Palla di neve

Caratteristiche principali della palla di neve

La pianta palla di neve è a tutti gli effetti un piccolo viburno caratterizzato da foglie decidue. Solitamente non oltrepassa i 250 centimetri di altezza e cresce spontaneamente su tutto il territorio italiano ma è originario dell'Asia. Presenta foglie grandi dalla forma trilobata che ricordano vagamente quelle degli aceri. Hanno una colorazione verde tenue che in autunno assume sfumature gialle e arancioni. La pianta ha un portamento eretto ma leggermente globulare. Presenta ampie ramificazioni con una chioma compatta. Le infiorescenze compaiono agli inizi della primavera e il loro profumo raggiunge grandi distanze. Hanno una forma a ombrello oppure sferica a seconda della varietà. Le colorazioni dei fiori variano dal bianco al rosa passando attraverso tutta la gamma di sfumature intermedie.
Pianta di palla di neve fiorita

'Palla di neve "Stra ndkor pane bianco 4,5 x 4,5 x 6 cm, Poliresina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,95€


Il metodo di coltivazione

Piante di palla di neveLa pianta palla di neve preferisce le zone ben illuminate dal sole. Può svilupparsi senza grandi problemi in luoghi semi ombreggiati ma le sue infiorescenze saranno meno numerose e la loro profumazione potrebbe risultare inibita completamente. Per quanto riguarda il terreno, predilige quelli argillosi ricchi di sostanze nutritive ma cresce anche in suoli sabbiosi oppure caratterizzati da un'elevata umidità.Sopravvive senza problemi in ambienti molto inquinati e tollera le basse temperature prolungate. I forti venti la danneggiano ma teme la salinità. Per tale ragione non è possibile veder crescere nei giardini prossimi al mare la palla di neve.Se viene piantata in un luogo che presenta estati particolarmente aride, le sue foglie iniziano a ingiallirsi e a cadere già alla metà di agosto.

  • Un esemplare di Viburno in fiore Appartenente alla famiglia delle Caprifoliaceae, il Viburnum è un genere di piante che conta ben duecento specie diverse al suo interno. Provenienti dall'Europa e dall'Asia, sono una componente quasi ...
  • Fiori e bacche del viburno rosso Il viburno rosso è solo una delle tante varietà del viburno, un arbusto sempreverde originario di alcune zone dell’Asia e dell’Europa. Si tratta di una pianta che assume un portamento eretto e che ha ...
  • Arbusto di viburno fiorito Il viburno è un arbusto appartenente alla famiglia delle Caprifoliaceae e comprendente circa duecento differenti specie, la maggior parte delle quali sono originarie dell'Europa e dell'Asia. Esistono ...
  • Dettaglio delle foglie di viburno lucido Il viburno lucido per siepe è una varietà di arbusti sempreverde caratterizzato dalle foglie di bel verde acceso, lucide e brillanti. I fiori sono bianchi e molto profumati e compaiono tra maggio e gi...

Qedertek Stringa Luci Solare di 22M con 200 LED(Bianca Calda) con 8 Modalità di Illuminazione Esterni per Decorazionea la Giardino Cortile Terrazza Catena Luminosa per Festa di Natale Capodanno Matrimonio.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,99€
(Risparmi 12€)


Concimazioni e innaffiature

Palla di neve fioritaLe piante molto giovani o messe a dimora da poco tempo, hanno bisogno di essere annaffiate regolarmente durante il periodo più siccitoso dell'anno. Invece, i viburno che già hanno sviluppato un grande apparato radicale nel terreno, non necessitano di questo accorgimento poiché le naturali precipitazioni piovose soddisfano al meglio il loro fabbisogno idrico.E' sconsigliabile piantare l'arbusto in una zona del giardino soggetta ad elevate percentuali di umidità nel terreno poiché le radici potrebbero iniziare a presentare delle marcescenze difficili poi da risolvere.Queste piante si possono coltivare tranquillamente anche in vaso ma in tal caso anche gli esemplari più longevi andranno regolarmente innaffiati.E' buona regola concimare il terreno con de fertilizzante a lenta cessione ideato per le piante da fiore alla fine dell'inverno.


Palla di neve: Potatura e moltiplicazione

Drupe di viburno Il viburno non ha bisogno di regolari potature periodiche. Tuttavia è possibile intervenire con piccoli tagli per sfoltire una pianta eccessivamente intricata o per dare alla chioma una forma un po' più regolare. E' meglio sfoltire i rami vecchi per far prendere aria anche alla parte più interna della palla di neve.Il periodo migliore per eseguire tali interventi è l'autunno ovvero dopo che la pianta ha terminato di produrre le fioriture.La tecnica di moltiplicazione più efficace è senza dubbio quello mediante talea. Si adoperano quelle semi legnose prelevandole nel periodo compreso fra gli inizi di giugno e la metà di luglio. Dopo aver immerso la parte del taglio nella polvere radicante si mette la talea a dimora in un terreno composto da una miscela fatta di sabbia e torba in parti uguali.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO