La rosa del deserto

Origini e cenni botanici

La rosa del deserto (nome scientifico Adenium obesum) è una pianta succulenta sempreverde appartenente alla famiglia delle Apocynaceae (famiglia alla quale appartiene anche l’oleandro). Originaria del continente africano, e più precisamente della zona del sud-est, ha dato vita nel corso dell’evoluzione e numerose sottospecie, endemismi e razze geografiche, che differiscono tra di loro per dimensioni, colore dei fiori e forma del tronco e delle foglie. Viene comunemente chiamata "oleandro del Madagascar" e in natura alcuni esemplari possono superare anche i 3 metri d’altezza, ma generalmente mantengono dimensioni modeste. In Europa è possibile trovarle quasi esclusivamente come piante bonsai. Il tronco è molto ampio, globoso sul fondo e dal caratteristico colore marrone chiaro. Le foglie sono ovali, coriacee e verde brillanti, mentre i fiori sono ampi, dotati di 5 petali e una corolla che può raggiungere i 13 centimetri di lunghezza. Dopo la fioritura compaiono i frutti, rappresentati da lunghi baccelli scuri al cui interno sono presenti semi piumati.
Rosa del deserto fotografata nel suo ambiente naturale

ROSA DI JERICHO jerico gericho gerico salaginella lwpidophylla

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Semina

Semi di rosa del deserto la riproduzione per talea è difficoltosa in questa specie, ma la rosa del deserto si può ottenere tramite semina. Quando i baccelli della pianta madre sono maturi, si apriranno per consentire ai semi di uscire. Una volta raccolti (stando attenti alle loro dimensioni minute e al pappo estremamente volatile) vanno posizionati in un semenzaio apposito: esso sarà composto da un contenitore forato sul fondo, coperto per 1/3 da materiale drenante (perlite o vermiculite) e per i rimanenti 2/3 di terriccio per piante grasse. I semi vanno adagiati ad una distanza di circa 4-5 centimetri gli uni dagli altri e coperti con un leggero strato di terriccio (non bisogna mai interrarli a fondo). Il semenzaio va tenuto a temperature controllate, dai 25 gradi a salire, e bisogna mantenere umido il terriccio, evitando ristagni d’acqua. Dopo le prime due settimane si scorgono già le piantine, ma vanno trasferite in vasi più grandi una volta che saranno spuntate almeno 5-6 foglioline.

  • Foto di Finnocchiella La finocchiella, denominata anche mirride odorosa, appartiene alla famiglia delle Ombrellifere, al genere Myrrhis ed alla specie odorata. È una pianta perenne, alta fino a 150 cm e larga 90 cm, dotata...
  • foglie ed infiorescenze di albero dei rosari L’albero dei rosari, denominato anche melia, appartiene alla famiglia delle Meliacee, al genere Melia ed alla specie azedarach. È un albero di medie dimensioni, alto 12-15 m, caratterizzato da una cre...
  • primula La primula è una piccola pianta a fiore coltivata sia in appartamento che all’esterno. La sua caratteristica principale è quella di avere fiori piccoli profumati e dalle colorazioni vivide e intense....
  • rosa1 La rosa, splendida pianta a fiore appartenente al genere delle Rosaceae, comprende più di duemila specie originarie dell’Europa e dell’Asia. Tratteggiare le caratteristiche delle varie specie di rose...

Tropica - Rose di Jericho (Selaginella lepydophylla) - 3 tuberi XL in confezione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,95€


Curare la rosa del deserto

Fiore di Adenium obesum Date le sue origini tropicali, la rosa del deserto non tollera temperature sotto i 15 gradi centigradi; per questo motivo è difficile coltivarla in giardino, mentre è relativamente semplice farlo tenendola in vaso. In estate può essere lasciata all’esterno, in un luogo riparato, in inverno va tenuta in casa. Come per i semi e le piantine giovani, anche le piante adulte hanno bisogno di un terreno ben drenato, dal momento che sono facilmente soggette a marciume radicale e patologie ad esso correlato. Una volta sistemata la rosa del deserto in un vaso ampio, avremo cura di posizionarlo in un luogo luminoso e a diretto contatto con il sole. Essendo una pianta grassa, le innaffiature si ridurranno a due volte al mese in primavera ed estate, mantenendo comunque il terreno umido qualora si secchi troppo (mediante l’aiuto di un nebulizzatore), mentre in inverno cesseremo di bagnare il terreno. La potatura non è necessaria per questa specie, a parte per gli esemplari con rami eccessivamente alti, in questo caso è bene recidere i rami agli inizi della primavera. Si dovranno comunque eliminare i rametti e le foglie secche.


La rosa del deserto: Curiosità

Rosa del deserto in piena fioritura Risulta possibile innestare la rosa del deserto con l’oleandro, dal momento che entrambi appartengono alla medesima famiglia. L’operazione è piuttosto difficile e non sempre si ha successo, tuttavia scelto il periodo giusto (in aprile-maggio) e un buon oleandro come porta innesto, chi ha già dimestichezza con tale pratica potrà tentare di innestare la rosa del deserto. Nella sua terra d’origine questa pianta è utilizzata dai nativi per la fabbricazione di frecce utilizzate per la caccia; la rosa del deserto, infatti, è velenosa in ogni sua parte (dal seme ai fiori), e la sua linfa contiene diverse tossine che vanno ad interferire con il normale funzionamento del sistema cardio-circolatorio. A contatto con la pelle il lattice è irritante, quindi bisogna prestare attenzione durante gli spostamenti della pianta, onde evitare di spezzare accidentalmente dei rametti, oppure durante la recisione dei rami troppo lunghi; si suggerisce a tal proposito di usare dei guanti in lattice.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO