Potentilla

Potentilla

Originaria dell’America settentrionale e dell’Asia, la potentilla appartiene alla famiglia delle Rosaceae. Questa pianta è chiamata anche “cinquefoglia” e ne esistono più di 200 specie in natura, tra cui 50 sono piante spontanee. Il suo nome deriva dal latino “potens”, si pensi che si faccia riferimento alla potenza delle sue caratteristiche curative. E’ una pianta sia perenne che annuale, dipende dalla specie, ma la più diffusa è quella annuale. Può essere coltivate sia in vaso che in piena terra. Ha un aspetto eretto e spesso rampante, non supera circa i 60 centimetri di altezza. Il suo fusto ha la caratteristica di avere la parte sotterranea legnosa, mentre l’altra parte è eretta, ascendente o prostata. Le sue foglie pennate sono suddivise in tre – cinque – sette foglioline e sono di colore verde chiaro, alcune presentano una superficie tormentosa. I suoi semplici fiorellini sono costituiti da cinque sepali e cinque petali di un colore che varia dal giallo al rosso comprendendo tutte le sfumature possibili.
potentilla in fiore

Vivai Le Georgiche Nandina Domestica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Varie specie

potentilla arancione Come già scritto precedentemente, in natura esistono più di 200 specie delle potentilla. Ogni specie, come ben sappiamo, si distingue per dimensioni, colori e caratteristiche varie. Le più diffuse ed importanti sono le seguenti: la Potentilla reptans, la Potentilla fruticosa, la Potentilla nitida, la Potentilla atrosanguinea e la Potentilla recta. La prima specie è una pianta erbacea perenne che non supera un metro di altezza. Fiorisce intorno al mese di luglio e i suoi fiori sono gialli. La seconda specie elencata è una pianta arbustiva che raggiunge circa un metro e mezzo d’altezza. La sua fioritura va dal periodo primaverile a inizio periodo autunnale, ed i suoi fiori sono gialli ma con varie tonalità. La potentilla nitida è la pianta più piccola, infatti non supera 7 centimetri di altezza. La fioritura avviene nel periodo estivo ed i suoi fiori sono di colore bianco o rosa. La potentilla atrosanguinea è erbacea perenne, fiorisce in estate ed i suoi fiori sono di color porpora con la corolla color arancio. La Potentilla recta è erbacea perenne, fiorisce anch’essa in estate ed i suoi fiori variano dal giallo chiaro al giallo scuro.

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

Seedeo – Kit di coltivazione per uccello del paradiso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Coltivazione

Alcune specie gradiscono terreni calcarei, altre invece crescono meglio in terreni acidi, sostanzialmente l’importante è mantenere il suolo ben drenato. E’ utile che il terreno non sia troppo ricco di sostanze organiche perché la pianta sviluppa steli lunghi e flosci che portano scarsi risultati nella produzione di fiori. La posizione ideale per la pianta è la mezz’ombra, specialmente in posti molto caldi. Se la pianta viene esposta per troppo tempo ai raggi diretti del sole i fiori potrebbero “bruciarsi”, o viceversa se la pianta viene esposta per troppo tempo in zone d’ombra avremmo una scarsa produzione di fiori. Sono piante che riescono a tollerare temperature al di sotto dei -20°C, e tollerano anche la siccità, hanno bisogno di annaffiature regolari sono nel periodo di fioritura. Non hanno bisogno di potature, occorre solo eliminare rami secchi e rovinati in modo da rafforzare la pianta. La moltiplicazione di questa pianta avviene o per seme o per talea. La talea deve essere preparata tra l’autunno e l’inverno prendendo dei rami non molto fini. Per aiutare la pianta a crescere bene facciamo uso di concimi. La concimazione avviene in due periodi: la prima fase deve coincidere con la fine dell’inverno o con il concime organico o quello granulare; la seconda fase avviene a fine estate con del concime specifico che aiuterà la pianta ad acquisire forza per superare i periodi freddi e per migliorare la fioritura la stagione successiva.


Significato e proprietà

Come ben sappiamo, ogni fiore ha un proprio linguaggio ed un proprio significato che gli si attribuisce secondo leggende e credenze. La potentilla indica la forza e la potenza. Un significato simbolico riconosciuto alla potentilla è quello dell’amore materno, infatti si dice che quando piove le sue foglie si racchiudono sopra il fiore per proteggerlo, proprio come una mamma stringe tra le sue braccia il proprio figlioletto. Per il suo significato, la potentilla è un’idea regalo ideale per la mamma, soprattutto se si ha qualcosa da farsi perdonare. Per quanto riguarda le proprietà contenute all’interno della pianta, abbiamo la presenza di tormentilla e argentina. Queste vengono usate per curare la diarrea e delle infiammazioni del cavo orale. Le potentilla che contengo l’argentina vengono raccomandate anche in casi di dismenorrea. La tormentilla viene inoltre utilizzata per “pulire” piaghe e ferite, dato che contiene proprietà cicatrizzanti ed antibatteriche. E’ giusto sapere che, nel momento in cui vengono assunte delle quantità, è possibile che si presentino degli effetti collaterali come la nausea e il vomito. Con queste proprietà curative si possono produrre decotti, infusi oppure utilizzarle in polvere. Fare attenzione a non utilizzare questo tipo di cura in caso di gravidanza, allattamento oppure se si stanno assumendo dei medicinali che possono inferire negativamente.




COMMENTI SULL' ARTICOLO