Camomilla

Come coltivare la camomilla

Coltivare la camomilla non è solo facile è anche utile, dato che la pianta officinale ha molteplici proprietà curative, da quelle protettive per il nostro stomaco, a quelle spasmolitiche per diversi tipi di dolore, che sono conosciute da tutti. I delicati fiorellini bianchi hanno un profumo non intenso ma persistente e la sua coltivazione molto semplice, arricchisce i bordi delle aiuole e i giardini di molte case, ma anche i balconi. Il terreno prediletto dalla camomilla è un terreno normale, dato che cresce con enorme facilità un po' ovunque, si adatta addirittura ai terreni calcarei, quello che invece teme è il ristagno idrico perché rischia di marcire, se coltivata nel prato, ed inoltre teme molto l'umidità e le piogge frequenti nel periodo della fioritura, quando la pianta è ancora molto delicata.
fiore di camomilla

Balsamo del cavallo riscaldante extra forte, Gel da massaggio per riscaldamento Cura del corpo con extra forte Effetto, contiene Estratti in foglie di vite rossa, Ippocastano, Melisse, Camomilla, Luppolo, Valeriana, Millefoglie, Vischio e Finocchio "Vegetale" 500ml Barattolo con Pellicola in alluminio sigillata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,97€


Come prendersi cura della camomilla

camomilla essiccata Se decidiamo di coltivare la camomilla in aiuola oltre a scegliere un terreno ben esposto al sole, ma riparato dal vento, dobbiamo fare poco altro. La semina si effettua annualmente a spaglio coprendo con del terriccio, i semi si ottengono dalle piantine dell'anno precedente, facendo essiccare i capolini. La camomilla romana invece viene riprodotta per talea di cespi; occorre scegliere delle parti della base delle piante, meglio se con radici, per poi metterle in vasetti. Le talee possono essere poi ripiantate da ottobre a primavera, facendo molta attenzione a quelle trapiantate per prime, perché più delicate, ma in seguito hanno bisogno di poche accortezze, attecchiranno facilmente dato il clima più mite, e avranno bisogno di essere ripulite solo dalle erbe infestanti. Per avere una riuscita migliore è bene ricordare che la camomilla vuole annaffiature regolari tramite l'irrigazione per infiltrazione e teme i ristagni. Se si coltiva in vaso bisogna fare attenzione ai ristagni nel sottovaso.

  • Foto Camomilla La camomilla comune appartiene alla famiglia delle Composite, al genere Matricaria ed alla specie chamomilla. È una pianta erbacea annuale alta 50-80 cm con un portamento eretto, lo stelo è sottile, l...
  • Foto della Camomilla romana La camomilla romana appartiene alla famiglia delle Composite, al genere Anthemis ed alla specie nobilis. È una pianta erbacea perenne sempreverde con portamento prostrato, alta 50 cm con gli steli fio...
  • fiore di camomilla La società moderna ha attraversato un lunghissimo periodo (circa lungo un secolo) in cui ha provato a tutti i costi ad allontanarsi dalla natura e dai suoi meccanismi, studiando ogni modo per produrre...
  • Fiori di camomilla La camomilla è una pianta a carattere erbaceo annuale, che appartiene alla famiglia delle Asteraceae. La pianta presenta delle radici a fittone, ma con un portamento a cespi, ha un'unica grossa radice...

Versele-Laga Mountain Hay 500 gr - Fieno di alta montagna per conigli e roditori (Camomilla)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,97€


Concimare camomilla

camomilla fiori Tra le cure che si offrono alle piante, una delle più importanti è la concimatura. I tempi e la qualità a volte sono basilari per una riuscita ottimale della coltivazione. La camomilla si dimostra pianta di poche necessità anche in questo campo, poiché per ottenere dei buoni risultati basta la concimazione effettuata in fase di trapianto per quella di tipo romano o nella coltivazione biennale, che si effettua quando le piante vengono messe a dimora dopo un periodo trascorso in vaso. Se coltivate la camomilla in vaso, sceglietene un tipo grande e rettangolare, distanziando le piante, altrimenti seminatela a dimora, lasciando tra le file una distanza di 40 cm circa. Bisognerà poi attendere un paio di settimane prima che cominci a germinare. Il raccolto della camomilla è scalare, per far ciò la metodica migliore è seminarla in tempi diversi per poterne beneficiare più a lungo possibile. E' bene inoltre non vangare il terreno in profondità, ma smuovere solo il suo strato superficiale.


Camomilla: Vantaggi e benefici della camomilla

piante camomilla Una pianta così semplice da coltivare offre una serie di proprietà davvero sorprendenti, se si pensa che nasce spesso spontaneamente e possiede notevoli qualità lenitive. I suoi benefici derivano dall'azulene, la sostanza che dona alla camomilla anche il suo particolare profumo, ma sono presenti anche altre sostanze quali l'acido salicilico, l'acido oleico e quello stearico. Le sue capacità calmanti sui dolori nevralgici sono date dalle sostanze normalmente presenti nell'olio essenziale, alfa-bisabololo, e altri composti dell'azulene, quali il guaiazulene e il camazulene. Alcune accortezze da tenere nei confronti della pianta per avere la migliore resa possibile, sono quelle di evitare nella maniera più assoluta i ristagni e una temperatura eccessivamente alta, è bene che la camomilla non sia esposta ai raggi diretti del sole se si superano i 45 gradi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO