Gladioli

Le caratteristiche

Il nome dei Gladioli deriva dal latino e allude alla forma a piccola spada delle foglie: appartengono al genere Gladiolus, il più importante della famiglia delle Iridacee, e comprendono circa 300 specie coltivate e spontanee. Sono piante bulbose, con foglie lineari, a nervature parallele assai evidenti. Nella loro parte inferiore abbracciano il fusto e si sovrappongono l'una all'altra. L’infiorescenza dei Gladioli è una spiga unilaterale; i numerosi fiori che la compongono sono fasciati alla base da due brattee verdi. I Gladioli necessitano di poche cure e prediligono un'esposizione soleggiata per potersi sviluppare al meglio e avere un'abbondante fioritura. Il terreno deve essere ben drenato perché queste piante risentono molto della presenza di ristagni idrici: per questo motivo occorre prestare attenzione alle innaffiature. Si consiglia di apportare acqua soltanto quando il terreno inizia a seccarsi.
Pianta gladiolo fiorita

Texas Bluebonnet"Lupinus texensis" 40 semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,05€


Cosa bisogna sapere

Gladioli varietà coltivate Come è noto, i Gladioli sono piante di eccezionale interesse orticolo, soprattutto per l'industria del fiore reciso, avendo ai giorni nostri raggiunto una popolarità quasi pari a quella dei garofani e delle rose. I Gladioli coltivati, sia nei giardini che dalla fioritura industriale, differiscono alquanto dalle specie spontanee e vengono nel loro complesso designati con il nome di Gladioli moderni. I più provetti ibridatori sono gli olandesi, i francesi, tedeschi, gli americani, gli australiani e gli italiani. I Gladioli attuali hanno spighe fiorali ricchissime di fiori, grandi, in una gamma di colori così vasta e così ricca di sfumature da non poter essere definita se non dicendo che tutti i colori sono presenti ad eccezione del nero, del blu e dell'azzurro che compare ancora soffuso di grigio. La coltivazione di queste piante prevede a metà aprile l'interramento di bulbi, da dissotterare in autunno. Quando si tagliano i fiori, bisogna eliminare anche gran parte delle foglie.

  • Gladiolo I gladioli sono tra le piante bulbose più apprezzate per la coltivazione, ma anche per il fiore reciso: gli ampi fiori che si susseguono fitti verso l'alto sono infatti dotati di enorme fascino e il g...
  • piantaperenne Le piante perenni hanno un periodo vegetativo illimitato e rispetto a quelle annuali e biennali producono fiori e frutti durante tutto l’anno, senza necessità di essere sostituite. Con questa caratter...
  • papaveri1 “Lo sai che i papaveri sono alti, alti, alti e tu sei piccolina, che cosa ci vuoi far?”. Così recitava, negli anni ’50, una famosa canzone di Nilla Pizzi. Il brano inneggiava ai papaveri, fiori davver...
  • Surfinia La Surfinia è una particolare petunia pendula, ottenuta dall'ibridazione di due cultivar, la Petunia Nyctaginiflora e Petunia Violacea. E' una pianta molto diffusa in Italia, perchè di facile coltivaz...

200rare Bianco Eustoma Semi perenni fiorite piante da balcone Fiori in vaso semi Lisianthus per fioriere Vaso di fiori

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,05€


Il terreno e la concimazione

Varietà pianta coltivata Le specie di Gladioli più note nella flora italiana sono Gladiolus communis e Gladiolus paluster, quest'ultimo caratteristico dei luoghi umidi di alcune regioni alpine e appenniniche. Molto più numerose sono invece le specie coltivate. La specie più nota e dalla quale si ottiene la maggioranza dei fiori recisi oggi in commercio è Gladiolus gadavensis; altre specie sono Gladiolus tristis, Gladiolus cardinalis e Gladiolus undulatus. Tutte queste varietà devono essere piantate in semplice terriccio sciolto, riparato dai venti. Nel caso che il suolo fosse povero di sostanze nutritive, si può integrare con un apposito concime per bulbi. I Gladioli vanno interrati a una profondità di circa 10-12 cm: in genere nei vasi vengono piantati singoli esemplari oppure piccoli gruppi. In giardino, invece, sono più frequenti i gruppi da 10-20 bulbi e le file di piante. Le varietà più alte necessitano di un tutore per potersi sviluppare al meglio.


Gladioli: Consigli di coltivazione

Fiore pianta gladio Le ibridazioni create nel corso del tempo hanno consentito di arricchire la stessa forma del fiore dei Gladioli: infatti si è persa l'originale incappucciatura dei tepali ed è stata introdotta una loro modificazione. In questo modo i tepali appaiono mossi, arricciati oppure ondulati; questi caratteri sono derivati dalle ibridazioni con Gladiolus primulinus. I Gladioli prosperano in qualsiasi tipo di terreno, tuttavia quelli fertili, di medio impasto oppure anche leggeri sono i più indicati per la buona riuscita della coltivazione. Per essere sicuri che i bulbi sopravvivano all'inverno e possano essere nuovamente posti a dimora la primavera successiva è bene lasciarli al buio in un luogo fresco: al tempo stesso bisogna fare attenzione che durante il riposo vegetativo i bulbi non siano colpiti da muffe e marciumi. Una buona azione preventiva consiste nel polverizzare del fungicida sui tuberi prima di metterli al riparo.


Guarda il Video
  • gladiole Il gladiolo, o gladiolus, appartiene alla famiglia delle iridacee ed è una pianta particolarmente indicata per i giardin
    visita : gladiole

COMMENTI SULL' ARTICOLO