Echinacea purpurea

Echinacea purpurea

La echinacea purpurea è una pianta erbacea di tipo perenne che è originaria dell'America del Nord. Ha dei grandi fiori con la forma di una margherita, di colore viola o, ma più raramente, di colore bianco. Questa pianta costituisce dei grandi cuscini con foglie lucide dalla forma allungata da cui partono dei grandi e appariscenti fiori. Questi sono sostenuti da gambi piuttosto lunghi, con dei petali violacei numerosi e un bottone centrale scuro con la forma di una cupola, quasi di colore nero. La pianta echinacea purpurea ha il suo periodo di fioritura in estate. Le sue foglie, i suoi fiori e anche le sue radici vengono utilizzate spesso nell’erboristeria grazie alla notevole quantità degli oli essenziali che sono contenuti in essi. Le piante di echinacea purpurea amano posizioni piuttosto soleggiate e non di adattano, se non raramente, alla mezza ombra. Se vengono piantate in zone d’ombra vivono bene ma non producono i bellissimi fiori. Non temono le temperature fredde, neanche nei rigidi inverni.
La echinacea purpurea

ORTENSIA ROSSA CONCIME PER ORTENSIE CON ARROSSANTE CONFEZIONE DA 500 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,5€


La coltivazione dell’echinacea purpurea

La moltiplicazione della echinacea purpurea La piante di echinacea purpurea ha la necessità di avere delle annaffiature piuttosto abbondanti: il suo terreno va tenuto sempre molto umido e quindi la pianta va annaffiata ogni settimana o anche più. Se invece la pianta viene a trovarsi in una situazione di siccità, questa può provocare in modo rapido l'appassimento delle sue foglie e può comprometterne anche la fioritura. È consigliabile aggiungere alle annaffiature anche del concime per le piante da fiore, ogni 15 o 20 giorni circa. Per quanto riguarda il terreno in cui va piantata l’ echinacea purpurea non ci sono particolari problemi: si può utilizzare un qualsiasi terreno, purché questo sia drenato bene: il ristagno idrico può essere molto dannoso per la pianta e soprattutto per le sue radici. La moltiplicazione della echinacea purpurea avviene in primavera per seme: le sue nuove piantine però fioriscono dopo un anno almeno, quindi occorre aspettare. Durante l’autunno si mette a dimora la piantina che è stata seminata nel periodo primaverile.

    Saponaria - 1 confezione da 10

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,95€


    Le proprietà dell’echinacea purpurea

    Un fiore di echinacea purpurea L’echinacea è una grande famiglia che comprende specie diverse. L’echinacea è una pianta erbacea che ha un nucleo che somiglia a un riccio e ha lunghi petali come quelli della margherita. È apprezzata e nota come una bella pianta ornamentale, ma è famosa specialmente per le sue eccezionali proprietà di tipo terapeutico. L’echinacea purpurea era usata dai nativi indiani, dal 1700, per curare il morso del serpente e di insetti velenosi. In seguito si scoprì che il suo utilizzo è capace di favorire le difese naturali dell'organismo che lo rendono più forte contro attacchi da parte di agenti di diversa natura.L'echinacea è particolarmente nota per le sue proprietà antinfiammatorie ma è noto che fa bene anche alla pelle e ai capelli. Ma i benefici non finiscono certamente qui.Sono numerose le specie della pianta di echinacea, ma soltanto alcune specie hanno proprietà officinali. L’echinacea purpurea, la pallida e l’angustifolia. Queste tre particolari specie hanno le radici che contengono gli identici principi attivi che sono concentrati nella specie purpurea la quale è, infatti, la più utilizzata.


    Principi attivi

    Radici di echinacea Si sa che l'echinacea possiede la capacità di stimolare il nostro sistema immunitario in virtù di principi attivi della sua radice. Secondo alcuni meccanismi che sono ancora ignoti, le alcamidi e l’echinacoside sono capaci di attivare il nostro sistema immunitario mediante un aumento di cellule che sono deputate all’eliminazione di virus e di batteri. L’echinacina B e l’echinacoside hanno una azione antinfiammatoria, antivirale, antibiotica e sono in grado di ridurre gli edemi.L’arabinogalattano protegge dai tumori in quanto stimola la produzione della TNFalfa, una particolare sostanza che è capace di indurre la morte di cellule tumorali.Gli alcammidi detti anche alchilammidi, come l’isobutilammide sono capaci di uccidere sia i funghi che i parassiti quali ad esempio la Candida Albicans.Sia i poliacetileni che le glicoproteine hanno un’azione di tipo antibatterico: inibiscono il proliferarsi di germi che provocano infezioni nel tratto genitale e urinario come l’escherichia coli e la pseudomonas aeruginosa. L’echinacea, inoltre, si utilizza per prevenire e per curare anche il mal di gola, la tosse, il raffreddore e la febbre da influenza.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO