Bignonia (campsis radicans)

Piante ed adattamento

L’essere umano è un specie animale che può definirsi come il gioiello della natura, perché esso ha sviluppato adattamenti e capacità che lo rendono ora un animale dominante sul pianeta. Detto che ciò a volte viene interpretato male da alcuni uomini, che tentano di dominare la natura stessa e di distruggere il pianeta (dimenticando quindi due cose, una che la natura ci ha creato ed è difficile dominare chi ti ha dato la vita, e due che abbiamo un solo pianeta e ci conviene tenercelo ben caro), bisogna considerare il fatto che incredibili dettagli evolutivi, con adattamenti straordinari, si hanno sia nel mondo animale ma soprattutto nel mondo vegetale: le piante popolano tutto il pianeta, dove siamo noi ci sono di certo anche loro, ed in alcuni casi vanno anche oltre, sopravvivendo nei deserti caldi e freddi oppure a migliaia di metri di altezza sulle montagne. La forza spingente di tutto ciò è lo spirito di adattamento, un requisito fondamentale per la vita e per l’evoluzione, capace di permettere alle specie di ogni regno di modificare abitudini e meccanismi di sopravvivenza per superare cambiamenti climatici, eventi estremi naturali come eruzioni, terremoti, tornado e continuare la vita. Specie non in grado di far questo non hanno avuto futuro, estinguendosi.
splendido esemplare bignonia

Wildlife World Roosting, Confezione 6 nidi per uccelli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,64€


Piante rampicanti

particolare infiorescenza Se vogliamo disquisire degli adattamenti straordinari del mondo vegetale, ci sarebbero argomenti e casi per parlarne per mesi interi, senza esagerare! E’ chiaro che alcuni casi sono eclatanti, come ad esempio quello delle piante grasse: le “succulente” (è questo il nome scientifico) per sopravvivere nei deserti aridi hanno imparato ad immagazzinare l’acqua nei periodi di grassa, conservandola e riducendone al minimo l’utilizzo e le perdite (ad esempio trasformando le foglie in spine, in modo da ridurre la superficie e quindi le perdite per evaporazione) in modo da averne a disposizione anche quando di acqua nell’ambiente non ce n’è affatto. A fianco a questo straordinario esempio a noi piace mettere le piante rampicanti: esse, cresciute ed evolutesi in ambienti in cui il terreno non offriva garanzie di sostanze, hanno letteralmente trasformato le radici in appigli, in modo da crescere vincolandosi a pareti o tronchi verticali. Detto così non sembra straordinario, ma basti pensare che quasi tutte le piante rampicanti non sfruttano solo la forza “stringente” delle radici aeree avvolte ai tronchi per sorreggersi, bensì utilizzano anche le ventose che hanno nelle radici. Avete capito bene, ventose! Se non è straordinario questo…

  • passiflora1 E’ conosciuta ed apprezzata in erboristeria per le sue benefiche proprietà. Ma viene anche coltivata in vaso o in giardino a scopo ornamentale. Le varietà rampicanti possono addirittura servire a deco...
  • Griglie per rampicanti Il giardino è uno spazio verde dall’elevato potere decorativo, in grado di creare una splendida cornice che può valorizzare l’intera abitazione. Creare uno spazio fiorito secondo un preciso progetto s...
  • clematide2 E’ una pianta coltivata esclusivamente per la bellezza dei suoi fiori e per il suo portamento rampicante. Di questa specie esistono anche varietà erbacee, ma quelle più conosciute e di natura rampican...
  • cancello con ficus pumila La natura non è solo una parola che ingloba tutto ciò che ci circonda e che non siamo noi; la natura è un ente creatore molto potente, perché è in base alle regole con cui essa funziona che il mondo è...

1 PIANTA DI EDERA ALGERIENSIS GLOIRE VASO 13cm rampicanti muro pergola

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Bignonia (campsis radicans)

Tra le tante piante rampicanti che ci circondano (di cui molte non sono originarie delle nostre terre, però si sono adattate benissimo anche perché hanno grande capacità adattiva ed inoltre vivono per aria e questa è bene o male simile dovunque), le più famose ed apprezzate sono quelle del genere Bignonia: questa pianta è una folta, veloce e coloratissima pianta rampicante che possiamo trovare sui muri di tantissime costruzione, soprattutto nei pressi di curati giardini privati. E’ possibile riconoscerla dai suoi fiori dal colore intenso ed appartenente alle gamme cromatiche tra il giallo ed il rosso (quindi presenta anche tonalità arancioni): essi hanno la forma di una campanella allungata, con cinque petali che terminano con un leggero risvolto verso l’esterno. In realtà la bignonia che comunemente definiamo è la “campsis radicans”, appartenente appunto al genere Campsis; questi due generi, il Bignonia ed il Campsis sono molto simili tra loro, infatti la radicans prima apparteneva alle Bignonie e solo recentemente è stata classificata in modo definitivo presso le Campsis. Ovviamente il nome della pianta in ambito popolare non è variata, e comunque c’è da sottolineare che questi due generi sono davvero molto simili, anche per le caratteristiche di crescita. Ciò che varia maggiormente è nella forma dei fiori (i colori invece sono della stessa gamma) e nel loro ciclo di vita, che per alcune vede fioriture ad inizio estate e per altre anche in pieno autunno.


Utilizzi e dettagli

Diciamo che la Campsis radicans ha la caratteristica riconoscibile nelle foglie, le quali hanno un leggerissimo margine seghettato che le distingue da quelle del genere Bignonia; non solo, questa pianta che stiamo valutando più approfonditamente ha una gamma cromatica che tende più al rosso rispetto al giallo, cioè il colore dei suoi fiori è o arancione o rosso, con poche sfumature. Per il resto la Campsis radicans è una classica rampicante: ha radici aeree forti, che vanno in cerca di mura, pergolati, tronchi, pali ed ogni pezzo architettonico che può permettere loro di salire in verticale distanziandosi dal terreno, a cui però restano sempre legate con una parte della pianta, diciamo che è lo sviluppo a puntare verso l’alto. Ebbene, esse vengono utilizzate come decorazione, perché hanno un grande potere di crescita: le loro radici si muovo con grande velocità, e nel giro di un mese possono coprire anche una grande zona, dando poi il migliore spettacolo quando giunge il periodo della fioritura, che tra l’altro è generalmente abbondante e molto prolungata.



  • bignonia Molte piante del genere Bignonia sono state, negli ultimi decenni, riunite in un altro genere, il genere Campsis; in par
    visita : bignonia

COMMENTI SULL' ARTICOLO