Albizia

Come irrigare l'albizia

Questa elegante pianta può essere coltivata sia in pieno terreno, sia in vaso. Le irrigazioni, nel primo caso, vanno regolate sulla base delle precipitazioni: devono, cioè, essere intensificate durante la stagione estiva, particolarmente se si verificano periodi di siccità prolungata, e limitate nel corso dell'inverno, soprattutto se le piogge sono frequenti. Qualora la coltivazione avvenga in vaso, invece, bisogna annaffiare con costanza e far sì che il terreno non rimanga asciutto a lungo. Per le irrigazioni in giardino si suggerisce il metodo per aspersione, il quale permette di gestire le risorse idriche in maniera controllata e di bagnare direttamente il suolo, evitando il fogliame. È estremamente importante non incorrere in ristagni d'acqua, pericolosi in quanto causa di marciumi delle radici.
Albizia giardino

Albizia Julibrissina Pianta Astoni in vaso di Albizia Julibrissina - Astone in vaso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Consigli per la coltivazione

Fiori albizia L'albizia si adatta piuttosto facilmente a varie tipologie di suolo, anche se preferisce i terreni lievemente acidi, morbidi e, soprattutto, ben drenati. La moltiplicazione avviene attraverso la semina, da effettuare in primavera, o per talea estiva; in entrambi i casi bisogna eseguire l'impianto in un contenitore apposito, da monitorare costantemente, per poi trapiantare l'esemplare ancora molto giovane in un vaso più grande o in giardino. La potatura deve verificarsi al termine dell'inverno, ed è finalizzata all'eliminazione dei rami secchi, rovinati dal freddo e dai venti intensi; è essenziale servirsi di strumenti appositamente disinfettati ed affilati, ad esempio delle cesoie. Nei parchi e nei giardini lo sviluppo della pianta può essere aiutato tramite una pacciamatura periodica del terreno.

  • Disegno botanico di buddleja madagascariensis La buddleia è una pianta appartenente alla famiglia delle buddlejaceae. Essa si presenta come un albero, o un arbusto, dalle infiorescenze che assumono la forma di lunghe pannocchie. Si trova diffusa,...
  • Arbusto di Mirto tipico della macchia mediterranea Il Mirto Tarantino è un arbusto sempreverde, che fa parte della famiglia delle Myrtaceae, che comprende 4000 specie di piante, tra cui anche l’Eucalipto Australiano. Originario della Persia è diffuso ...
  • Foglie lucenti di Aralia Le piante ornamentali del genere denominato Aralia, si caratterizzano per le grandi foglie di colore verde scuro e di forma palmato-lobata. Sono più di sessantotto le specie appartenenti alla famiglia...
  • Infiorescenze piumose di Cortaderia Le varietà di piante denominate Cortaderia, conosciute anche come erba delle Pampas, si caratterizzano per l'aspetto esotico e sono appartenenti alla famiglia delle Poaceae. Erbacee sempreverdi, il fo...

Albizia julibrissin "Summer Chocolate" (Acacia di Costantinopoli) [H. 100-150 cm.]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 72€


Come eseguire la concimazione

Albizia concimazione La fertilizzazione può essere effettuata con un prodotto granulare a rilascio lento, annualmente, alla fine della stagione invernale, oppure con un concime liquido da somministrare una volta al mese, nel periodo della fioritura, insieme all'acqua delle irrigazioni. L'importante è fornire alla pianta la giusta quantità di azoto, potassio e fosforo, i tre macroelementi, più alcuni microelementi altrettanto essenziali come il magnesio ed il manganese. I tre elementi maggiori svolgono un ruolo fondamentale: l'azoto, infatti, supporta lo sviluppo dei tessuti, il potassio aiuta la sintesi proteica e l'assorbimento degli zuccheri ed, infine, il fosforo favorisce il metabolismo ed il rafforzamento delle radici. Bisogna, tuttavia, fare in modo che l'azoto non sia mai troppo abbondante, poiché provocherebbe un indebolimento dell'esemplare.


Albizia: Esposizione, parassiti e malattie

Esposizione acacia costantinopoli L'albizia si sviluppa correttamente sia in pieno sole, sia a mezz'ombra; l'esposizione, comunque, deve avvenire in ambienti protetti dalle intemperie. Sono tollerate le basse temperature, purché il freddo non sia eccessivo: in caso contrario, infatti, l'esemplare coltivato potrebbe anche morire. Un parassita molto fastidioso è la psilla, insetto che si nutre della linfa della pianta provocando perforazioni ai germogli e alle foglie; queste ultime vanno incontro ad un progressivo ingiallimento, fino a disseccarsi completamente. Il rimedio più efficace consiste in insetticidi specifici a base di piretro. Nei casi di sovrabbondante umidità possono verificarsi, in più, malattie fungine come i marciumi e le muffe, causa di un generale deterioramento della pianta e contrastabili con anticrittogamici a base di rame o zolfo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO