Gelsomino del Madagascar

vedi anche: Gelsomino

Gelsomino del Madagascar

Il Gelsomino del Madagascar appartiene alla famiglia delle Asclepiadaceae e ha luogo d’origine appunto in Madagascar. Sono piante rampicanti ed esistono cinque specie differenti di arbusti sempreverdi, che si adattano a crescere sia in serra che in appartamento. La specie più diffusa è Stephanotisfloribunda, costituita da arbusti carnosi e sottili che raggiungono 3 metri di altezza. Le sue foglie ovate, di consistenza simile al cuoio, sono lucide e di colore verde scuro con una lunghezza pari a 8 centimetri. I suoi fiori, bianchi e alquanto profumati, sono lunghi 4 centimetri e, il loro profumo, ricorda la tuberosa. Questa pianta, coltivata in piena terra, cresce fino a 4 – 5 metri; se invece viene cresciuta in un vaso di 50 centimetri di diametro cresce fino a raggiungere i 3 metri. Molte di queste piante vengono utilizzate in medicina, e sono conosciute anche come “piante da decorazione”.
gelsomino del madagascar

Rincospermum Falso Gelsomino Pianta in vaso di Rincospermum Falso Gelsomino - 10 Piante in vaso 7x7

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,99€


Coltivazione

Questi tipi di piante tollerano temperature basse fino a 5°c, ma in inverno sarebbe meglio non farle crescere con temperature al di sotto di 15 – 18°C. Sono piante che gradiscono la luce ma non amano essere esposte ai raggi diretti del sole nel periodo estivo. Il terreno adatto al loro sviluppo è un miscuglio di terra concimata, terra di foglie e sabbia. Il terreno inoltre va drenato per bene in modo da evitare che si formi del marciume. Queste piante vanno annaffiate tutti i giorni al mattino presto in primavera ed estate. In inverno bisogna ridurle ma facendo in modo da non lasciare il terreno asciutto per troppo tempo. È consigliabile non utilizzare acqua con presenza di calcare per le annaffiature. Importante per la pianta è fare attenzione a non causare ristagni idrici e, al momento che vengono annaffiate, a non spruzzare getti d’acqua forti sui fiori perché possono essere causa di rovina. Essendo i Gelsomini piante rampicanti, hanno bisogno di sostegni durante la loro crescita, sostegni come staccionate o fusti di legno.

  • pergola da giardino Tutti coloro che hanno la fortuna di possedere un giardino vicino o meno da casa, oppure comunque uno spazio aperto e su cui hanno piena libertà di azione e modifica, possono realizzare uno dei sogni ...
  • rampicanti Le piante rampicanti hanno la caratteristica di crescere espandendosi molto, sia in larghezza che in altezza. Il loro apparato fogliare e i rami, durante il ciclo vegetativo, si arrampicano letteralme...
  • rose-rampicanti Le rose sono una specie vegetale che comprende circa 150 diverse varietà e un numero indefinito di ibridi che sono stati creati nel corso dei secoli. Appartenenti alla famiglia delle rosaceae, le ros...
  • gelsomino1-1 Il gelsomino, nome botanico Jasminum L. comprende oltre 200 diverse specie di piante arbustive, rampicanti e sempreverdi. Quelle coltivate nei nostri giardini sono un rampicante sempreverde che serve ...

Nuovi 10pcs / bag semi di glicine, fiori di glicine, bonsai semi di fiori semi dell'albero di glicine piante in vaso per la casa giardino Bianco Blu

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Malattie e parassiti

I Gelsomini del Madagascar sono piante molto forti ma, nonostante ciò, possono essere colpite da parassiti come gli afidi e le cocciniglie. I parassiti, diffusi su piante circostanti ai Gelsomini, possono colpire i loro fiori e i loro germogli. Un altro parassita che può colpire la pianta è il “ragnetto rosso” , un acaro che nasce in ambienti caldi e secchi. Noteremo la sua presenza per la comparsa di ragnatele scure sulla parte inferiore della foglia. Possiamo prevenire la sua comparsa o “lavando” le foglie con l’acqua con il quale annaffiamo la pianta, oppure trattenendo umidità nell’ambiente in cui cresce la pianta. Questo parassita può essere eliminato utilizzando prodotti acaricidi. Una malattia della pianta porta all’ingiallimento delle foglie e alla caduta dei fiori, determinata da vari fattori tra i quali: sbalzi di temperatura, innaffiature troppo abbondanti o troppo scarse, eccesso di calcare nell’acqua di annaffiatura o nel terreno.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO