Zamia

Zamia

La Zamia è una pianta del genere delle cicadi che appartiene alla famiglia delle Zamiceae e che comprende una totalità di circa 70 specie diverse. La pianta ha origine a seconda della specie dall'America del Nord, attraverso tutto il continente fino all'America del Sud. La Zamia ha la forma di cespuglio con caratteristiche che si potrebbero trovare nelle palme e nelle felci. Il fusto della pianta è tozzo, in alcune specie addirittura sotterraneo, mentre esiste anche una specie epifita, la Zamia pseudoparasitica che è in grado di crescere sui rami di altre piante. Le foglie hanno caratteristiche coriacee con un aspetto lucido. I semi della pianta presentano colorazioni variabili tra il rosso, il giallo, l'arancione e il bianco. La pianta ha uno sviluppo molto lento, infatti potrebbe impiegare anche 35 anni per svilupparsi completamente.
Zamia

Pachira Aquatica Pianta Placcato con un fusto. Guiana Chestnut Tree

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,73€


Specie di Zamia

Zamia La Zamia è una pianta in grado di vivere in diversi habitat, nella savana, nella prateria, nelle macchie arbustive, nel sottobosco, nelle foreste tropicali. È una delle piante viventi più antiche. La maggior parte delle specie di Zamia vive in zone calde e umide, ma con facilità di adattamento a zone temperate. La Zamia predilige zone ombreggiate con dei terreni ben drenati, ma è in grado anche di resistere con basse temperature. La Zamia è una pianta dioica, esistono esemplari femminili e maschili. Ci sono moltissime specie di Zamia, le più conosciute sono: la Furfuracea, la Pumila e la Variegata. La Furfuracea ha un fusto poco sviluppato e che in parte è sotterraneo, i semi sono velenosi. La Pumila ha steli sotterranei e foglie coriacee verdi brillanti. La Variegata ha foglie con una colorazione verde striata di giallo.

  • Una zamia di medie dimensioni. La zamia appartiene alla famiglia delle Zamiaceae,piante che assumono l'aspetto di veri e propri cespugli, fusto corto e può raggiungere i tre metri di lunghezza. Le foglie sono succulente, lucide e c...
  • Siepe zamia Innaffiare ogni 10 giorni senza esagerare la bella pianta di zamia per non formare dei ristagni d'acqua. Disciolto nell'acqua è bene aggiungere del concime per piante grasse ogni venti giorni, ma solo...

Gledto 120cm 10LED Bianco Caldo Cuore Metallo Impermeabile Luce Strisce Luce della Stringa Chiara Stella Alimentata a Batteria per Giardini Casa Matrimonio Festa di Natale Compleanno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Coltivazione della Zamia

Zamia furfuracea Le specie di Zamia sono generalmente adatte a climi caldi, quindi esiste la possibilità di coltivarle sia in pieno sole sia in aree con una buona ombreggiatura. La posizione preferita dovrebbe essere in una zona con una adeguata illuminazione, ma lontana dai raggi diretti del sole, in modo che le foglie non soffrano troppo. Sarebbe opportuno ripulire periodicamente le foglie per facilitare la fotosintesi. Nel periodo di maggiore crescita, nel periodo compreso tra l'inizio della primavera e la fine dell'estate le Zamia, andrebbero annaffiate con regolarità e abbondantemente. In autunno e in inverno il terreno andrebbe inumidito periodicamente per non far si che secchi troppo. Il terreno ideale per la Zamia dovrebbe essere soffice, con un adeguato drenaggio per evitare i pericolosi ristagni d'acqua.


Cura della Zamia

Zamia coontie Le Zamia necessitano di una buona concimazione, sarebbe opportuno in primavera e in estate diluire del fertilizzante all'acqua di irrigazione. Sarebbe opportuno utilizzare dei fertilizzanti che contengano: azoto, fosforo, potassio, ferro, manganese, rame, zinco, boro e molibdeno. Le Zamia sono piante che non necessitano di potatura, infatti dovrebbero essere eliminate le foglie che risultino secche o che vengano danneggiate, per garantire salute alla pianta ed evitare che possano essere colpite da malattie. Le Zamia possono essere moltiplicate sia per seme sia per talea. La talea dovrebbe essere effettuata in autunno prelevando alcune foglie che potrebbero essere interrate in un composto di torba e di sabbia. Mantenendo umido il terreno sarà possibile favorire lo sviluppo delle nuove piante.




COMMENTI SULL' ARTICOLO