Come curare un bonsai

Creare un bonsai a partire dal seme in vaso

Creare un bonsai partendo dal seme permette di seguire tutti i passaggi dello sviluppo dell'alberello e certamente dona molte soddisfazioni. La prima fase riguarda la scelta dei semi. Dobbiamo scegliere la specie che meglio si adatta alle condizioni climatiche in cui terremo il bonsai, considerando anche se tenere la pianta all'interno o all'esterno. Una volta determinata la specie e selezionati i semi, è necessario fornire loro le condizioni migliori per germinare, che saranno diverse da pianta a pianta. Non è consigliabile piantare un solo seme. Molto meglio piantarne diversi, in modo da essere sicuri che almeno uno riesca a germogliare. Una volta ottenuti i germogli si può selezionare quello più sano e promettente e si può passare all'invaso. Il vaso definitivo in cui il bonsai verrà mantenuto deve arrivare solo alla fine, quando l'albero avrà un fusto con un diametro di almeno un centimetro.
La selezione dei semi è essenziale per avere successo

(Acero giapponese & abete rosso blu del Colorado) Kit albero dei bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 29€


Potatura di impostazione

Se si desidera un bonsai inclinato a sinistra, tagliare i rametti sul lato destro Una volta che i piccolo albero ha raggiunto un diametro del fusto sufficientemente grande, è bene cominciare a decidere che tipo di impostazione vogliamo dare al bonsai. Questa è la fase più delicata dell'intero sviluppo del bonsai, perché una volta che si è deciso come potare la pianta, correggere eventuali errori sarà piuttosto complicato. È molto importante visualizzare mentalmente sin da subito il risultato finale che si desidera ottenere, in modo da effettuare una potatura tale da indirizzare la crescita del bonsai verso la direzione prefissata. Per potare il bonsai si devono tagliare i rametti indesiderati e la pianta continuerà a crescere solo dove i rami non sono stati tagliati. Se si desidera conferire al bonsai un portamento naturale dovranno essere tagliati i rami uniformemente, mantre se si desidera ottenere un albero inclinato su un lato si dovranno tagliare i rametti solo sul lato opposto rispetto a quello verso cui vogliamo che l'alberello cresca.

  • ficusginseng1. Il Ficus ginseng è una delle tante specie di piante appartenenti al genere Ficus. Il nome botanico di questa specie è Ficus retusa o microcarpa, ma è stato sostituito con il termine “ginseng” per via ...
  • Forbici giardinaggio Nonostante la tecnologia venga spesso in soccorso degli amanti del giardinaggio, per i più fini lavori di precisione la manualità svolge ancora un ruolo preponderante: nessuno strumento elettrico è in...
  • orchidea mini Le piante sono un eccezionale prodotto della potenza della Natura, ma ciò che di esse ha più mordente sull’animo umano sono assolutamente i fiori: essi sono concepiti dalla natura stessa come semplici...
  • ficus_retusa Tra le piante del genere Ficus, quella di cui stiamo per parlare è considerata una delle più apprezzate ed interessanti dal punto di vista ornamentale. Ci stiamo riferendo al ficus retusa, arbuato da...

astage BONSAI TOOL Azalea scissors Made in japan

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,62€


Potatura di mantenimento

Individuare i rametti da tagliare è alla base della buona riuscita della potatura di mantenimento Per creare un bonsai non basta la potatura iniziale. Per controllare, direzionare e mantenere la forma e l'impostazione del bonsai necessario continuare la potatura in modo regolare e frequente. La frequenza della otatura naturalmente sarà da calibrarsi in funzione della specie; un bonsai di quercia cresce lentamente e la potatura sarà più diradata nel tempo rispetto a un bonsai di pino, che cresce più velocemente. Per mantenere la forma del nostro bonsai è sufficiente tagliare i rametti e i germogli che fuoriescono dal perimetro delle fronde che vogliamo mantenere per creare il bonsai perfetto. Per incentivare la crescita in una specifica direzione basterà non tagliare i germogli sul lato che desideriamo far crescere, mentre dovremo eliminare quelli sul lato opposto. Per infoltire la zona interna della chioma del bonsai basterà invece tagliare i rami e i germogli più esterni.


Come curare un bonsai: Curare, concimare e travasare il bonsai

Concimare e travasare regolarmente i bonsai aiuta lo sviluppo ottimale delle radici Per creare un bonsai florido e in piena salute è fondamentale non trascurare altri fattori come la concimazione e la reinvasatura.Per concimare un bonsai in modo efficace prima di tutto bene munirsi di concimi appositi, da somministrare seguendo le istruzioni delle diverse marche. Molto importante è fare attenzione a non esagerare con le quantità; se si inizia a creare un bonsai partendo con il piantare un seme, è consigliabile aspettare almeno 5 o 6 settimane prima di iniziare a concimare, in quanto il seme contiene già tutto il nutrimento necessario per le prime fasi di vita e un eccesso di nutrienti potrebbe danneggiarlo più che aiutarlo.Man mano che la pianta cresce è fondamentale travasare il bonsai in vasi via via più capienti prima di raggiungere il vaso definitivo. Fase molto delicata, deve essere effettuata con grande attenzione e delicatezza in modo da non danneggiare le radici.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO