Giardini rocciosi fai da te

vedi anche: Gazebo fai da te

Realizzare giardini rocciosi fai da te

Il luogo adatto per costruire giardini rocciosi fai da te è in pendenza per permettere all'acqua un deflusso regolare. La pendenza però non deve essere eccessiva per non avere un effetto "dilavato". Prima di interrare le piante bisogna preparare la base, rimuovendo il terreno originale per almeno una decina di centimetri. A questo punto si stenderà uno strato di ghiaia che facilita il drenaggio, poi si riposizionerà la terra dopo averla mescolata con 1/3 di torba e 1/3 di sabbia. Se la pendenza è eccessiva si devono creare piccoli muretti che la smorzano. Si procede posizionando le pietre una sull'altra per un'altezza non superiore ai 15/20 cm. Il muretto dovrà apparire del tipo a secco, ma è comunque meglio mettere un po' di malta tra una e l'altra per evitare crolli. Bisogna posizionare la malta in mezzo in modo che non si veda. Si possono quindi sistemare le pietre secondo il progetto predisposto e interrare le piante.
Giardino roccioso a effetto naturale

Idee in giardino pronte in un giorno. Progetti facili e veloci per il «fai da te» all'aperto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,03€
(Risparmi 2,47€)


Conifere nane per giardini rocciosi

Varietà di conifere nane Piante molto usate nei giardini rocciosi fai da te sono le conifere. Sono sempreverdi, nei vivai se ne trovano di tante specie, con forme perfette: ad alberello, a cono, in mini cespugli. Con tonalità e sfumature diverse, dal verde scuro, al grigio argentato, al verde azzurro. Sono molto belle da vedere, crescono poco, ma bisogna comunque sapere che crescono e non sono facili da potare. Un metodo per limitarne la crescita è di tenere costrette le radici. Si può interrare il vaso direttamente nel giardino. Attenzione alla posizione: se si lasciano in un angolo con un lato prevalentemente all'ombra avranno una crescita asimmetrica, o peggio gli aghi all'ombra potranno seccare. Necessitano di terreni acidi. Ci sono veramente tante varietà tra i consigliati il juniperus (ginepro) oldgold con aghi bronzati e gialli. Il ginepro strisciante (juniperus horizzontalis) che si espande e sopporta condizioni difficili. La picea pungens globosa dalla tonalità verde azzurra. Tra i pini consigliato il pinus mugo gnom dallo sviluppo rallentato e il pinus parvi flora o pino bianco giapponese detto anche pino a 5 aghi.

  • Fiori bianchi di Gypsophila paniculata I fiori per giardino conosciuti con la denominazione di Gypsophila paniculata, originari del continente euroasiatico e dell'Africa, sono appartenenti alla famiglia delle Caryophyllaceae. Piante perenn...
  • Particolare di giardino mediterraneo Tra i giardini da realizzare, una possibilità consiste nel creare un giardino mediterraneo. È possibile crearlo in zone climatiche abbastanza calde, come per esempio le aree attorno al bacino del Medi...
  • conifere Le conifere sono piante Gimnosperme, cioè con i semi “nudi”, non protetti da un ovario. I loro semi non sono racchiusi da frutti, ma disposti sulle scaglie di un cono (da cui il nome volgare di conife...
  • Viale di Pini domestici Il Pino domestico (Pinus pinea) è un albero che appartiene alla famiglia delle Pinacee ed è particolarmente diffuso sulle coste settentrionali del Mediterraneo. Ha un tronco non molto sviluppato, una ...

Piccoli giardini. Progettare e coltivare terrazzi e spazi verdi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17€
(Risparmi 3€)


Piante per giardini rocciosi

Saponaria in giardino roccioso Le piante grasse sono molto usate per la crescita lenta. Consigliata l'echeveria (sempervivum balsii), pianta grassa alpina con foglie disposte a rosetta. Da giugno a settembre produce infiorescenze a stelo lungo. Si diffonde velocemente tra le rocce, vicino alle rosette principali ne crescono di piccole da usare come talee. Giusto equilibrio in un giardino roccioso va dato alle piante da fiore. Per dare colore molto usata è la saponaria. È coprente, resistente, adatta a qualsiasi suolo. Produce fiori rosa da luglio a settembre, sopporta bene le potature che si effettuano in modo deciso a fine fioritura. Di fioritura limitata, ma perenni sono le bulbose nane: crochi e tulipani, che piantate qua e là , dando l'impressione di una crescita casuale, portano un tocco di vivacità.Apprezzate per loro ricca fioritura e per la crescita lenta sono azalee, da scegliere nei tipi sempreverdi nani o striscianti. Necessitano di terreni acidi. Per avere fiori anche in autunno interrare qualche pianta di erica. È una pianta rustica, molto resistente al freddo, tipica dei giardini rocciosi di montagna, cresce lentamente e tende a rimanere compatta.


Giardini rocciosi fai da te: Pietre per giardini rocciosi

Pietre irregolari per giardini Per realizzare un giardino roccioso ci sono tipi diversi di pietre, da scegliere in base al gusto, ma anche in base al posto in cui il giardino si trova. Come ogni altro elemento, un buon criterio è che si integri bene nell'ambiente circostante, perciò sarebbe bene prediligere pietre tipiche del luogo, evitando di sistemare pietre di tufo in un'alta vallata alpina. Se possibile è meglio raccoglierle direttamente dai terreni e dai fiumi circostanti. In commercio di trovano tipi diversi, di taratura varia. Le più usate sono: le rocce calcaree per la loro forma estremamente irregolare, molto ornamentali; i ciottoli di fiume sferici o ovali; i ciottoli bianchi di Carrara derivati dal famoso marmo e il tufo, commercializzato soprattutto in blocchetti. Bisogna prenderne di grandezza diversa, incastrarle bene nel terreno, disporle cercando di evitare l'aspetto artefatto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO