Innaffiare bonsai

Bonsai da interno e da esterno: caratteristiche e differenze

Prima di iniziare a parlare dell'annaffiamento e quindi anche delle caratteristiche del terreno, è necessario fare una differenza tra bonsai da interno e bonsai da esterno. I bonsai da interno hanno la particolare caratteristica del bisogno di luce, quindi sarebbe adatta, per questo tipo di pianta, una collocazione accanto ad una finestra o su un davanzale, prestando attenzione al fatto che vanno tenute lontano da fonti di calore come stufe o termosifoni; l'ideale sarebbe miscelare nel sottovaso argilla ed acqua, senza però ostruire i fori del vaso principale. E' possibile mettere i bonsai da interno anche fuori, ma solamente in estate o in primavera, in posti ombreggiati per impedire al sole di asciugare, in tempi molto brevi, il terreno. Invece per i bonsai esterni bisogna tenere in considerazione che vanno tenuti fuori tutto l'anno, ma sempre ombreggiati nei mesi caldi; per evitare invece che le radici si gelino in inverno, è possibile mettere il vaso in uno scatolo con della paglia, oppure rivestirlo con un sacchetto di nylon.
Classico Bonsai da interno

Set di Irrigazione Automatica Micro Goccia con Tubo, Sistema Automatico per Fiori, Piante, Bonsai, Giardini e Patio (25 m)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,89€


Bonsai: il metodo di rivaso e le caratteristiche del terreno

Miscela del terriccio ideale per il Bonsai Prima ancora dell'annaffiamento del bonsai c'è necessità, per forza di cose, di conoscere la composizione del terriccio (fondamentale per far sì che la pianta cresca come meglio vogliamo) e quindi anche di come praticare un rinvaso. Il rinvaso va di regola effettuato ogni due o tre anni e consiste nel cambio del terriccio che abbiamo all'interno del vaso contenente il bonsai, con la relativa sostituzione del contenitore se, essendo cresciuta la pianta, si sia persa la giusta proporzione tra quest'ultima e il vaso più piccolo. La giusta composizione del terreno invece, come detto, è necessaria affinché il bonsai sia ben drenato, nutrito ed areato durante tutto l'anno; nonostante molti negozi online vendano delle miscele di terriccio già pronte, ad un prezzo però molto elevato, è consigliato procurarsi i vari elementi da sé, mondo da formare la giusta miscela in casa: sono necessari dell'Akadama (argilla giapponese molto cotta), del terriccio organico universale ed infine la sabbia (o ghiaia fine) per far si che durante l'annaffiamento la pianta sia ben drenata a lungo. Le tre componenti vanno utilizzate in questo modo: - 25% terriccio organico - 25% sabbia - 50% Akadama

  • ficusginseng1. Il Ficus ginseng è una delle tante specie di piante appartenenti al genere Ficus. Il nome botanico di questa specie è Ficus retusa o microcarpa, ma è stato sostituito con il termine “ginseng” per via ...
  • Forbici giardinaggio Nonostante la tecnologia venga spesso in soccorso degli amanti del giardinaggio, per i più fini lavori di precisione la manualità svolge ancora un ruolo preponderante: nessuno strumento elettrico è in...
  • orchidea mini Le piante sono un eccezionale prodotto della potenza della Natura, ma ciò che di esse ha più mordente sull’animo umano sono assolutamente i fiori: essi sono concepiti dalla natura stessa come semplici...
  • ficus_retusa Tra le piante del genere Ficus, quella di cui stiamo per parlare è considerata una delle più apprezzate ed interessanti dal punto di vista ornamentale. Ci stiamo riferendo al ficus retusa, arbuato da...

JOYOOO 25m Irrigo - Kit per irrigazione a goccia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,99€


Ogni quanto occorre annaffiare una pianta di bonsai?

Il momento d'innaffiatura varia da bonsai a bonsai La frequenza con la quale diventa necessario innaffiare una pianta di Bonsai, dipende, come detto prima, da molti fattori, quindi è necessario imparare a conoscere singolarmente gli alberi per poi trovare ad ognuno una linea guida da seguire in modo periodico. Per prima cosa bisogna rendersi conto che il bonsai va annaffiato ogni qual volta il terriccio è diventato per lo più asciutto, altrimenti si rischia di riempirlo troppo d'acqua che non sarà più ben drenata dalla sabbia; per accorgersi se il suolo è ancora bagnato o meno, basta inserire le dita ad un centimetro di profondità, ripetendo l'operazione ogni volta, fin quando non si sarà diventati così esperti da capire quand'è che la pianta avrà bisogno di essere innaffiata. In più, come detto prima, oltre alla fondamentale composizione del terreno, diventa significativa la mancanza di uno schema preciso, nell'innaffiamento, che possa danneggiare il bonsai, invece di giovarlo.


Innaffiare bonsai: Come innaffiare il il bonsai e quale tipo di innaffiatoio usare

Bonsai ed innaffiatoio a soffione sottile Come detto in precedenza, il bonsai va annaffiato quando il terriccio sembra essersi asciugato ed a quel punto, quando la pianta ha quindi bisogno d'acqua, c'è la necessità d'annaffiarla in maniera che tutte le radici ed il sistema drenante ricevano l'acqua necessaria per la corretta cura della pianta; a questo punto bisogna bagnare il bonsai finché l'acqua non esca fuori dai fori sotto il vaso, ripetendo possibilmente l'operazione dopo alcuni minuti. L'abero va innaffiato con un annaffiatoio con soffione sottile, in modo che il tutto si svolga con estrema delicatezza, evitando che il terriccio in superficie venga spazzato via dal getto più forte. Una piccola curiosità: è preferibile utilizzare acqua piovana raccolta poiché non contiene l'aggiunta di sostanze chimiche che potrebbero, a lungo andare, danneggiare il vostro amato bonsai.



COMMENTI SULL' ARTICOLO