Realizzare giardini verticali

Cosa sono i giardini verticali?

I giardini verticali sono composti da piante coltivate lungo una parete o altro supporto verticale mediante diverse tecniche. In alcune città si è largamente diffusa questa forma di giardinaggio e alcuni giardini verticali sono considerati delle opere d’arte. Sovente la base di questi giardini è formata da grate di ferro fissate alle pareti, sulle quali si applica uno strato sintetico di pvc e materiale nutritivo contenente i semi o le piantine da coltivare. Molti giardini verticali sono formati semplicemente da vasi fissati ai supporti e al cui interno si piantano le essenze che, crescendo rigogliose, vanno a coprire la parete. Anche le piante rampicanti sono utilizzate nella realizzazione di questi giardini e contribuiscono a rendere più uniforme il tutto con la loro capacità coprente. Oltre al fattore estetico, i giardini verticali sono un valido aiuto per dimezzare i costi energetici: filtrando la luce solare, in estate, il calore assorbito dalle pareti è minore, di conseguenza i costi per la climatizzazione dei locali si abbatte. Inoltre, le piante filtrano i dannosi elementi presenti nell’aria scaturiti dai gas di scarico.
Un giardino verticale

La letteratura di villa e di villeggiatura. Atti del Convegno (Parma, 29 settembre-1 ottobre 2003)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 68€


Come realizzare i giardini verticali

Giardini verticali in legnoRealizzare un giardino verticale è una procedura davvero semplice, alla portata di tutti, ed è inoltre la soluzione migliore per utilizzare quegli spazi verticali altrimenti vuoti. Sono molte le specie di piante che si prestano ad essere coltivate verticalmente: dai classici gerani alle primule, dai tulipani alle piante succulente. In commercio è possibile acquistare dei kit appositi, che contengono sostanzialmente: una struttura portante (in ferro o in plastica resistente) da fissare al muro, ed una serie di vasi che si incastrano su di essa. Oltre questi kit modulari, vi sono anche degli accessori unici più semplici da gestire, composti da un singolo pezzo in plastica formato da vari vasi all’interno dei quali si inseriscono le piantine. Quest’ultima soluzione risulta molto più funzionale, dal momento che la struttura si può all’occorrenza spostare agevolmente. Molti giardini verticali sfruttano il sistema dell’idrocoltura, ovvero il riciclo dell’acqua che, filtrando dalla pianta posta in alto, arriva tramite i fori di scolo alla pianta sottostante.

  • progettazione giardino Ognuno di noi ha un luogo, in casa o fuori, che per lui è sacro ed intoccabile; non si tratta né di qualcosa di religioso e né di spirituale in qualche modo, bensì stiamo semplicemente parlando di un ...
  • attrezzi da giardino La vita dei nostri giorni è molto molto diversa da quella di qualche tempo fa; un tempo l’esistenza era diviso tra il lavoro e la famiglia, mentre oggi molto spesso si vive per lavorare, mentre il tem...
  • piscina con sposi. La piscina da giardino è il più desiderato degli arredi da giardino; chiunque fin dall’adolescenza (tantissimi cominciano anche prima, ma è da quando si comincia a ragionare per davvero che lo si desi...
  • grande forno barbecue. Noi viviamo in un mondo particolare, in una società molto diversa da quella di anche dieci anni fa, figuriamoci quanto diversa da quella in cui i nostri genitori sono cresciuti ed a cui si sono ispira...

Un anno nel giardino fiorito. Dodici mesi con i suggerimenti dei professionisti del giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,82€
(Risparmi 15,68€)


Giardini verticali fai-da-te

Giardino verticale realizzato con vasi Per gli amanti del fai-da-te le idee per realizzare un giardino verticale sono davvero molte. La più veloce ed intuitiva prevede l’uso dei comuni vasi in coccio o in resina ed una struttura di legno, magari recuperando delle vecchie aste. Non bisogna far altro che applicare alle aste dei supporti circolari in ferro, posizionandoli uno sull’altro ad una distanza di circa 50-60 centimetri, dopodiché andranno fissate ad una parete. In ogni supporto inseriremo un vaso ed avremo il nostro giardino verticale pronto. Un’altra idea molto originale prevede l’uso di sacchetti in feltro o di sacco da appendere alle pareti o ad altri supporti verticali; questi due materiali, infatti, si prestano bene a contenere il terriccio e sono utili per tutte quelle piante che hanno bisogno di un buon sistema di drenaggio per sopravvivere.


Realizzare giardini verticali: Riciclo creativo

Giardino verticale realizzato con bottiglie in plastica Anche il riciclo creativo trova spazio per la creazione dei giardini verticali, talvolta con sistemi addirittura più funzionali e pratici rispetto a quelli in commercio. Riciclando le vecchie bottiglie in plastica si otterranno ottimi risultati data la versatilità di questo materiale: si tagliano le bottiglie su un lato, avendo cura di intagliare un’apertura sufficientemente grande da permettere alle piante di stare comode, mentre il fondo verrà forato per creare un efficiente sistema di drenaggio. Una volta accumulate diverse bottiglie, si fisseranno al muro o ad altri supporti mediante dei fili o dei ganci di ferro. Lo stesso procedimento si può attuare con l’uso di contenitori e vaschette di plastica, combinando magari più elementi dei suddetti oggetti per creare una composizione.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO