Siepe pyracantha

Il genere pyracantha: origine, diffusione, utilizzi

Il genere Pyracantha, appartenente alla famiglia delle Rosacee, comprende 7 specie di arbusti spinosi sempreverdi, originari di una vasta zona che si estende dall'Europa meridionale all'Asia sud orientale. Dall'aspetto simile al Cotoneaster, se ne differenziano per la presenza delle spine. Il nome viene dal greco e significa fiamma spinosa, in riferimento alle caratteristiche principali di queste piante, le spine ed il loro assumere una tonalità rosso acceso quando in inverno si ricoprono di piccole bacche rosse. L'unica specie che in Italia si trova anche allo stato spontaneo è la pyracantha coccinea, chiamata comunemente Agazzino. Le pyracantha vengono coltivate sia a scopo ornamentale sia come siepi, dato infatti il denso fogliame e la presenza delle spine, possono egregiamente sostituire recinzioni e muretti divisori. Sono particolarmente apprezzate nei centri urbani per la loro capacità di resistere all'inquinamento.
Siepe di pyracantha con i caratteristici frutti

Vivai Le Georgiche Pyracantha Mohave

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,4€


Le specie di pyracantha più adatte a formare siepi

Bellissima siepe di pyracantha in fiore Caratteristiche comuni del genere pyracantha sono il fitto fogliame spinoso, l’abbondante fioritura primaverile, costituita da graziosi fiorellini bianchi, e la gran quantità di frutti, piccole bacche rosse o gialle, che la ricoprono per tutto l’inverno. La specie più diffusa ed apprezzata, non solo in Italia, è la coccinea. Ha l’aspetto di un arbusto cespuglioso, molto ramificato, e può raggiungere un’altezza di 3-4 metri. Sono spesso utilizzate per creare siepi anche la rogersiana, proveniente dalla Cina, molto spessa ed alta fino a 4 metri; l’atalantioides, che può raggiungere i 6 metri; l’angustifolia, anch’essa originaria della Cina. Le altre specie, coltivate più che altro come piante ornamentali, sono la crenulata, di origine Himalayana, la crenatoserrata, proveniente dalla Cina ed adatta a climi caldi, e la koidzumii di Taiwan. Le specie originarie sono poche, ma ne esistono molte varietà prodotte per ibridazione.

  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Divano per esterni Il giardino è uno spazio verde non solo del quale prendersi cura, ma anche dal quale farsi accogliere per trascorrere nel confort e nel relax il proprio tempo libero, in una dimensione tranquilla e ri...
  • Tavolo da giardino in legno Per un amante degli spazi all'aria aperta, il giardino non è solo un colorato angolo decorativo che introduce all'abitazione, ma è parte integrante dell'ambiente domestico nel quale vivere la propria ...
  • Ombrellone da giardino Con una spesa contenuta e poche semplici operazioni, è possibile ricreare zone d'ombra in qualsiasi giardino e in qualsiasi momento della giornata, grazie alle infinite varietà di ombrelloni presenti ...

SIEPI A PANNELLI - SIEPE ORNAMENTALE FLORA TRELLIS 100X200 SU TRALICCIO IN PVC

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,7€


Di cosa ha bisogno la siepe di pyracantha: terreno, luce, manutenzione

Siepe di pyracantha ben curata La pyracantha è un arbusto rustico che si adatta bene ai diversi terreni, anche poveri o sassosi, e che resiste sia al caldo che al freddo, non teme neanche il gelo. Per ottenere una bella siepe le piante andrebbero sistemate a circa 50-70 cm una dall’altra, in una posizione soleggiata o a mezz’ombra. Per iniziare da zero si può procedere alla semina o all'interramento di talee semilegnose, metodo sicuramente più pratico ed efficace. La pianta nel primo anno di vita ha uno sviluppo molto lento, per poi aumentare notevolmente il ritmo di crescita. Le piante adulte utilizzate come siepi andranno pertanto potate, almeno 2 o 3 volte l’anno, perché mantengano la forma e le dimensioni desiderate. La siepe di pyracantha non ha bisogno di frequenti annaffiature, che possono anzi essere dannose, in genere le piante adulte sono autosufficienti, si accontentano cioè dell’acqua che ricevono con la pioggia; può essere comunque necessario irrigare quando si nota il terreno asciutto, specialmente in estate.


Siepe pyracantha: Le malattie che possono colpire la siepe di pyracantha

Coloratissima siepe di pyracantha La pyracantha è una pianta molto resistente, anche per questo è molto usata per formare siepi. Sopporta infatti molto bene le condizioni climatiche avverse, l’inquinamento ed anche l’aggressione di insetti e parassiti. Capita, a volte, che cocciniglia o afidi facciano la loro comparsa, ma di solito non provocano particolari danni. Esiste però una malattia a cui questa pianta è soggetta, che purtroppo è il più delle volte fatale, il colpo di fuoco batterico: in determinate circostanze un batterio, che vive sulla corteccia delle piante, riesce a penetrare all’interno provocandone rapidamente il rinsecchimento e la morte. L’unica cosa da fare è eliminare subito la pianta, per evitare che ne vengano contagiate altre. Un altro problema, meno grave e che si può prevenire, è dato dal marciume radicale che colpisce la siepe di pyracantha che si trova in condizioni di eccessiva umidità, il più delle volte perché riceve troppa acqua.



COMMENTI SULL' ARTICOLO