Piante grasse inverno

Le Mammillarie: piante grasse resistenti all'inverno

Le Mammillarie sono piante grasse originarie del continente americano che, nonostante crescano spontaneamente in aree semi-aride, risultano essere estremamente resistenti al freddo. Queste piante infatti riescono a tollerare temperature anche al di sotto dello zero, purché vi sia garantita la giusta quantità di luce quotidiana. Per inverni estremamente rigidi si suggerisce tuttavia la copertura della pianta ed il suo spostamento in zone del giardino o del balcone preferibilmente secche e riparate dal vento. Le specie del genere Mammillaria presentano fusti per lo più cilindrici forniti di una porzione centrale, chiamata aureola, spesso lanosa e provvista di spine. Queste piante grasse fioriscono in primavera ed in autunno, producendo dei fiori molto colorati ed appariscenti che assomigliano a delle grandi margherite.
Mammillaria bocasana

Echeveria Collezione - 6 Piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24€


Echinocereus: piante grasse resistenti all'inverno

Echinocereus subinermisEchinocereus è un genere di piante grasse originarie del continente americano caratterizzate da fusti cilindrici solitamente eretti a colonna o striscianti. Queste piante producono dei fiori piuttosto grandi e dai colori molto vivaci. Spesso sono utilizzate per abbellire balconi o giardini in quanto si prestano facilmente ad una coltivazione in vaso purché questo non sia eccessivamente grande; si tratta infatti di piante grasse con apparato radicale piuttosto ridotto. La maggior parte di queste piante sono caratterizzate da una grande resistenza alle basse temperature; non a caso in natura, alcune specie vivono completamente ricoperte dalla neve durante l'inverno. Queste piante grasse infatti resistono anche a temperature molto al di sotto dello 0; tuttavia è bene garantire loro una corretta esposizione alla luce, questo garantisce una bella e colorata fioritura.

    Mairol Fertilizzante cactus forza cactus Liquid 500 ml

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


    Le Echinopsis: piante grasse resistenti all'inverno

    Echinopsis ancistrophora Le Echinopsis sono delle piante grasse la cui forma ricorda quella dei ricci di mare. Il fusto è globulare, spesso allungato e completamente ricoperto di spine. Queste piante riescono a produrre dei fiori piuttosto grandi (12-15 cm di larghezza) e colorati, attaccati alla pianta grazie ad un lungo picciolo. Le Echinopsis sono delle piante grasse conosciute per la loro resistenza al freddo, soprattutto se i terreni rimangono asciutti durante l'inverno. Alcune specie riescono a resistere anche a temperature molto al di sotto dello zero, tuttavia, durante l'inverno è bene collocare la pianta in luoghi riparati soprattutto dal vento. Nel caso in cui le Echinopsis fossero coltivate in giardino, si raccomanda il mantenimento all'esterno anche durante gli inverni per concedere loro il riposo invernale, questo garantirà una successiva bella fioritura primaverile.


    Piante grasse inverno: Le Sedum: piante grasse resistenti all'inverno

    Sedum palmeriLe piante grasse del genere Sedum sono originarie del continente asiatico. Presentano fusti piuttosto carnosi spesso dal portamento strisciante. I loro fiori sono molto numerosi e di ridotta grandezza ed hanno una caratteristica forma stellata. Le piante grasse appartenenti a questo genere sono molto utilizzate per abbellire balconi o giardini, anche perché, oltre ad essere infestanti e facilmente coltivabili, risultano essere estremamente resistenti al freddo, soprattutto se viene comunque garantita loro una posizione soleggiata. Infatti, molte specie resistenti, durante la stagione più fredda tendono a perdere la maggior parte delle foglie, riducendo così il dispendio energetico superano le gelate invernali, per poi rigenerarle con l'arrivo della primavera. L'unico intervento che è consigliato fare, soprattutto quando coltivate in vaso, è quello di pulire il terreno dai detriti che si accumulano durante l'inverno quali soprattutto le foglie secche.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO