Cistus

Annaffiatura, esposizione e potatura

La pianta di Cistus non richiede molta acqua e teme i ristagni: ha radici delicate che, così come non amano l'espianto ripetuto, tollerano male anche l'accumulo d'acqua. È opportuno, quindi, abbeverare il Cistus unicamente nei periodi particolarmente caldi e solo quando il terreno è ben asciutto. In inverno, l'irrigazione della pianta va ridotta, se non sospesa del tutto. Il Cistus ama i luoghi soleggiati e non teme il vento: solo la varietà "Ladanifer" (meno "rustica" delle altre specie), posta nelle regioni calde, richiede una posizione ombreggiata. L'intervento di potatura deve riguardare esclusivamente le eventuali parti morte o gravemente danneggiate, da intemperie o parassiti; tuttavia, una leggera cimatura delle piante giovani consente un miglior infoltimento della parte vegetativa.
Fiore cistus

720°DGREE Borraccia Termica Acciaio Inox "milkyBottle" - 350 ml - Senza-BPA, Isolato Sottovuoto, Doppia Parete, A Prova di Perdite Anche per Acido Carbonico - Bottiglia Termos

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,97€


Moltiplicazione e coltivazione

Cistus Salvifolius Prostratum La moltiplicazione del Cistus avviene per semina o per "taleaggio". I semi vanno posti in cassoni, a fine inverno, o direttamente a terra, verso la metà della primavera. Il Cistus si propaga velocemente, quindi è opportuno riservarle un adeguato spazio affinché non venga soffocata da altre piante, sue "vicine" in giardino. Le talee, invece, si prelevano a primavera e radicano in un compost costituito da sabbia e torba. La scelta della talea deve ricadere sui rami maturi ma con non più di un anno di vita. Prima dell'impianto sul "compost" di coltura, le talee possono essere trattare con "ormoni radicanti". Una volta posta a dimora, la pianta non dovrebbe essere più spostata perché le sue radici soffrono l'espianto. Se coltivato in vaso, il Cistus richiede un fondo di "argilla espansa", per consentire la completa fuoriuscita dell'acqua.

  • Boccioli e fiori di Camellia japonica Tra piante sempreverdi da vaso la specie di Camellia japonica è molto diffusa e coltivata a scopo ornamentale. Pianta sempreverde della famiglia delle Theaceae, è originaria del continente asiatico. I...
  • Esemplare di Bonsai Abete Il Bonsai Abete si realizza con una pianta sempreverde che fa parte delle Conifere, apprezzata nell'arte bonsai soprattutto perché richiede poche cure colturali.Si può lavorare per ottenere qualunque ...
  • Bonsai Ligustrum vulgare Il Bonsai Ligustrum è una pianta sempreverde con una fitta chioma e foglie rotonde. Poiché il Ligustrum possiede in natura delle foglie piccole, è particolarmente adatto alla realizzazione di bonsai p...
  • Pianta di Andromeda polifolia Blue Ice Conosciuta comunemente con il nome di Andromeda giapponese, la Pieris japonica è una specie arbustiva sempreverde. Appartenente alla famiglia delle Ericaceae, questa pianta è originaria del continente...

Pittosporum tobira (Pittosporo) [Vaso Ø22cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25€


Terriccio e concimazione

Fertilizzante granulare Il substrato di coltura adatto al Cistus è quello morbido, moderatamente fertile e ben drenato. I ristagni idrici possono essere scongiurati aggiungendo ai terricci troppo compatti e argillosi della sabbia di fiume. Questa pianta tollera bene anche i terreni calcarei ma non eccessivamente gessosi, perché si corre il rischio di intaccare l'apparato radicale con la clorosi. La varietà "Salvifolius", invece, richiede un terriccio acido. Nel caso di gelate, il Cistus va riparato con un telo di tessuto non tessuto e con una "pacciamatura", disposta alla base della pianta. Il Cistus non richiede particolari interventi di concimazione, salvo al termine del periodo invernale, quando potrebbe essere utile aiutare la pianta cospargendo alla sua base del fertilizzante "ternario" in granuli a lento rilascio.


Cistus: Malattie e rimedi

Malattie pianta cisto Il principale problema del Cistus è costituito dalla delicatezza delle sue radici che, in presenza di ristagni idrici, possono marcire per asfissia. Oltre a non eccedere con l'acqua d'irrigazione, è necessario testare periodicamente la capacità di drenaggio del terreno di coltura e la corretta ventilazione della zona ove la pianta è posta a dimora. Il Cistus può subire attacchi parassitari da parte di afidi e cocciniglie, debellabili con prodotti fitosanitari specifici ma anche con rimedi biologici. Per non dover somministrare alla pianta una quantità eccessiva di antiparassitario, è bene procedere alla rimozione manuale degli afidi e della cocciniglie, usando un panno umido da passare su foglie, steli e boccioli. Le parti danneggiate da tali "ospiti indesiderati" vanno prontamente potate.


  • cistus Tra i fiori più belli offerti dalla macchia mediterranea, possiamo a buona ragione annoverare il cistus (famiglia Cistac
    visita : cistus

COMMENTI SULL' ARTICOLO