Ciliegio giapponese

La specie

Il ciliegio giapponese (nome scientifico Prunus serrulata) è un albero deciduo originario dell’Oriente. Raggiunge un’altezza massima di 12-15 metri e il suo tronco, largo e robusto, presenta una corteccia marrone scuro. Le foglie sono leggermente ovali, con apice ristretto e margine dentato, di colore verde scuro o verde acceso in quelle più giovani. La fioritura avviene in primavere e i fiori, di media grandezza, sono abbondanti e di colore rosa accesso, talvolta biancastri. I fiori più comuni sono formati da cinque petali, ma esistono diverse varietà e razze con dieci o più petali. I frutti sono rappresentati da piccole drupe (ciliegie) rosso porpora, dolciastre, e raramente superano un diametro di 2-3 centimetri. In occidente è ancora una specie poco diffusa, ma in Oriente (Cina, Corea e Giappone) è un albero-tipo. In Giappone rappresenta un importante elemento culturale, giacché è stato nominato albero nazionale e vi è una millenaria festa tradizionale ad esso dedicato.
Un <strong>ciliegio giapponese</strong> in fiore

Sakuragari. All'ombra del ciliegio: 1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


La festa del ciliegio giapponese

Fiori di ciliegio giapponese In Giappone l’hanami è la tradizionale usanza di osservare la fioritura dei ciliegi, in primavera. Il termine è formato dalla particella "hana" che vuol dire appunto fiore, mentre "mi" significa vedere. Sebbene il termine possa essere interpretato in modo generico, in Giappone si usa esclusivamente per i fiori del ciliegio, chiamati Sakura. La tradizione ha origini lontane: secondo una leggenda, intorno al VII secolo a.C., un sacerdote di nome En-no Ozuno si recò sulle colline di Yoshino per piantare i primi ciliegi e, per proteggerli, lanciò una maledizione a tutti coloro che avessero osato abbattere uno di questi alberi sacri. Inizialmente la celebrazione dell’hanami era circoscritta ai nobili e alla corte reale, ma con il tempo è divenuta un’usanza del popolo e ancora oggi è una delle ricorrenze più attese, attirando inoltre turisti da ogni parte del mondo. Nei mesi di aprile e maggio (a seconda delle zone), quando avviene la fioritura, gli abitanti del Giappone si recano nelle località indicate e si dedicano a pic-nic all’ombra degli alberi, bevendo e trascorrendo il tempo con gli amici.

  • Ciliegio in fiore Il ciliegio appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee, ed al genere Cerasus; le specie più importanti sono il ciliegio dolce, il più coltivato, e quello ac...
  • fioriciliegio1 Tutti i fiori usati a scopo ornamentale sono bellissimi, ma quello di ciliegio ha qualcosa in più, un fascino particolare indescrivibile , che vale la pena ammirare nei parchi pubblici o nei giardini ...
  • ciliegio innestato La tecnica dell’innesto è una tecnica importantissima nell’ambito del giardinaggio, e dev’essere conosciuta ed abbastanza padroneggiata per toglierci qualche piccola ma bella soddisfazione anche nel n...
  • Operazione di messa a dimora La messa a dimora della pianta di ciliegio va effettuata nel periodo in cui la pianta è a riposo, e cioè tra l'autunno inoltrato e la fine dell'inverno. La scelta del periodo giusto permette alla pian...

Sakuragari. All'ombra del ciliegio: 2

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


Sakura e i suoi significati

Un parco con ciliegi in fiore La festa dell’hanami rappresenta per i giapponesi la brevità della vita; i fiori di ciliegio, i Sakura, sono qualcosa di effimero, destinati a spegnersi presto, quindi il loro significato principale è la vita che si conclude in fretta e che va apprezzata appieno e vissuta in modo intenso. Inoltre, i fiori di Sakura rappresentano la malinconia, la compassione, la fragilità, ma anche la delicatezza, la femminilità e la rinascita dopo il lungo inverno. È usanza per gli studenti e i neo laureati (in Giappone l’anno scolastico e la stagione lavorativa comincia in primavera) recarsi sotto gli alberi di ciliegio in fiore per attirare la buona sorte. Presso i samurai erano un elemento importante: coraggio, lealtà e purezza erano rinchiusi simbolicamente in questo fiore, e non a caso durante le battaglie ne portavano la effigie scolpita sulle armature.


Ciliegio giapponese: Curiosità legate al ciliegio giapponese

ciliegi in fiore Durante la celebrazione dell’hanami vi è l’usanza di preparare e consumare all’ombra degli alberi dei dolcetti tipici della tradizione giapponese, chiamati Sakura-mochi. Questi dolcetti sono composti da un impasto di farina di riso colorato di rosa acceso, al cui interno vi è una farcitura dolce a base di fagioli rossi. Il dolcetto è avvolto e confezionato con una foglia di ciliegio giapponese (le foglie, i frutti e i fiori di ciliegio sono commestibili) e si consuma accompagnato da sakè (distillato di riso) o birra giapponese. Altra usanza particolarmente diffusa per le persone che decidono di sposarsi in primavera, è quella di far bere agli sposi un infuso a base di fiori di ciliegio, come augurio di fertilità e felicità coniugale. Sakura è anche un nome proprio femminile in Giappone e non a caso è conosciuto grazie ad alcune protagoniste di film, romanzi e serie animate giunte in Occidente.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO