La coltivazione delle piante grasse

Le caratteristiche comuni alle numerosissime piante grasse

Di piante grasse, o più precisamente succulente, ne esistono migliaia di specie, appartenenti a diverse famiglie botaniche, molto diverse tra loro per forma, dimensioni e caratteristiche. Hanno in comune però per la capacità di sopravvivere a periodi anche lunghi di siccità, grazie ai particolari tessuti da cui sono composte, i parenchimi acquiferi, che assorbono la poca acqua a disposizione, la immagazzinano e la rilasciano quando necessario. Tali tessuti determinano anche l'originale aspetto di foglie, fusto e radici di queste piante, che sono più spesse e carnose delle altre specie vegetali. Le peculiarità di queste piante sono il frutto dell'evoluzione subita per adattarsi a vivere in territori aridi ed assolati, caratterizzati da un breve periodo di piogge, più o meno intense, seguito da una lunga siccità. Alcune specie si sono ulteriormente trasformate, sostituendo addirittura le foglie con le spine ed affidando la funzione clorofilliana al fusto.
Bellissime piante grasse a rosetta

TERRICCIO PER LA COLTIVAZIONE DELLE PIANTE GRASSE CONFEZIONE DA 7 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Le specie di piante grasse più conosciute e amate

Trichocereus Pachanoi appartenente alle Cactaceae L'origine delle diverse specie di piante grasse è piuttosto misteriosa e ne vengono scoperte sempre di nuove. Una delle famiglie più numerose è quella delle Crassulaceae, originarie dell'emisfero boreale e dell'Africa meridionale, molto belle e di facile coltivazione, tra cui le Kalanchoe, che producono una bellissima fioritura; le Echeveria dalla forma a rosetta, adatte per bordure ed aiuole; le Sempervivum e le Sedum, adatte ai principianti poiché crescono facilmente, anche su terreni pietrosi. Molto decorative sono le Lampranthus, a portamento cespuglioso e dalla spettacolare e coloratissima fioritura, perfette in un giardino rustico. Tra le più resistenti ci sono sicuramente le Cactaceae, comunemente chiamate cactus, suddivise in circa 3000 specie, caratterizzate da un apparato radicale molto profondo e da un fusto unico, di forme e dimensioni molto varie, dal centimetro della Blossfeldia liliputana ai 19 metri raggiunti da un esemplare di Pachycereus pringlei; hanno fiori solitari dai colori sgargianti, ma dalla vita molto breve. Molto apprezzate anche l'Agave, della famiglia delle Agavaceae, e l'Aloe, tra le Aloaceae.

  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Divano per esterni Il giardino è uno spazio verde non solo del quale prendersi cura, ma anche dal quale farsi accogliere per trascorrere nel confort e nel relax il proprio tempo libero, in una dimensione tranquilla e ri...
  • Tavolo da giardino in legno Per un amante degli spazi all'aria aperta, il giardino non è solo un colorato angolo decorativo che introduce all'abitazione, ma è parte integrante dell'ambiente domestico nel quale vivere la propria ...
  • Ombrellone da giardino Con una spesa contenuta e poche semplici operazioni, è possibile ricreare zone d'ombra in qualsiasi giardino e in qualsiasi momento della giornata, grazie alle infinite varietà di ombrelloni presenti ...

Luce Full Spectrum LED 24 W per coltivazione Indoor, attacco E27, per lampadine da coltivazione per piante in fioritura Vergetables giardino di frutta e idroponica, per serre e Grow Room, Patio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€


La coltivazione delle piante grasse: l'ambiente adatto

Bellissima aiuola sassosa L'aspetto più importante nella coltivazione delle piante grasse è la scelta del posto giusto dove collocarle, che deve somigliare il più possibile a quello d'origine, che pur diverso per ogni specie, in genere è arido e assolato. Le piante, quindi, vanno collocate in una posizione molto luminosa, con temperature che non dovrebbero scendere sotto i 5 °C, anche se esistono specie abbastanza tolleranti il freddo. Dove gli inverni sono particolarmente rigidi e piovosi, sarebbe meglio ripararle in casa o in piccole serre o almeno con una tettoia. La cosa più importante è infatti che il terreno si mantenga sempre ben drenato, evitando i pericolosi ristagni d'acqua, che le piante grasse temono più del freddo, essendo infatti molto sensibili ai marciumi. Le annaffiature devono quindi essere moderate, in media 2 al mese, massimo 5-6 in estate. Le succulente sono in genere caratterizzate da una crescita lenta, per cui non soffrono ad essere tenute in vaso. Data la grande varietà che le contraddistingue, si trovano specie di piante grasse più resistenti al freddo, altre più adatte per creare giardini ed aiuole, altre che crescono bene anche in mezzo ai sassi.


La coltivazione delle piante grasse: interventi di manutenzione

Bella composizione di piante grasse La coltivazione delle piante grasse non richiede attenzioni eccessive ma è di grande effetto. Anche se robuste e resistenti, le piante grasse possono subire gli attacchi di parassiti e funghi, specialmente se non sono garantite le condizioni ambientali giuste, in particolare se vivono in presenza di eccessiva umidità. Una volta che il problema si è manifestato, è necessario intervenire con prodotti specifici; si può anche scegliere di effettuare interventi preventivi, con insetticidi e fungicidi sistemici all'inizio della primavera o dell'inverno. Queste piante non richiedono di essere rinvasate, ma è comunque bene farlo ogni 2 anni o quando le radici cominciano ad uscire dai canali di scolo del vaso, significa infatti che la pianta ha bisogno di più spazio. Non richiedono neanche di essere potate, se non in casi eccezionali, per eliminare parti malate o ricavare talee, il metodo di riproduzione più pratico e veloce, particolarmente efficace per le succulente. Seppure spesso originarie di terreni aridi, è comunque opportuno concimare all'inizio della primavera per favorire la ripresa vegetativa, con un prodotto specifico per piante grasse.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO