Coltivazione bieta

Caratteristiche generali

Le biete o bietole, sia quelle da taglio che quelle da coste, sono piante a ciclo biennale appartenenti alla specie Beta vulgaris sottospecie cicla appartenenti alla famiglia delle Amaranthaceae o Chenopodiaceae, a seconda delle classificazioni. Hanno foglie verdi (più sviluppate nelle varietà da taglio e cucinate come gli spinaci), con le coste bianche, gialle oppure rosse (più sviluppate nelle varietà da coste), e resistendo meglio alla siccità degli spinaci, rispetto ai quali danno anche un raccolto più abbondante su terreni meno ricchi, possono essere coltivate in loro sostituzione con grande soddisfazione, tenendo anche conto che il loro sapore è meno acido e più dolce. Se invece che tagliare del tutto la pianta se ne recidono le foglie più esterne via via durante tutto il periodo di raccolta, si potrà avere della bieta fresca durante tutta l’estate, l’autunno e anche l’inverno (è una pianta piuttosto rustica). Anche se temporaneamente non si possono/vogliono consumare le foglie della pianta, vanno raccolte ugualmente prima che diventino dure, in modo che ne vengano prodotte ancora. Tra la verità di bieta da taglio ricordiamo la “Bionda da taglio triestina” e la “liscia verde da taglio”. Tra le varietà di bieta da coste segnaliamo la “Bionda di Lione”, la “Lucullus” a foglie lisce, la “Mostruosa d’Ingegnoli” e la “Verde a costa larga argentata”.
bieta1

BIETOLA ARCOBALENO RAINBOW 100 SEMI Bieta Mix Costa Fuxia, Rossa, Gialla, Bianca

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


Semina

bieta2La bieta da foglie viene seminata in marzo-aprile e poi ancora in luglio e agosto, su file distanti tra loro 35-40 cm. La semina si effettua ponendo 2-3 semi per postarella a intervalli di 20-25 cm, e a 1,5-2 cm di profondità. Appena i semenzali possono essere maneggiavi vanno diradati a uno per postarella. Le bietole da coste vengono seminate nello stesso modo e in periodi analoghi, ma a distanze maggiori lungo la fila (35-40 cm).

Dr. stähler 001861 – , Veleno per ratti e topi, 500 G di grano Esca

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,73€


Terreno

La bieta non richiede un terreno particolarmente ricco, anche se un’aiuola del genere certo non le dispiacerebbe. Le basta un piccolo appezzamento, anche leggermente ombreggiato, ma meglio se in pieno sole (sopporta meglio la calura estiva rispetto agli spinaci andando a seme con minore facilità). Scegliere per la semina una posizione ariosa, per fare in modo che la pianta non venga attaccata dall’oidio, e preparare l’aiuola in inverno, con composta o letame ben maturo, oppure in autunno con composto e un po’ di concime organico comunque ben maturo, e una copertura di pacciame.


Coltivazione

Nelle fasi iniziali di sviluppo delle piante va posta molta attenzione alla sarchiatura, per estirpare qualsiasi infestante tra le file. In alternativa si può pacciamare, ma in questo caso bisogna controllare che la pacciamatura non porti a marciumi fogliari. D’altra parte le biete hanno bisogno di una certa umidità per consentire all’apparato fogliare di potersi sviluppare appieno, e la pacciamatura ostacola l’evaporazione dell’acqua dal suolo. Durante l’inverno le piante vanno protette con campane o con una copertura di fogliame. In questo modo si potranno avere raccolti invernali e nel caso delle biete da coste sarà possibile anche un raccolto precoce, in primavera. Buone consociazioni per le biete sono quelle con tutti i cavoli, le carote, i ravanelli, il ramolaccio ed è anche possibile utilizzare l’insalata come coltura intercalare tra le file. Tra le avversità della pianta ricordiamo le virosi, l’oidio e la peronospora. Contro le virosi vanno utilizzate varietà resistenti e sementi di buona qualità. L’oidio si può prevenire utilizzando varietà resistenti alla malattia, evitando di concimare eccessivamente, e distruggendo tempestivamente le parti di piante colpite utilizzando contemporaneamente infuso di equiseto, o decotto di aglio, oppure una soluzione di hepar sulfuris e sapone sulle piante che hanno appena contratto l’infezione. La peronospora si previene aerando il terreno e coltivando in posizioni ventilate, e può essere contrastata nelle fasi iniziali utilizzando macerato d’ortica per innaffiare le piante malate e spruzzandole con infuso di equiseto.


Concimazione

Non è necessario concimare ulteriormente la bieta se la preparazione del terreno viene fatta come suggerito sopra. Un eccesso di concimazioni azotate, tra l’altro, porta a un sovrappiù di nitrati all’interno delle biete, soprattutto di quelle da costa che ne sono ricche per natura, e vanno pertanto evitate assolutamente, dato che nell’organismo i nitrati possono trasformarsi in nitriti, composti azotati tossici che ostacolano l’ossigenazione del sangue.


Annaffiature

Se il tempo dovesse essere siccitoso bisogna irrigare in ragione di 10-15 litri di acqua al metro quadro ogni settimana. Per evitare di incoraggiare i marciumi sarebbe meglio innaffiare al mattino presto.


Coltivazione bieta: Proprietà

La bieta ha proprietà emollienti, lassative, ematopoietiche, e rinfrescanti. Aiuta a regolarizzare e ripulire l’intestino, combatte l’anemia ed è povera di calorie, ragion per cui può entrare a far parte delle diete dimagranti. Avendo un elevato contenuto di acido ossalico non è indicata in caso di problemi renali. E’ inoltre ricca di vitamine, sali minerali e ferro.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO