Caprifoglio (Lonicera)

Le lonicere

Al genere delle lonicere appartengono oltre 200 specie di piante dalle caratteristiche estremamente diversificate tra loro: la più nota e diffusa in Italia è il Caprifoglio, dalla struttura rampicante. Le lonicere possono infatti distinguersi in due grandi categorie: quelle dallo sviluppo arbustivo, che grazie alla loro fitta ramificazione vengono spesso sfruttate per dare vita a siepi che possano delimitare il giardino e schermare la vista dall'esterno, e quelle dallo sviluppo rampicante, che vengono sfruttate invece più di frequente per la decorazione degli spazi aperti e delle strutture presenti nel giardino, come grigliati e pergolati. Il fascino decorativo di queste piante si abbina ad una resistenza e capacità di adattamento che le rendono adatte pressoché a qualsiasi giardino e a qualsiasi stile dello spazio verde.
Caprifoglio (Lonicera)

Tenax 72180298 Corolla Rete in plastica per piante rampicanti 500 x 50 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,89€


Il caprifoglio

Caprifoglio (Lonicera)Il caprifoglio è una lonicera che si può trovare sotto forma di vegetazione spontanea in Europa, Asia e America meridionale: adatta a vivere in un clima temperato, può facilmente essere coltivato in spazi aperti per decorarli con eleganza. Sebbene esistano molte specie diverse di caprifoglio, con caratteristiche variabili anche in base al clima della zona di provenienza, in linea generale si possono individuare delle caratteristiche comuni alle diverse specie: lo sviluppo arbustivo permette una fitta e rapida crescita della pianta, che presenta foglie perenni o semiperenni le cui tonalità possono variare dal verde brillante al verde purpureo. Dagli steli si sviluppano infiorescenze tubolari di colore chiaro che creano un gradevole contrasto con il verde delle foglie. Essi garantiscono un lungo periodo di fioritura alla pianta: i fiori del caprifoglio, infatti, si sviluppano ad ondate successive nel periodo compreso tra giugno e ottobre.

  • rampicanti Le piante rampicanti hanno la caratteristica di crescere espandendosi molto, sia in larghezza che in altezza. Il loro apparato fogliare e i rami, durante il ciclo vegetativo, si arrampicano letteralme...
  • Gelsomino (Jasminum polyanthum) Il gelsomino “jasminum polyanthum” è una pianta rampicante appartenente alla vasta famiglia delle Oleaceae, che conta oltre 300 specie di arbusti rampicanti. Il gelsomino, in particolare, è originario...
  • Rose tappezzanti In un giardino classico e romantico non possono mancare le rose: coltivazioni autoctone in Europa, sono tra quelle in grado di offrire maggiore varietà e soddisfare gusti ed esigenze di qualsiasi poll...
  • Glicine potatura Il glicine è una pianta decorativa che arriva a noi dall'Oriente, dalle aree della Cina e del Giappone, e che in breve tempo ha conquistato i giardini e gli spazi verdi europei per il fascino dei suoi...

Newcomdigi Doppia Piante Sospese Porta 2 Vasi Portafiori Portavasi 110cm Corda con 4 Supporti Realizzato a Mano Decorazione di Interno Esterno Giardino Patio Portico Versatile - Marrone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€
(Risparmi 11€)


Caprifoglio (Lonicera): Coltivazione

Caprifoglio (Lonicera)Il caprifoglio è una pianta il cui sviluppo è facilitato dalla sua capacità di adattarsi ad ambienti diversi: predilige i terreni ricchi di humus e gli spazi soleggiati, ma si sviluppa senza troppe difficoltà anche in caso di disposizione in luoghi più ombreggiati. Teme invece la siccità prolungata, che ne blocca temporaneamente la crescita e nel lungo periodo può provocare la morte della pianta. Innaffiature regolari, evitando che si formino ristagni idrici, permetteranno di evitare rischi. Per essere certi che il terreno contenga tutto ciò che è necessario la crescita del caprifoglio si potrà provvedere, in autunno, alla concimazione del terreno, mentre per contenere lo sviluppo delle parti aree si potrà provvedere ad adeguata potatura a fine autunno o a fine inverno. In questo si potranno eliminare i rami secchi e ormai improduttivi, stimolando al contempo la nascita di nuovi getti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO