo, è consigliabile tenere conto della fascia climatica d'appartenenza e delle caratteristiche specifiche della specie che si decide di coltivare, individuando così il periodo ottimale. Solitamente si sceglie di interrare più bulbi in posizione ravvicinata, per dare vita ad uno spazio fiorito ricco di colore: nel fare questo, però, è importante tenere comunque conto dello sviluppo radicale: ad esso deve essere garantito sufficiente spazio affinchè i singoli bulbi non si soffochino a vicenda, soprattutto se si programma di non rimuovere le singole piantine per un paio di anni. Anche la profondità è molto importante e varia a seconda della specie che si decide di piantare: una regola generale può essere quella di piantare i bulbi ad una profondità doppia rispetto all'altezza del bulbo stesso.


Terreno: Concimazione

BulbiDalla qualità del terreno, dalla giusta profondità della messa a dimora e dallo svolgimento di queste attività nel giusto periodo dell'anno dipende in larga parte la crescita della pianta. Se le ultime due caratteristiche dipendono esclusivamente da chi si occupa dei lavori e possono essere eseguite senza particolari vincoli, non sempre questo vale anche per il terreno: a volte ci si ritrova ad avere a che fare con un terreno, soprattutto in giardino, non per forza ottimale pur senza voler comunque rinunciare alla coltivazione delle piante bulbose scelte. Se l'incompatibilità non è eccessiva, o se comunque, in ogni caso, si desidera migliorare la fioritura e favorire la crescita sana e rigogliosa delle piantine, la concimazione è un'operazione importantissima anche se, appunto, non sempre necessaria. La concimazione del terreno che accoglie i bulbi va effettuata all'inizio della primavera o comunque prima del periodo di fioritura, per garantire alla piantina in crescita il nutrimento necessario a svilupparsi al meglio in ogni sua parte. In questi casi si ricorre al concime solubile, da spargere insieme all'acqua di irrigazione, con cadenza quindicinale per il periodo della fioritura. Invece, il concime solido si utilizza mischiandolo col terriccio nel momento in cui si interrano i bulbi, soprattutto nel caso ci sia bisogno di aggiustare la composizione del terreno stesso riducendone l'acidità o arricchendolo di elementi nutritivi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO