Pianta della melissa

Caratteristiche principali della pianta della melissa

La pianta della melissa è un’erba perenne che raggiunge i sessanta o i settanta centimetri d’altezza. È originaria dell’Europa ma alcune specie autoctone crescono nei paesi africani che s’affacciano sul Mar Mediterraneo. La melissa crea cespi altamente tappezzanti caratterizzati da fusti a sezione quadrata. Le foglie hanno una colorazione verde chiaro, sono sottili e dotate di margini dentellati. Tutta la pianta è ricoperta da una peluria corta e sottile che può passare inosservata a un occhio poco esperto. I fiori sbocciano in estate e colorano le piante di un bel bianco rosato.Le foglie, soprattutto se vengono stropicciate, rilasciano nell’aria un delicato profumo paragonabile a quello del limone e sono adoperate per usi gastronomici e nel settore della fitoterapia.
Pianta della melissa

Erbe Aromatiche 480 Semi In 24 Varietà, Collezione Completa di Semi Più Piccola Guida Alla Coltivazione Edizione 2017: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana, Peperoncino Cayenna Rosso, Peperoncino Tondo da Ripieno, Rucola, Cipolla Rossa Tonda di Tropea, Coriandolo, Maggiorana, Anice, Senape Bianca, Crescione Comune, Dragoncello, Melissa e Dente di Leone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


Utilizzi fitoterapici

Piantine di melissa Gli estratti della pianta della melissa vengono adoperati comunemente per sedare gli stati d’ansia e per placare l’irrequietezza sia negli adulti che nei bambini. Sia nella medicina ufficiale che in erboristeria della melissa non viene buttato via niente perché sia le foglie che gli steli e i fiori sono ricchi di principi attivi benefici.Negli estratti ricavati dalla pianta ci sono tracce di acido caffeico, triterpeni ma anche diversi tipi di flavonoidi come la quercetina e la luteolina. Alcune sostanze contenute nei fiori della melissa vengono adoperate comunemente per combattere in maniera efficace l’insorgenza dell’emicrania.L’estratto che si ricava dalle foglie fresche è ottimo da adoperare per trattare sia l’herpes simplex che quello labiale mentre il decotto aiuta a rilassarsi prima di dormire.

  • melissa1-1 E’ considerata l’erba degli ansiosi per eccellenza. I suoi preparati si assumono fin dall’antichità per sedare problemi nervosi e crisi di nervi. Stiamo parlando della melissa, pianta dal delicato nom...
  • tisanamelissa2_zpsf77829c8 Siete ansiosi, stressati e non riuscire a dormire? Se la risposta è sì, vi consigliamo di bere una bella tazza di tisana alla melissa. Questa pianta, infatti, si usa per preparare rimedi adatti a colo...
  • Tintura madre di melissa Appartenente alla famiglia delle Labiatae, la melissa è una pianta nota per le sue proprietà benefiche sin dai tempi antichi: già i latini e i greci sfruttavano i principi attivi ottenuti dai preparat...
  • infuso di melissa La preparazione di un infuso di melissa è davvero semplice: prendere 5 g di foglie di melissa (circa 2 cucchiaini), versare 150ml d'acqua bollente, lasciare riposare 10 minuti. Una tazza di infuso di...

CLP Arco per piante rampicanti MELISSA con cancello, finemente decorato, in 6 colori a scelta crema antico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 159,9€


Esposizioni e innaffiature

Pianta della melissa La pianta della melissa è particolarmente resistente e cresce bene sia in pieno sole che in ombra ma preferisce zone semi ombreggiate. Non teme il freddo e sopporta anche gli inverni più rigidi senza presentare segni di sofferenza. Questa pianta erbacea non ha bisogno di grandi quantitativi d’acqua ma per ottenere raccolti qualitativamente migliori, è consigliabile eseguire regolari annaffiature durante l'estate e un’adeguata concimazione con stallatico agli inizi di marzo.La melissa preferisce i terreni morbidi e ricchi di sostanze nutritive ma si adatta a vivere anche in condizioni meno favorevoli. Sebbene si presti per la coltivazione in vaso, in genere si preferisce coltivare a terra perché in poco tempo riesce a tappezzare grandi appezzamenti di terreno.


Pianta della melissa: Moltiplicazione e parassiti

La melissa può essere moltiplicata per seme o mediante separazione delle radici rizomatose. Nel secondo caso si avrà uno sviluppo più rapido della pianta e nel giro di un paio di mesi già si potranno cogliere le prime foglie per preparare insalate o tisane rilassanti. Invece, con la semina, i tempi d’attesa si allungano notevolmente ed è necessario provvedere a togliere le erbe infestanti che inevitabilmente nasceranno fra le piantine per evitare che soffochino.La melissa non viene attaccata facilmente da parassiti o da malattie fungine devastanti. Tuttavia è possibile che gli afidi rovinino i germogli se nelle vicinanze già altre piante sono interessate da questi insetti. Inoltre, un’umidità eccessiva potrebbe provocare qualche problema all’apparato radicale.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO