Peonia pianta

vedi anche: Peonia

Paeonia origini e caratteristiche

La paeonia è una pianta che esiste in due generi principali. La paeonia erbacea e perenne, chiamata nel linguaggio botanico anche paeonia lactiflora, non è di solito di grandi dimensioni, vive molto a lungo e produce dei bellissimi fiori di colore rosa, bianco o rosso; poi c’è la paeonia arbustiva, che comprende tantissime varietà, tra le quali le celebri paeonia suffrutticosa o la paeonia lutea: questo genere raggiunge una certa altezza, ha foglie verde chiaro mentre i fiori sono grossi e carnosi, rosa all’estremità dei petali e rossi al centro. La differenza principale tra i due generi è il loro sviluppo: le paeonie erbacee perdono la parte aerea in inverno, poi hanno delle radici carnose che trattengono le sostanze nutritive e permettono alla pianta di sopportare le basse temperature e, infine, cresce con andamento orizzontale ma resta sempre della stessa altezza. Quella arbustiva è invece legnosa, dunque ha rami legnosi che si sviluppano sia in altezza che in larghezza, creando un vero e proprio cespuglio che può raggiungere anche i due metri di altezza.
Un bel cespuglio di paeonia lactiflora

Peonia, 6522 composizioni floreali Dendrobrium, orchidea, artificialmente, con le pietre in un contenitore di vetro rotondo, Natalizio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,53€
(Risparmi 0,23€)


Paeonia usi

Un bellissimo esemplare di paeonia suffrutticosa Proprio per il loro differente sviluppo, la paeonia erbacea e quella arbustiva si differenziano anche negli usi che se ne possono fare. Le paeonie erbacee, come la lactiflora o la officinalis, rimangono piante di piccole dimensioni, per questo motivo sono perfette per creare bordure lungo un muretto, oppure ai piedi di piante ad alto fusto; in alternativa, sono molto usate anche per creare delle bellissime aiuole colorate, grazie agli splendidi fiori, ottimi anche come fiori da taglio da tenere in vaso in casa. Le paeonie arbustive, invece, raggiungono dimensioni notevoli, dunque sono molto più adatte per creare dei cespugli isolati, oppure delle eleganti siepi; nulla vieta, comunque, di piantare un esemplare arbustivo in un grande vaso, così da creare un appariscente cespuglio da poter spostare al riparo durante la stagione fredda. In realtà, non è essenziale spostarlo perché la paeonia resiste molto bene al freddo, ma per essere sicuri di non danneggiare la pianta, è meglio farlo se si può. In generale comunque la paeonia è una pianta molto vigorosa e si adatta un po’ a tutte le condizioni climatiche.

    Closer to Nature, 1 gambo, 78 cm rosa peonia

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,58€
    (Risparmi 0,3€)


    Paeonia moltiplicazione

    Bellissimi fiori rosa di paeonia La paeonia arbustiva può essere propagata tramite innesto su radice di un esemplare erbaceo, da effettuare a fine estate, dunque a settembre, con in rami prodotti nell’annata appena trascorsa. Altrimenti, è possibile molto più semplicemente dividere i cespi: bisogna separarli sempre a settembre, facendo attenzione che in ognuno ci siano radici e fusti a sufficienza per poter sopravvivere altrove. La semina è molto più utilizzata per la paeonia erbacea, però con questo metodo difficilmente si avrà una pianta identica a quella madre; come se non bastasse, i tempi della germinazione del seme sono molto lunghi e per vedere i primi fiori della nuova piantina potrebbe essere necessario aspettare anche degli anni. In generale, la fioritura della paeonia avviene da metà aprile fino a fine giugno, a seconda della varietà.


    Peonia pianta: Paeonia coltivazione

    Paeonie in vaso pronte per la vendita Se acquistiamo una paeonia molto giovane, bisogna considerare il fatto che ci metterà almeno due anni prima di svilupparsi completamente, dunque all’inizio potrebbe produrre pochi fiori e poche foglie, ma in realtà l’esemplare non sta vegetando, il suo apparato radicale si sta sviluppando. A sviluppo completato, la paeonia fiorirà molto presto in primavera; purtroppo, però, proprio perché è molto precoce, a settembre inizierà il suo periodo vegetativo, fino a perdere le foglie nelle specie erbacee. Se coltiviamo la paeonia in vaso, ogni tre anni circa dovremo cambiarlo con uno più grande perché le radici di questa specie crescono molto; il rinvaso va effettuato in autunno per non compromettere la futura fioritura. Il terreno ideale per la paeonia è argilloso, neutro, organico e ben drenato. In zone umide conviene usare anche uno strato di ghiaia alla base della pianta per il drenaggio. Questa specie, infine, deve stare in zone soleggiate o al massimo a mezzombra; se si creano delle bordure di erbacee, ogni esemplare deve stare a circa 80 centimetri di distanza l’uno dall’altro; per le siepi di arbustive, invece, la distanza ideale è di 120 centimetri.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO