Rinvaso bonsai

Cura: quanto spesso va fatto il rinvaso dei bonsai?

Per evitare che un albero rimanga per troppo tempo legato al vaso e, quindi, per non portarlo alla morte per assenza nutrizionale, un rinvaso regolare è fondamentale. Il rinvaso del vostro Bonsai farà la differenza nella crescita: fornirà all'albero nuovi nutrimenti che lo aiuteranno a crescere e fiorire. Quanto spesso va fatta? Dipende dalle dimensioni del contenitore / vaso e dalla specie di Bonsai scelta, perché ogni varietà richiede i suoi tempi per la crescita. Alberi a crescita rapida devono essere rinvasati ogni due anni ( a volte anche ogni anno), mentre i più anziani, gli alberi più maturi, devono essere rinvasati dai 3 ai 5 anni. Ma un modo per curare il nostro bonsai è senza dubbio la sua osservazione, il bonsai deve essere controllato, solo in questo modo capiremo se è necessario un rinvaso. Un bonsai deve essere rinvasato quando le radici circolano attorno a quelle centrali. Quando le radici sono ancora contenute nel suolo aspettate un altro anno prima di controllare di nuovo.
cura bonsai albero

Gancio Radici Bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Periodo dell'anno e la scelta della miscela

albero bonsai giapponeseIl lavoro di rinvasatura deve normalmente essere fatto durante l'arrivo della primavera; quando l'albero è ancora in fase di riposo. In questo modo i possibili effetti dannosi di rinvaso su un albero sono ridotti al minimo, in quanto l'albero non deve ancora sostenere un fogliame adulto e quindi pesante. Il rinvaso all'inizio della primavera garantirà, inoltre, che il danno arrecato al sistema delle radici possa essere riparato a breve, quando l'albero comincerà a crescere . La scelta del giusto mix di terreno da utilizzare è fondamentale per la salute dei vostri alberi e prima di tutto dovrebbe essere drenante in modo sufficiente per impedire alle radici di marcire. La miscela più adatta prevede di mescolare l'akadama, ghiaia fine e terriccio insieme in un rapporto di ½ a ¼ a ¼ . Quando non avete tempo per innaffiare le vostre piante regolarmente, scegliete allora una miscela che sia in grado di assorbire più acqua (usare più terriccio) , mentre si dovrebbe scegliere una miscela più drenante (usate più akadama e ghiaia )se vivete in un clima più umido.

  • Questo bonsai ha bisogno di un rinvaso Il rinvaso del bonsai è una operazione molto delicata che va effettuata più volte nel corso della vita della nostra pianta: va eseguita con attenzione in maniera tale da non sottoporla ad eccessivo st...
  • Specie di Olmo bonsai L'Olmo parviflora, conosciuto più comunemente come Olmo cinese, è tra i bonsai più coltivati a scopo ornamentale. Originario di tutto il continente asiatico, appartiene alla famiglia delle Ulmaceae. S...
  • Esemplare di bonsai di Carmona microphylla Conosciuta come la pianta del the di Fukien è denominata Carmona microphylla, una specie di bonsai molto conosciuta e indicata anche per i più inesperti. Originaria del continente asiatico meridionale...
  • Varietà di Wisteria floribunda in fiore Appartenente alla famiglia delle Papilionaceae, il genere di piante Wisteria è più comunemente noto con il nome di Glicine. I bonsai si caratterizzano per la vistosa ed elegante fioritura e si disting...

Convogliatore terriccio per rinvaso bonsai, set 3 pezzi, Inox

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,3€


Scelta del vaso e prime operazioni di rinvaso

uomo cura bonsai ficus Ora che avete preparato la miscela potrete andare avanti con il vostro rinvaso! La scelta di un contenitore che si adatti perfettamente col bonsai, sia nelle dimensioni che nello stile, è fondamentale per la composizione nel suo complesso. Preparate prima il contenitore e successivamente cominciate il rinvaso: Posizionare una rete di plastica sui fori di drenaggio, attaccata con qualche filo di rame. Coprite la base del vaso con uno strato di graniglia per fare un modo di creare un buon drenaggio. Si potrebbe avere la necessità di collegare un altro filo di rame per i fori di drenaggio nel vaso, che può essere utilizzato per collegare l'albero con la fase successiva. Ora usare miscela di terreno preparata come se fosse un secondo strato, in cui viene piantato l'albero. Prendere con cautela l'albero dal suo vaso, se è bloccato utilizzate un coltellino per le radici. Assicuratevi di ottenere gli strumenti giusti per i bonsai, rendendo il lavoro più facile. Controllare se l'albero abbia bisogno di essere rinvasato o meno, come già detto precedentemente.


Rinvaso bonsai: Ultime operazioni per un rinvaso semplice

cura bonsai giapponese Il rinvaso non è un’operazione difficile, se sappiamo come farlo: utilizzando una radice a gancio o alcune bacchette, bisogna rimuovere con attenzione il terreno e separate le radici tra loro. Quando si rinvasano i pini mai rimuovere tutta la terra; questo eliminerebbe il fungo micorrizici, che è essenziale per la sopravvivenza dell'albero . Potare le radici più lunghe; questo aiuterà il vostro albero a crescere con un sistema di radici centrale più compatto, e adatto per il posizionamento in piccoli vasi da Bonsai. Adesso rimuovete anche il marciume e le radici in crescita verticale. Potare fino a ¼ della massa totale delle radici. Posizionare l'albero, leggermente al di fuori del centro del vaso e attaccarlo con il cavo di rame. Riempire il vaso utilizzando una mistura di suole per circa un centimetro sotto il bordo; siate sicuri che il suolo riempia il vaso completamente e che non ci siano uscite d'aria tra le radici. Innaffiare l'albero, e in questo modo stabilirete il suolo, riempiendo le filtrazioni d'aria rimanenti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO