Rosmarino secco

Tecniche di essicazione

Il rosmarino è una pianta aromatica resistente che rilascia poche delle sue proprietà durante il processo di essiccazione. Essiccare il rosmarino, per poi utilizzarlo tutto l'anno come condimento per tantissime ricette, è piuttosto semplice. Una prima tecnica per ottenere il rosmarino secco consiste nel tagliare dei rametti di uguale lunghezza dalla pianta andando a formare dei mazzetti avvolti alla base con dello spago. Ogni mazzetto può contenere sino a un massimo di otto rametti; ricordarsi di aggiungere un gancio all'estremità del filo così da poter appendere facilmente i mazzetti. Per l'essiccazione si consiglia di appendere i mazzetti in un luogo fresco, ben ventilato e asciutto evitando gli ambienti umidi non adatti all'essiccazione. Ogni due giorni girare i mazzetti così da permettere un'essiccazione uniforme. Dopo due settimane, quando gli steli e le foglie saranno rigidi, l'essiccazione sarà completa e si potrà procedere con il separare gli aghi dai gambi. Altra tecnica consiste nell'essiccare il rosmarino in forno; in questo caso bisogna disporre il rosmarino tagliato a pezzetti in una teglia e infornare per circa 2/4 ore in forno preriscaldato a una temperatura di 30°C.
Rosmarino coltivato

Italian Way Pasto Completo per Gatti Adulti Formula Classic Fit - 400 gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36€


Come conservarlo

Rosmarino fresco Esistono molti modi per conservare il rosmarino, sia secco che fresco, per poi poterlo utilizzare anche nei mesi più freddi. Nel caso di rosmarino secco, bisogna conservare gli aghi ottenuti dall'essiccazione, e successivamente sminuzzati o ridotti in polvere, in barattoli di vetro ben chiusi da riporre poi in un luogo asciutto e buio. Se si desidera, invece, conservare il rosmarino fresco allora uno dei metodi più efficaci consiste nel congelarlo in vaschette avendo l'accortezza di aggiungere dell'acqua prima del congelamento. Si otterranno, così, dei cubetti di ghiaccio al rosmarino che potranno essere usati per insaporire molti piatti come zuppe o salse. È possibile congelare il rosmarino anche nei sacchetti per congelare gli alimenti, magari aggiungendo altre erbe aromatiche come il basilico o il prezzemolo. Altra tecnica consiste nel preparare olio aromatizzato al rosmarino, ottenuto tritando i rametti in un frullatore con l'aggiunta di aglio e olio. Si ottiene così un composto che andrà riposto in stampi per ghiaccio e lasciato congelare per una intera notte; i cubetti saranno poi conservati in freezer all'interno di contenitori ermetici.

  • Panoramica piante aromatiche Le piante aromatiche sono specie vegetali annuali, biennali o perenni, che contengono grandi quantità di sostanze volatili e profumate, in alcuni casi veri e propri oli essenziali, che le rendono appu...
  • Foto del Rosmarino Il rosmarino appartiene alla famiglia delle Labiate, al genere Rosmarinus ed alla specie officinalis.È un arbusto perenne alto generalmente 1 m e largo anche più di 1,5 m, con un portamento cespugli...
  • rosmarino La natura è un mondo molto vasto e di certo molto ricco di possibilità; da quando la razza umana esiste come la conosciamo noi (quindi civilizzata), abbiamo sempre cercato di sfruttare al massimo ciò ...
  • Decotto rosmarino Il rosmarino è una pianta aromatica che non può mai mancare nella cucina italiana: parte della vegetazione tipica della macchia mediterranea, è facile da coltivare anche in balcone o in terrazza ed è ...

Rosmarino Prostrato Pianta di Rosmarino in Vaso 24 cm - 1 Pianta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€


Proprietà e benefici

Benefici usi piante aromatiche Il rosmarino ha numerose proprietà essendo ricco di vitamine e antiossidanti che lo rendono adatto a scopi curativi. Dal valore energetico basso, dovuto all'abbondante presenza di acqua, il rosmarino possiede alte quantità di fosforo, potassio, calcio, vitamina A e C. Nel rosmarino secco i nutrienti, le vitamine e i sali minerali sono più concentrati a causa dell'eliminazione dell'acqua durante l'essiccazione. Per quanto concerne i benefici, il rosmarino presenta proprietà diuretiche ed è utile nel trattamento della pressione alta, mentre le proprietà digestive sono dovute alla presenza di terpeni che facilitano la digestione senza causare acidità a livello dello stomaco. Al contrario il rosmarino svolge un'azione protettiva delle mucose gastriche ed è, quindi, un potente antinfiammatorio. L'abbondante presenza di vitamina C nel rosmarino lo rende utile per rafforzare il sistema immunitario mentre l'acido rosmarinico ha effetti positivi sul miglioramento delle funzioni cerebrali e sull'abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue. In erboristeria e aromaterapia il rosmarino, in forma di estratto secco e di olio essenziale, è utilizzato per preparare tisane, decotti e impacchi.


Rosmarino secco: Usi terapeutici e culinari

Piante officinali Le proprietà terapeutiche del rosmarino sono numerosissime per questo il suo impiego a scopo curativo è piuttosto ampio e variegato. L'estratto secco del rosmarino viene infatti utilizzato per preparare tisane efficaci contro il mal di gola mentre sotto forma di decotto è impiegato come impacco contro i capelli bianchi. L'olio essenziale ottenuto dal rosmarino è particolarmente efficace per i massaggi, mentre ingerirne 3/4 gocce al giorno può aiutare a contrastare spasmi intestinali e a migliorare la memoria. Se gli utilizzi curativi del rosmarino sono vasti, altrettanto lo sono quelli in cucina, sia in forma fresca che essiccata. Il rosmarino secco è ottimo non solo per insaporire moltissimi piatti con il suo aroma dolce-amaro ma anche per facilitare la conservazione dei cibi grazie alla sua azione di antiossidante naturale e per favorire la digestione dei grassi in virtù delle sue proprietà digestive. Per quanto concerne l'utilizzo in cucina, il rosmarino secco viene solitamente tritato facendo attenzione a non eccedere con le dosi e si presta bene per insaporire piatti a base di cereali, focacce, pane, secondi di carne, come gli arrosti, o di pesce.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO