Chiodini

Le caratteristiche principali dei funghi chiodini

I funghi chiodini sono dei funghi commestibili che appartengono alla famiglia delle Physalacriaceae, sono composti da un cappello, delle lamelle ed un gambo. Il cappello del chiodino è emisferico, con una piccola depressione al centro e può raggiungere il diametro di circa 10 cm, il colore varia dal giallo-miele al verdastro a seconda dell'umidità presente nel terreno che lo ospita. Le lamelle presenti nella parte inferiore del cappello si presentano non molto fitte, di colore bianco quando i funghi sono appena nati e tendenti al giallastro durante la crescita. Il gambo del chiodino si presenta sottile ed affusolato, curvo verso l'estremità superiore e di colore giallo- miele; sul gambo è presente anche un anello ben visibile di colore giallastro e striato nella parte superiore. Per verificare che il fungo è un chiodino è necessario sempre verificare la presenza dell'anello sul gambo.
Funghi chiodini

Chiodini Per Fissatrice Inchiodatrice In Blister.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,17€


Raccolta e parti commestibili

Pulire funghi chiodini I chiodini sono una specie diffusa sia in Europa che in Nord America, crescono spontaneamente durante la stagione autunnale sulle ceppaie di diversi alberi: salici, pioppi, querce, abeti e larici o sui tronchi di vecchie conifere. Il fungo chiodino dal gusto più delicato e prelibato cresce sui tronchi di pioppi e querce. Il chiodino cresce in gruppi, solitamente composti dai dieci fino ad un massimo di 40 esemplari. I chiodini sono molto diffusi in Italia, ma vengono considerati una specie non molto pregiata, poiché la parte commestibile del capello e l'estremità superiore del gambo hanno un sapore molto delicato, quasi impercettibile. La parte terminale del gambo non è commestibile, ha un sapore amarognolo e prima della conservazione del fungo deve essere eliminata tagliandola di netto.

  • Pianta di melo con frutti La storia del melo è molto antica; sembra che il suo centro d’origine sia localizzato in unaregione montagnosa del Sud-Est della Cina dove, tramite la propagazione delle specie Malus Sieversii, si s...
  • Albero di Pero Il pero appartiene alla famiglia delle Rosaceae, alla sottofamiglia delle Pomoidee ed al genere Pyrus, comprendente una trentina di specie diffuse in tutto il mondo. La specie Pyrus communis è tipica ...
  • Sclerotinia Tra i parassiti e le malattie fungine che minacciano le coltivazioni, la sclerotinia è uno dei principali nemici, in quanto in grado di riprodursi rapidamente e condurre alla morte la pianta che ne ri...
  • Malattie delle foglie Le piante non possono certo parlare, eppure hanno modi molto efficaci per far capire il loro stato di salute e quando necessitano di un intervento: saper osservare le proprie coltivazioni significa av...

Abrasivi STF 100 x 150 mm per intonaco, chiodini, lacche Festool

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,27€


Come pulire e cucinare i funghi chiodini

ChiodiniPer pulire i funghi chiodini ed eliminare tutte le tossine, dopo la raccolta con l'aiuto di un coltellino privateli della parte inferiore del gambo e rimuovete il terriccio dal cappello e dalle lamelle. Dopo aver rimosso grossolanamente i residui di sporco dal chiodino, metteteli in una ciotola e ricopriteli di acqua fredda con l'aggiunta di un cucchiaio di bicarbonato. Trascorsi dieci minuti risciacquate i funghi sotto l'acqua corrente e lasciateli asciugare su un canovaccio. I funghi chiodini devono essere sempre cotti prima di essere consumati, per eliminare eventuali tossine: in una pentola portate a bollore dell'acqua ed aggiungeteci un cucchiaio di sale grosso ed il succo di mezzo limone e versate i chiodini. Durante la cottura eliminate la schiuma che si forma sulla superficie e dopo quindici minuti di cottura i chiodini sono pronti.


Chiodini: Conservare e suggerimenti culinari

Carne funghi chiodini Dopo aver cotto i funghi chiodini è possibile conservarli per molto tempo ed usarli come contorno durante la stagione invernale. Per conservare i chiodini è necessario farli asciugare completamente dopo la cottura e poi infilarli in alcuni sacchetti per essere congelati. In alternativa i chiodini possono essere conservati nell'olio o nell'aceto, a seconda del proprio gusto. Vi sono molte ricette che usano come ingrediente base i funghi chiodini, tra queste troviamo un classico intramontabile: le bruschette ai chiodini. Per preparare questa ricetta vi basterà riscaldare del pane nel microonde e far soffriggere i chiodini già sbollentati in una padella con dell'olio, uno spicchio di aglio e del prezzemolo. Per completare la preparazione vi basterà assemblare i funghi al pane e la ricetta è pronta.



COMMENTI SULL' ARTICOLO