Bignonia

Come innaffiare

Per quanto riguarda le irrigazioni, la Bignonia non necessita di bagnature frequenti. È possibile che la pianta si conservi in ottime condizioni anche irrigando circa una volta al mese. Inoltre in inverno la Bignonia si accontenta anche della sola acqua piovana e, quindi, è possibile evitare di irrigarla completamente. Ogni volta che si intende procedere con la sua irrigazione, è bene controllare il terreno. Non è assolutamente necessario effettuare una nuova irrigazione in presenza di un substrato ancora umido o si rischia di sommergere le radici. Qualora si sommergessero e asfissiassero le radici, la Bignonia potrebbe andare incontro al marciume radicale che causerebbe la conseguente morte della pianta. Per quanto riguarda l'acqua di irrigazione, la pianta non presenta delle necessità particolari.
Germogli bignonia

Passiflora edulis (Maracuja o Frutto della Passione) [Vaso Ø15cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18€


Come curarla

Bignonia pianta La Bignonia è una pianta rustica e per questa ragione non teme le condizioni metereologiche avverse. In inverno, al fine di proteggersi, la pianta perde completamente le foglie ed i fiori e quindi non è necessario riporla in un luogo più riparato. Per quanto riguarda l'esposizione, la Bignonia ha bisogno di un luogo soleggiato, ma anche una zona ombreggiata non causa particolari danni alla pianta. È bene potare la Bignonia verso la fine dell'inverno e si asportano tutti i rami più rovinati. Comunque durante il processo di potatura, è consigliato procedere con parsimonia solo sui rami particolarmente danneggiati. In caso contrario, si rischierebbe di avere una scarsa fioritura durante la primavera successiva. Per la moltiplicazione, la Bignonia si riproduce per talea e le nuove piantine vanno conservate in un luogo umido fino al raggiungimento dell'altezza sufficiente per essere poste a dimora.

  • Piante e fiori di Thunbergia Il genere delle piante Thunbergia, raccoglie più di duecento differenti varietà di origine tropicali, tutte originarie del continente africano e dell'India. Questi vegetali appartengono alla famiglia ...
  • Fogliame e fiori di Ipomea Il genere delle piante denominato Ipomea, comprende centinaia di specie differenti, appartenente alla famiglia delle Convolvulaceae. Piante rampicanti in vaso da coltivare a scopo ornamentale, per la ...
  • Foglie e fiori di Passiflora Le piante rampicanti perenni del genere denominato Passiflora, comprende più di cinquecento specie e sono appartenenti alla famiglia delle Passifloraceae. Originarie del Sudamerica sono sempreverdi da...
  • Edera Come tutti sanno, la pianta rampicante per eccellenza è l'edera, la quale non necessita in genere di attenzioni troppo particolari e risulta essere adatta per abbellire un angolo del vostro terrazzo, ...

Siepe Artificiale per Balcone Recinzione in Rotolo 1x3 mt (3mq) Abete ultra Coprente

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20€


Come concimare

Esemplare pianta rampicante La concimazione della Bignonia può avvenire una volta ogni 3 o 4 mesi. È consigliato l'utilizzo di un concime granulare a lenta cessione che andrà cosparso ai piedi della pianta. Il concime granulare a lenta cessione dovrà essere ricco delle tre sostanze chimiche fondamentali: azoto, fosforo e potassio. Durante il processo di messa a dimora della Bignonia, è bene scavare una buca piuttosto profonda e addizionare il terriccio con della sostanza organica. Le buche preparate per la pianta dovranno essere profonde circa il doppio del pane di terra che le circonda. La pianta può essere coltivata in vaso od in terra, ma tuttavia il terreno da fornire resta sempre lo stesso. Nonostante la Bignonia riesca a vivere su qualsiasi substrato, fornire alla pianta un terriccio fresco e ben drenato garantisce uno sviluppo migliore della Bignonia.


Bignonia: Malattie e rimedi

Bignonia fiore Tra le varie malattie che possono colpire la Bignonia troviamo il mal bianco. Questo fungo intacca la pianta in condizioni di particolare umidità dell'ambiente e si manifesta sotto forma di macchie bianche e farinose. Il modo migliore di contrastare l'infestazione consiste nell'utilizzo di un apposito fungicida. Inoltre la pianta può essere attaccata dagli afidi, o pidocchi delle piante. Questi parassiti vanno combattuti con l'uso di antiparassitari. A volte è anche possibile causare la morte della pianta se non viene coltivata con la cura necessaria. Ad esempio, in caso di un'eccessiva irrigazione, è possibile sommergere le radici e causare il marciume radicale che condurrebbe la bignonia alla morte in breve tempo. Per quanto riguarda le condizioni climatiche avverse, la pianta riesce a resistere piuttosto bene.


  • bignonia Questa pianta fa parte della famiglia, come si può facilmente intuire, delle Bignoniacee: stiamo parlando di un genere a
    visita : bignonia

COMMENTI SULL' ARTICOLO