Pelargonium

Informazioni generali sul pelargonium

Appartenente alla famiglia delle Geraniaceae, il pelargonium Ŕ una pianta perenne originaria dell'Africa del Sud, importata nel nostro continente da un nobile veneziano impressionato dalla bellezza dei suoi fiori: per la precisione, la prima specie importata fu quella del Pelargonium triste, che profuma esclusivamente di notte. Deve il suo nome al termine greco "pelarg˛s" (cicogna), a sottolineare la forma di becco di cicogna dei suoi semi. La particolaritÓ di questa pianta risiede nei suoi fiori, che sviluppano per tutto l'anno, con tonalitÓ che variano dal rosso al bianco, passando per tutte le sfumature di rosa. Le foglie sono rotondeggianti, pi¨ chiare al centro che in periferia, descrivendo una sorta di cuore nella parte centrale; sono inoltre molto profumate, tanto che da esse si estraggono i terpeni d'uso cosmetico. E' una pianta dotata di portamento cespuglioso e fusto semilegnoso.
Vasi di gerani su terrazza

Nuovo arrivo! 20 pc / pacchetto di geranio Semi perenne fiore Semi Pelargonium peltatum Semi, 17 colori disponibili, # 95PCKP

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Tecniche di coltura ed esposizione del pelargonium

VarietÓ di pelargonium odoratissimum Il geranio Ŕ una pianta particolarmente facile da coltivare, adatta anche al pi¨ inesperto dei giardinieri, fatto per cui Ŕ ancora oggi una delle piante da appartamento pi¨ amate. Il pelargonium predilige temperature massime intorno ai 25░C, mentre soffre quando la temperatura scende al di sotto dei 15░C; inoltre, vegetano meravigliosamente in ambienti con buon ricircolo d'aria. Eccezion fatta per poche varietÓ, la stragrande maggioranza dei gerani necessita di ricevere molta luce, purchÚ non sia esposta direttamente ai raggi solari, che potrebbero comportare un forte ostacolo alla crescita rigogliosa della pianta. In particolare, nelle regioni montane, si consiglia di esporre il geranio verso sud, mentre nel resto d'Italia a sud-est, di modo che le foglie non vengano danneggiate dal sole pomeridiano.

    20 particelle / Lot geranio giardino Semi Pelargonium fiori perenni coperta di semi di Camera * della decorazione del giardino di Halloween Flower Pot

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


    Tipologia di terreno e concimazione del pelargonium

    VarietÓ di pelargonium peltatum La estrema facilitÓ con cui Ŕ possibile coltivare questa pianta dipende anche dal fatto che non necessita di particolari attenzioni enlla scelta del terriccio. In ogni caso, il consiglio Ŕ di prediligere terreni misti di torba (sia bionda che bruna), a cui vengano addizionati carbonato di calcio, per innalzare il ph del substrato a valori intorno a 6.4, e terra argillosa, che durante il periodo estivo e di siccitÓ garantirÓ una riserva idrica alla pianta. A differenza di molte altre piante d'uso comune, il geranio necessita di una continua concimazione. Si dovranno prediligere i concimi liquidi, da diluire nell'acqua dell'innaffiatura ogni due settimane, per tutto il periodo primaverile ed estivo; il concime dovrÓ essere ricco di potassio, azoto e manganese, necessari per un corretto sviluppo della pianta.


    Pelargonium: Annaffiatura e potatura del pelargonium

    VarietÓ di pelargonium hortorum Il geranio Ŕ una pianta che richiede un'annaffiatura continua. Durante il periodo primaverile ed estivo, Ŕ necessario innaffiare in modo da bagnare completamente il terreno, avendo cura di attendere che si sia asciugato per bene, prima di procedere con la successiva irrigazione. Durante il periodo autunnale ed invernale, invece, l'innaffiatura Ŕ meno frequente, sufficiente ad evitare che il terriccio si asciughi eccessivamente. Dal momento che questa pianta fiorisce per tutto l'anno, Ŕ buona norma eliminare tutte le foglie secche e i fiori appassiti, in modo tale da evitare il diffondersi di parassiti e malattie, oltre che per mantenere inalterato il carattere ornamentale e decorativo del geranio. Negli esemplari pi¨ giovani, Ŕ consigliato inoltre spuntare gli apici vegetativi, in modo da favorire un'ottima ramificazione.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO