Belle di notte

Come e quanto innaffiare la Bella di Notte

Una delle particolarità più importanti riguardanti la bella di notte è che richiede innaffiature costanti e abbondanti, soprattutto nei periodi più caldi dell'anno, ovvero nei mesi estivi di luglio e agosto. L'innaffiatura deve avvenire tuttavia solo quando il terreno si è del tutto seccato e sia diventato asciutto, al fine da prevenire eventuali ristagni di acqua che potrebbero far marcire le radici. La bella di notte è infatti molto sensibile ai ristagni idrici che possono generarsi da queste situazioni. Per tale motivo, le innaffiature devono avvenire prevalentemente al mattino presto, oppure subito dopo il tramonto. In inverno le innaffiature devono essere regolate in relazione al clima e all'ambiente in cui la pianta è collocata. In ogni caso devono essere sempre costanti e abbondanti.
Bella notte fiore

GETSO 20 pc commestibile di Frutta Limone Meyer Bonsai, Piante Esotiche Citrus Lemon Tree Bonsai freschi Frutta Verdura Erbe Piante Facile T: 19

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


La coltivazione della Bella di Notte

Bella notte rigorosa La bella di notte ha spiccate origini tropicali, pertanto una loro corretta coltivazione prevede un'esposizione solare costante. Per lo stesso motivo il clima ideale è quello di origine tropicale, ovvero con temperature abbastanza calde. Il terreno deve essere fertile e sufficientemente ricco di materia organica, oltre ad essere ben drenato e umido. Il periodo ideale per la germinazione è la primavera, durante la quale si rinforzano le radici e si sviluppano le foglie. Nei periodi estivi avviene poi la proliferazione dei fiori e lo splendido sbocciare dei fiori, dai colori più variegati. Al giungere dei mesi autunnali e invernali è bene mettere al riparo la bella di notte, per non farla andare incontro a temperature troppo rigide e fredde, di cui è particolarmente sensibile. In inverno si può anche procedere ad una corretta potatura della pianta, in quanto generalmente la bella di notte presenta un'eccessiva rigogliosità durante i mesi estivi.

  • giardinaggio Il giardinaggio è quell’arte che si occupa della cura e della coltivazione delle piante negli spazi esterni e interni, pubblici o privati. Non a caso, più che tecnica, si preferisce definirlo un’arte...
  • fiori lantana La natura è meravigliosa per molti, moltissimi aspetti, uno su tutti è chiaramente l’incredibile varietà con cui essa si mostra a noi: infatti se inglobiamo tutto il mondo che ci circonda nel mondo na...
  • lingua di suocera dai fiori rossi Quella che comunemente chiamiamo lingua di suocera è in realtà una pianta grassa il cui nome botanico è epiphyllum. Si tratta di una pianta esotica che presenta dei fusti appiattiti e sottili, con i b...
  • Le bacche della pyracantha navaho La pyracantha navaho è la versione nana della normale pyracantha, un arbusto sempreverde originario dell’Europa e di alcune zone dell’Asia. La specie madre può raggiungere fino i tre metri di altezza,...

AeroGrow Aerogarden Harvest Slim Giardino, Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 139,95€


La giusta concimazione del terreno

Bella notte giardino Nonostante la bella di notte non sia particolarmente esigente, è bene garantirgli sempre un terreno abbastanza fertile e ben concimato. Questo infatti può incidere in maniera significativa sulla rigogliosità della pianta, soprattutto durante i mesi primaverili ed estivi. A tal scopo, la concimazione del terreno deve avvenire in maniera costante specialmente durante il periodo della fioritura, ovvero durante i mesi di luglio e agosto. Per poter avviare una buona concimazione è sufficiente diluire dei prodotti liquidi a base organica nell'acqua che si utilizza per l'innaffiatura, e immetterli nel terreno almeno un paio di volte ogni mese. Il concime liquido deve contenere elementi a base di azoto, fosforo e potassio. A volte è anche indispensabile e utile aggiungere elementi di magnesio e calcio, specie quando la pianta incomincia a presentare foglie secche.


Belle di notte: Malattie e possibili rimedi

Foglie ingiallite La bella di notte è forse una delle piante comuni più soggette ad attacco di parassiti di vario tipo. In primo luogo troviamo gli afidi, che si attaccano allo stelo della pianta e alle corrispettive foglie succhiando la linfa e causando la progressiva degenerazione del fogliame, dei germogli e dei fiori. A seguito di un attacco di afidi la pianta risulta spesso indebolita, e quindi è bene procedere con una buona fertilizzazione del terreno e con una difesa tramite antiparassitari specifici. Gli antiparassitari devono essere spruzzati sulle foglie non appena si nota un ingiallimento della piante e un suo accartocciamento. Altro attacco che può ricevere una bella di notte è quella che deriva dalla diffusione di funghi, denominate fumaggini, che vanno a minare l'integrità delle foglie. Particolare attenzione deve essere posta anche alle radici, che sono spesso soggette al marciume radicale causato dai ristagni idrici. Innaffiature non troppo abbondanti potrebbero essere una buona e semplice soluzione.



COMMENTI SULL' ARTICOLO