Frangipane pianta

Frangipane pianta: origini e caratteristiche

Il nome botanico della pianta frangipane è plumeria, ma viene spesso chiamata anche pomelia: si tratta di una specie che fa parte delle Apocinacee e che cresce spontaneamente solo in zone dell’America tropicale. Si tratta di paesi del Sud America, dei Caraibi, anche se oggi si trova anche alle Hawaii e in paesi dell’Asia sub-tropicale. La pianta frangipane è un arbusto che raggiunge raramente grandi dimensioni e che, per alcune caratteristiche, è molto simile a piante come gli oleandri e altre specie. Può avere foglie caduche o sempreverdi, mentre ha fusti carnosi che col passare degli anni diventano legnosi; anche i rami sono carnosi ma non solo molto fitti. Le foglie sono grandi, dure, a punta e di un verde brillante. I fiori, simili a quelli dell’oleandro, crescono a mazzetti a forma di stella sugli apici dei rami: ogni fiore può avere fino a sette petali, che possono essere bianchi, gialli, rosa, rossi, oppure sfumati di varie tonalità. La frangipane produce anche delle bacche dopo la fioritura, ma non vanno assolutamente ingerite perché sono velenose.
Una <em>pianta frangipane</em> dai fiori bianchi

Vivai Le Georgiche ILEX AQUIFOLIUM ARGENTEA MARGINATA (AGRIFOGLIO) [Vaso &#216;18cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,2€


Frangipane pianta: come coltivarla nel nostro clima

Un esemplare di frangipane coltivato in vaso La pianta frangipane è originaria di posti esotici dal clima tropicale, dunque è molto difficile coltivarla alle nostre latitudini. Tuttavia, da anni è ormai largamente diffusa anche nell’area mediterranea e, soprattutto in luoghi come la Sicilia, cresce rigogliosa senza problemi. Questo dimostra che questa specie può essere coltivata anche da noi, ma solo in zone dove d’inverno le temperature non sono troppo rigide e dove non si verificano gelate. Nelle zone fredde, al massimo, la plumeria si può coltivare in vaso, affinché sia possibile metterla a riparo in inverno: questo non vuol dire, però, che è una pianta d’appartamento. Anche stare chiusa in casa può farle male, perché l’aria troppo asciutta potrebbe impedire la normale fioritura primaverile; dunque l’ideale sarebbe metterla a riparo in serra oppure sotto un pergolato, coperta però da un telo di tessuto specifico per questo genere di piante.

  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Divano per esterni Il giardino è uno spazio verde non solo del quale prendersi cura, ma anche dal quale farsi accogliere per trascorrere nel confort e nel relax il proprio tempo libero, in una dimensione tranquilla e ri...
  • Tavolo da giardino in legno Per un amante degli spazi all'aria aperta, il giardino non è solo un colorato angolo decorativo che introduce all'abitazione, ma è parte integrante dell'ambiente domestico nel quale vivere la propria ...
  • Ombrellone da giardino Con una spesa contenuta e poche semplici operazioni, è possibile ricreare zone d'ombra in qualsiasi giardino e in qualsiasi momento della giornata, grazie alle infinite varietà di ombrelloni presenti ...

Vivai Le Georgiche MAGNOLIA LILIFLORA SUSAN

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,8€


Frangipane pianta: coltivazione

Dei fiori di frangipane dai colori sfumati Per coltivare bene la pianta frangipane, sia che la mettiamo direttamente a dimora a terra sia che la teniamo in vaso, bisogna trovare una zona soleggiata in cui l’esemplare possa beneficiare dei raggi del sole diretti per diverse ore al giorno. Bisogna usare un terriccio universale di alta qualità, unito a un po’ di sabbia e a della pietra pomice per drenarlo bene e scongiurare i pericolosi ristagni d’acqua. La frangipane è una pianta che non va annaffiata spesso, basta intervenire solo quando il terreno è completamente asciutto. Nel periodo che va da marzo a settembre, insieme all’acqua dell’irrigazione, alla pianta va somministrato del concime per piante da fiore, ogni due settimane circa. In pieno inverno non va mai irrigata; la frangipane non necessita di potature, al massimo a fine inverno si possono eliminare i rami danneggiati per favorire la nascita di nuovi germogli primaverili.


Frangipane pianta, usi e coltivazione

Un mazzetto di fiori che cresce sulla cima di un ramo di frangipane Non tutti lo sanno, ma i fiori della pianta frangipane nei paesi tropicali vengono utilizzati per comporre delle ghirlande o delle collane che vengono poi indossate dalle donne nei giorni di festa. Queste collane di fiori vengono anche donate agli ospiti come segno di benvenuto. Per moltiplicare una frangipane si possono prelevare i semini contenuti nelle bacche legnose che la pianta produce dopo la fioritura. La propagazione tramite seme impiega però parecchio tempo, bisogna aspettare alcuni anni prima di veder spuntare i fiori della nuova pianta. Se si intende procedere in questo modo, i semi vanno messi in un vaso con un terriccio mescolato a sabbia, dopo essere stati a bagno un paio d’ore nell’acqua. In seguito il terreno va tenuto sempre umido fino allo spuntare dei nuovi germogli. La pianta crescerà di pochi centimetri al mese, dunque la vedremo nel suo pieno vigore solo dopo almeno tre anni. Alle nostre latitudini esistono solo frangipane ibride, dunque non si può conoscere il colore del fiore quando si semina; se si vuole ottenere una pianta identica a quella madre, si possono operare delle talee in estate, prelevando i rami che non hanno fiorito.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO