Tettoie in plexiglass

Arredare ieri e oggi

Riflettere sul concetto di arredamento ci porterebbe molto lontano, soprattutto se vogliamo fare una sorta di comparazione tra ieri ed oggi, tra l’epoca dei nostri nonni e quella nostra, tra anni Sessanta ed anni Duemila ed oltre. Ebbene, oggi proveremo a farlo in breve, come antifona per parlare di alcuni materiali nuovi con cui si costruiscono pezzi d’arredamento oggigiorno. Al tempo dei nostri nonni il concetto di arredare aveva un significato totalmente diverso, riassumibile come “riempire la casa con ciò che ci serve per vivere disponendo tutto nello spazio che abbiamo”; una cosa poco fantasiosa in effetti, ma molto concreta. Oggi arredare invece è tutt’altro, dato che questo è diventato un’arte, anche se non presenta molto di un’arte in quanto si dovrebbe arredare solo in base ai gusti propri, a ciò che serve unitamente a ciò che serve davvero, a ciò che ci rende la vita più efficiente, non solo che ci permette di compiacerci nell’arredamento che abbiamo dal punto di vista estetico. La differenza è quindi piuttosto marcata, variando dalla praticità assoluta alla quasi totale mancanza di efficienza e concretezza. Per fortuna oggi ci salvano la ricerca scientifica e tecnologica, che più ancora di quella di mercato ci permette di soddisfare l’occhio con una certa funzionalità.
tettoia plexiglass.

TecTake Pensilina Tettoia in policarbonato per porta o finestra per esterno 300x93cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 64,99€


Il plexiglass

utilizzo sanitario.Come si può evincere da una parte del nome di questo prodotto (peraltro è un nome commerciale, ovvero è un marchio depositato, ma è oramai così entrato nell’utilizzo comune da descrivere davvero l’oggetto stesso, in questo caso il materiale), deriva dal vetro (glass, in inglese) o perlomeno vuole somigliarvi e riprenderne alcune caratteristiche. In pratica il plexiglass è il frutto dell’innovazione continua e rapidissima dell’industria dei materiali polimerici, più comunemente definiti “plastiche”; si tratta di un prodotto che presenta caratteristiche di imitazione del vetro: trasparenza soprattutto, unita però all’infrangibilità. Il nome tecnico è metacrilato di metile in resina (e forse è per questo motivo che si è diffuso soprattutto il nome commerciale), e grazie ad alcune sue caratteristiche tecniche riesce a garantire quasi la stessa trasparenza e quindi eleganza del vetro (il quasi è d’obbligo dato che i vetri pregiati raggiungono livelli incredibili), ma con l’enorme pregio di non essere estremamente fragile come il vetro stesso, unica vera pecca di questo materiale. Dall’altro lato si deve però fare i conti con una certa facilità di abrasione, ovvero di rapido “consumo” per attrito con altri materiali; del resto, per coloro che conoscono almeno un po’ i materiali, ciò è facile da ipotizzare perché non essendo duro e fragile allora risulta più elastico e rovinabile.

  • tettoia in ferro La nostra casa è un luogo intoccabile e sacro; moltissime persone (tranne davvero i pochi fortunati che sono ereditieri) fanno enormi sacrifici, spesso per quasi tutta la vita, per costruirsi o compra...
  • tettoia solare Il giardino di casa è un luogo particolare in cui tante persone amano sostare dopo il lavoro, per rilassarsi e riconciliarsi con un pezzettino di natura dopo che tutto il giorno sono stati a contatto ...
  • tettoia in legno. Ogni persona che ha la fortuna di possedere una casa di proprietà la ama e la cura con tutte le sue forze per farla essere sempre efficiente ed accogliente; ci sono stati studi e ricerche varie che ha...
  • tettoia da balcone Sull’argomento dell’importanza della casa per un cittadino sono stati fatti un numero elevatissimo di sondaggi, ricerche e studi ad ogni livello; il risultato è stato che per gli Italiani la casa è il...

Lastra trasparente in policarbonato compatto, 2.050 x 1.250 x 2 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49€


Tettoie in plexiglass

Ora vedremo i motivi per cui il plexiglass è riuscito ad entrare nel mondo degli arredamenti, e nello specifico nel mondo delle tettoie. In pratica l’unica vera caratteristica che ha decretato il successo del plexiglass in parziale sostituzione del vetro è stata la sua capacità di non rompersi fragilmente e facilmente come il vetro; da precisare che la rottura fragile è quella rottura che viene volgarmente detta “in mille pezzi”, ovvero una rottura pericolosa per via della capacità di penetrazione di questi pezzettini. Ed è proprio la sicurezza il motivo per cui in tante applicazioni si sceglie il plexiglass e non il vetro, soprattutto quando siamo di fronte a dei bambini o delle situazioni comunque pericolose in potenza. Nel caso delle tettoie, oltre alla questione di sicurezza comunque importante, il plexiglass ha rubato una parte del mercato del vetro perché la sua non fragilità gli permette di resistere meglio alle sollecitazioni che un vento, una grandinata, il peso del ghiaccio potrebbero provocare in un classico utilizzo per una tettoia; in questi casi il vetro potrebbe cedere e provocare lesioni serie, mentre il plexiglass anche nel caso estremo di rottura non presenta pericolosità perché non si distrugge in “mille pezzi”.


Costi e caratteristiche

Così come lo abbiamo finora descritto, il plexiglass sembrerebbe un materiale straordinario, quindi si potrebbe ipotizzare un prezzo davvero intonato a queste caratteristiche incredibili. Un’altra di queste incredibili caratteristiche del plexiglass è in realtà proprio il prezzo: chiaramente bisogna sempre regolarsi in base alla qualità ed alle geometrie da ottenere, ma il plexiglass risulta per la maggior parte delle volte addirittura più economico del vetro. E questo è un risultato straordinario se pensiamo che gode dell’infrangibilità che spesso è la prima causa di sostituzione dei vetri. I casi in cui il plexiglass giunge a prezzi non molto competitivi sono quelli in cui si devono realizzare geometrie molto particolari, quali ad esempio degli spigoli concavi oppure delle curve con una certa estensione. Però l’aspetto peculiare è che la lavorazione delle materie polimeriche (il grande gruppo che racchiude anche la resina del plexiglass) è un campo in cui la ricerca tecnologica mette il massimo impegno, quindi è levito aspettarsi che da qui a qualche anno potrebbe esserci una “rivoluzione” che magari potrà rendere il plexiglass anche poco soggetto ad usura, l’unica sua pecca attuale.




COMMENTI SULL' ARTICOLO