Aloe vera coltivazione

Aloe vera coltivazione in vaso

Per l'aloe vera la coltivazione in vaso è perfetta.Ovviamente non disprezza l'orto a terra, ma non soffre in spazi ristretti.Se la si acquista già in vaso, bisogna verificare che le dimensioni siano quelle giuste.Considerato che le radici non crescono notevolmente in profondità, non è l'altezza che conta ma piuttosto l'ampiezza: per essere precisi si può misurare la massima lunghezza delle foglie e dividerla per due. Il risultato è il diametro ottimale del vaso.Il rinvaso dovrebbe avvenire in primavera, e il terreno ideale è abbastanza arido: all'aloe vera non piace avere i piedi in acqua, non va innaffiata se non raramente e soprattutto non bisogna bagnarne le foglie, che rischierebbero di marcire.L'aloe vera richiede una temperatura attorno 20/30°C, e se la si coltiva in vaso la si può posizionare dentro casa nei mesi freddi.
Pianta di aloe vera in vaso

Aloe variegata

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,11€


Aloe vera coltivazione in casa

Aloe vera: dimensioni del vaso La coltivazione di aloe vera in casa è la scelta migliore nei climi ad essa non congeniali, perché anche se questa pianta può sopravvivere con poca luce, difficilmente sopporta un inverno molto freddo o un'estate torrida: idealmente prospera tra i 20°C e i 30°C. Può sopravvivere a temperatura diverse, ma sotto zero (0°C) quasi certamente morirà.Il terreno ideale è per un terzo sabbioso, e un fondo in argilla aiuta a drenare l'acqua, qualità che può salvare la vita all'aloe nel caso si annaffiasse troppo abondantemente.Risulta utile anche non mettere nessun sottovaso, che può ostacolare il rilascio di eventuale acqua in eccesso.In estate va innaffiata con una cadenza circa settimanale, sempre facendo attenzione che il terreno sia asciutto dall'innaffiatura precedente.L'esposizione dovrebbe essere la più soleggiata possibile.

  • Panoramica Agrumi Gli agrumi sono alberi appartenenti alla famiglia delle Rutaceae e ai generi Citrus (come arancio, limone o pompelmo), Fortunella (cioè il Kumqat) e Poncirus. I tre generi comprendono 18 specie stabil...
  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Pianta di melo con frutti La storia del melo è molto antica; sembra che il suo centro d’origine sia localizzato in unaregione montagnosa del Sud-Est della Cina dove, tramite la propagazione delle specie Malus Sieversii, si s...

Zuccari Aloevera Gel Primitivo D'Aloe, 150 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


Pianta aloe vera coltivazione

Rimozione di una foglia di aloe veraLa coltivazione di aloe vera è quindi una semplice opera di precisione: non richiede un particolare impegno ma sicuramente attenzione ai dettagli.Il terreno deve essere siccitoso e drenante, l'irrigazione rara e solo quando il terreno si è asciugato dalla precedente, la pianta esposta al sole, le foglie mai bagnate.La temperatura deve essere attorno ai 20/30°C, e comunque non inferiore a 0°CUn altro dettaglio è che l'aloe vera non richiede potatura, solo la rimozione di eventuali foglie secche e se necessario il rinvaso tra marzo e aprile.Per rimuovere le foglie non secche (per estrarne il gel o per creare una talea) bisogna ancora una volta essere molto precisi: con un coltello molto affilato e ben disinfettato, si taglia alla base della foglia, e si tira fino a che viene va.


Talea di aloe vera

La matita indica a che livello interrare la pianta quando la si rinvasa Per avere una nuova piantina di aloe vera si può partire dal seme oppure, se si ha accesso a un'altra pianta, si può fare una talea.La talea di aloe vera si ottiene tagliando una foglia (di quelle più esterne) e una porzione di radice dalla pianta con un coltello affilato e disinfettato (per evitare che la pianta di origine si infetti).Se si è precisi, basterà tirare leggermente la foglia e questa verrà via da sola, portandosi dietro la porzione di radice.A questo punto, prima di piantarla, la foglia va fatta riposare, meglio se al buio, per due o tre giorni.Quando la si pianta si può adoperare un composto per talee oppure un terriccio secco con base argillosa drenante.La talea ci mette circa un anno a diventare una pianta vera e propria.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO