Clemantis

Clematis: informazioni generali

La Clematis è una pianta appartenente alla famiglia delle Ranuncolacee e originaria delle regioni dell’Asia, dell’America e dell’Europa. Oltre alle specie rampicanti esistono quelle arbustive ed erbacee. In linea di massima, tutti questi esemplari presentano delle infiorescenze (osservabili in primavera o in estate) molto profumate, dai diversi colori secondo la specie di appartenenza. Le tipologie di Clematis rampicanti hanno bisogno di sostegni ai quali aggrapparsi e svilupparsi su delle superfici idonee. Prediligono climi temperati e miti; devono essere sistemate in una zona soleggiata e l’apparato radicale deve stare nella mezz’ombra. Non sono in grado di resistente ai freddi della stagione invernale, prediligono un terriccio ricco di sostanze nutritive ma allo stesso tempo leggero e ben drenato. A questo proposito occorre miscelare per bene il terriccio con delle sostanze inerti; così facendo si eviteranno dei ristagni idrici, molto dannosi per le Clematis.
Pianta di Clematis

Clematide Piilu (per balcone e patio) - Vaso 1,5 litro (Pianta rampicante - Clematis - Pianta adulta) - Muri e recinzioni, Pergola, Balconi e terrazze | ClematisOnline - clematidi e rampicanti più economiche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,95€


Clematis: coltivazione

Dettaglio infiorescenze Clematis Un’ottima coltivazione della Clematis parte dall’esecuzione di alcune tecniche colturali specifiche: le annaffiature e le concimazioni. Per quanto riguarda le annaffiature, occorre praticarle con parsimonia e facendo molta attenzione a non eccedere con le dosi giacché tutti gli esemplari di Clematis non sopportano i ristagni idrici. Il terriccio deve essere sempre tenuto ben umido; le irrigazioni devono essere fatte in base al clima, alle temperature etc. In linea generale le annaffiature devono essere sospese durante la stagione invernale, praticate 1/2 volte al mese durante l’autunno e la primavera, e ogni 2 volte circa durante la stagione estiva. Anche la concimazione è una pratica indispensabile per avere delle Clematis sempre in salute e rigogliose. La prima concimazione si ha durante la messa a dimora. In altre parole, dopo aver disposto uno strato di ghiaia nella buca, si mette del letame maturo, del comune terriccio e s’interra la Clematis. Questa pratica va eseguita almeno ogni anno. Durante la stagione vegetativa si miscela all’acqua delle annaffiature del fertilizzante a base di fosforo e potassio e si somministra ogni 40 giorni circa.

  • Clematis armandii sempreverde Appartenenti alla famiglia delle Ranunculaceae, generalmente sono piante che perdono il fogliame durante la stagione invernale ma esistono alcune specie di Clematis sempreverdi. Quella più diffusa in ...
  • Pianta di clematis vitalba La clematis vitalba è una pianta di tipo arbustivo appartenente al genere delle ranuncolacea. Viene comunemente chiamata clematide e cresce spontaneamente su tutto il territorio nazionale fino a un'al...
  • Fiori clematis armandii La Clematis armandii è una pianta rampicante robusta e vigorosa. Le annaffiature che richiede devono essere frequenti e regolari e dipendono dall'età dell'esemplare e dalla stagione. Durante le stagio...
  • Fiori clematis piilu Sebbene la caratteristica principale della Clematis piilu consista nella sua speciale doppia fioritura, anche la bellezza dei fiori e la forza del suo intricato apparato radicale non sono da meno. La ...

Semi di glicine 10 semi / pack mini bonsai semi di albero di glicine raro oro piante ornamentali da interno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Clematis: messa a dimora

Esemplare di Clematis Vitalba La messa a dimora degli esemplari di Clematis è molto semplice e può essere portata a termine da chiunque in quanto non occorrono tecniche specifiche. La messa a dimora di questi esemplari, solitamente si pratica tra il mese di settembre e di novembre (per quanto riguarda gli esemplari rampicanti) o tra marzo e giugno (per gli esemplari sempreverdi). Si procede con lo scavo della buca con una profondità doppia rispetto al pane che contiene le radici della Clematis e larga almeno il triplo. Fatta la buca, si mettono circa 2 o 3 centimetri di ghiaia in modo tale da agevolare lo scorrere dell’acqua delle annaffiature; altri 3 centimetri circa di letame maturo. In seguito si aggiunge un po’ di terriccio per evitare che le radici poggino direttamente sul concime, s’interra la piantina e si pressa per bene la terra alla base della pianta. È conveniente ricordare di ricoprire il colletto della Clematis per circa 4/8 centimetri. Fatto questo, si annaffia e si dispone già un sostegno per agevolare la pianta nel suo normale sviluppo verso l’alto. Dopo aver sistemato i sostegni, si recidono gli steli a circa 30 centimetri da terra.


Clemantis: Clematis, moltiplicazione e malattie

Esemplare di Clematis alpina La moltiplicazione della Clematis può avvenire mediante propaggine, talea, seme e innesto. Per quanto riguarda la moltiplicazione mediante talea, tra i mesi di giugno e settembre si preleva dalla pianta madre una talea di circa 10-12 centimetri. Essa s’interra in un terriccio composto di sabbia e torba e si aspetta circa un anno per avere delle radici autonome ed essere così messa a dimora in piena terra. La propaggine invece si attua durante la stagione primaverile. Si sceglie un giovane ramo dalla Clematis madre, si curva per circa 25 centimetri, s’interra e si aggancia a un supporto per evitare che il ramo fuoriesca dal terreno. Quando la propaggine, dopo circa un anno, ha sviluppato un apparato radicale autonomo, è possibile reciderlo dalla pianta madre e interrarlo singolarmente. Per avere delle Clematis sempre rigogliose e in salute, occorre fare molta attenzione ad alcuni parassiti e malattie, tra cui: oidio o mal bianco, afidi. Il primo si previene posizionando la Clematis in un luogo ventilato e non umido. Si cura con anticrittogamici. Gli afidi o pidocchi si eliminano con specifici insetticidi o recidendo la zona infetta.



COMMENTI SULL' ARTICOLO