Vitex agnus castus

Gli arbusti detti Vitex agnus castus

Le piante da giardino dette Vitex agnus castus, sono degli arbusti o dei piccoli alberi, originari del continente europeo e dell'Asia, appartenenti alla famiglia delle Verbenaceae. Vegetali utilizzati in fitoterapia, vengono impiegati a scopo ornamentale e si caratterizzano per il fogliame molto aromatico e i fiori profumati. Portamento eretto e i fusti compatti, sono composti da numerose ramificazioni. Le foglie palmate e di forma lanceolata, sono di colore verde-grigio. Il periodo della fioritura degli esemplari di Vitex agnus castus, inizia con la stagione primaverile e se coltivati in condizioni ottimali, si protrae fino all'arrivo dell'autunno. I piccoli fiori riuniti in pannocchie, in base alle varietà possono essere di colore, blu, azzurro, bianco e rosa. Successivamente, compaiono i frutti dalle ridotte dimensioni, tondeggianti e di tonalità scura.
Infiorescenze di Vitex agnus castus

Vivai Le Georgiche Vitex Agnus-Castus (Agnocasto)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Tecniche colturali delle piante di Vitex agnus castus

Fiori di Vitex agnus castus Gli esemplari di Vitex agnus castus non richiedono attenzioni colturali particolari. Infatti, questi arbusti o piccoli alberi si adattano ad ogni contesto ambientale, qualunque tipo di terriccio può andare bene per la coltivazione, l'importante è che sia ben drenato, in maniera da evitare ristagni idrici, deleteri per l'apparato radicale. L'esposizione ideale è soleggiata, si sviluppano anche a mezz'ombra ma la fioritura è meno abbondante. Le irrigazioni sono regolari in estate, soprattutto per le piante di Vitex agnus castus giovani, durante la stagione invernale le annaffiature vanno sospese. Temono i periodi siccitosi e per ottenere uno sviluppo rigoglioso, è opportuno, verso l'inizio dell'inverno, somministrare del concime stallatico sfarinato, mentre in primavera, per supportare la produzione delle infiorescenze il prodotto più adatto è un concime organico a lenta cessione.

    SAFLAX - Set per la coltivazione - Bacche di Goji - 200 semi - Lycium chinensis

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,75€


    Metodi di propagazione delle piante di Vitex agnus castus

    Foglie e fiori di Vitex agnus castus I semi di Vitex agnus castus possono essere messi a dimora, sia in primavera che in autunno, per ottenere una buona germinazione è opportuno praticare la semina in serre calde. Le nuove piante potranno essere piantate definitivamente, nei successivi dodici mesi. Un'altra tecnica per propagare le piante da giardino di Vitex agnus castus, è attraverso le talee semilegnose. Le cime apicali vanno selezionate e prelevate in tarda estate, devono essere lunghe almeno una ventina di centimetri. Il taglio, effettuato obliquamente, va trattato con della polvere radicante. Le foglie in eccesso vengono eliminate, le talee sono riposte in singoli contenitori riempiti da terriccio ben drenato, composto da sabbia e torba. Riparate in luoghi temperati ma ombreggiati, le nuove piante quando emettono nuove gemme fogliari, possono essere trapiantate in maniera definitiva.


    Le diverse varietà di Vitex agnus castus

    Foglie e infiorescenze di Vitex agnus castus Sono diverse le varietà ibride e le cultivar selezionate attraverso gli incroci della specie di Vitex agnus castus. Come la Vitex agnus castus Latifolia che si caratterizza per la produzione di grandi infiorescenze a pannocchia di colore blu e azzurro. Oppure la cosiddetta varietà ibrida di Vitex agnus castus Silver Spire che si contraddistingue per l'abbondante fioritura bianca. La Vitex agnus castus Abbeville Blue viene impiegata a scopo ornamentale per i fiori che compaiono in tarda primavera in diverse tonalità di blu e azzurro. Piccoli fiori rosa raggruppati in infiorescenze, vengono prodotti dalla cosiddetta varietà di Vitex agnus castus Roseus mentre più rara da reperire in commercio, è la Vitex agnus castus var. Negundo, adatta alla coltivazione in vaso, all'inizio dell'estate si dischiudono le pannocchie floreali di colore viola.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO