Biancospino gocce

Biancospino: caratteristiche

Il biancospino è un arbusto spinoso appartenente alla famiglia delle Rosacee. Cresce in maniera spontanea in prevalenza su terreni calcarei, nelle boscaglie e tra rovi e cespugli. Si può trovare questo arbusto in tutta Europa, in America settentrionale, in Nordafrica e anche in Asia. Il biancospino può avere un'altezza modesta, non superando il mezzo metro, o in particolari condizioni può presentarsi sotto forma di albero raggiungendo anche i sei metri d'altezza. Il fusto è omogeneamente ricoperto da una corteccia di colore grigiastro, e si sviluppa in ramoscelli corti tempestati di spine. Le foglie sono di dimensioni ridotte, non superano infatti i 5 cm; hanno forma romboidale e sono dentellate. I fiori che tutti conosciamo sono racchiusi in corimbi che ne contengono un numero variabile, e presentano una bellissima colorazione bianco-rosata.
pianta di biancospino

Impianto da Biancospino - Box di 200 compresse da 400 mg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11€


Biancospino gocce: la tintura madre

biancospino Il modo migliore per preservare e sfruttare al meglio le proprietà di questa pianta, consiste nell'assumere gocce di biancospino, ricavando una tintura madre. Esistono in commercio moltissimi prodotti che rispondono perfettamente alle nostre esigenze, e che riportano una posologia molto precisa che deve essere osservata. Sarebbe possibile anche realizzare la tintura madre in casa, ma è un processo piuttosto complesso dovendo conoscere perfettamente le quantità di pianta fresca da utilizzare e le quantità di alcool in cui lasciarla a macerare. Si consiglia dunque di acquistare le gocce di biancospino in commercio. Queste andranno assunte una volta al giorno, lontano dai pasti. Generalmente si consiglia di non assumere più di venti, trenta gocce di biancospino al giorno, che in ogni caso dovranno essere opportunamente diluite in un bicchiere d'acqua.

    BIANCOSPINO estratto idroalcolico 50 ml

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,5€


    Biancospino gocce: proprietà

    materiale per la tintura Ma a cosa servono esattamente le gocce di biancospino? Per prima cosa bisogna ricordare che il biancospino contiene numerose sostanze benefiche per il nostro organismo: flavonoidi, vitexina, acido ursolico, steroli, ammina e derivati della purina. Grazie alla presenza di tutti questi elementi, l'assunzione di gocce di biancospino risulta utile nel trattamento di alcune problematiche. Per prima cosa le gocce di biancospino hanno un'azione ansiolitica e sedativa, e per questa ragione vengono usate nella cura dell'insonnia e di disturbi dell'ansia. Collegate a questa funzione della pianta sono le sue proprietà cardiotoniche, vasodilatatrici, antipertensiva e a quanto pare anche antisclerotica. Sembra infine che le gocce di biancospino possano essere utilizzate anche nella lotta contro il colesterolo cattivo.


    Biancospino gocce: controindicazioni

    tintura di biancospinoMa esistono controindicazioni nell'utilizzo di gocce di biancospino? In realtà l'utilizzo di biancospio è molto sicuro e presenta davvero poche controindicazioni, a patto che venga utilizzato senza eccedere le dosi indicate. Ad ogni modo l'assunzione di gocce di biancospino è sconsigliato a chi ha problemi di bassa pressione: le proprietà antipertensive della pianta, infatti, potrebbero agire in questi casi rilassando eccessivamente i battiti cardiaci, e abbassando troppo la pressione sanguigna. Non bisogna consumare gocce di biancospino insieme ad alcuni farmaci beta-bloccanti, dal momento che ne potenzierebbero l'effetto. In rarissimi casi l'assunzione di biancospino è stata collegata a casi lievi di gastrite e ulcere. Infine è altamente sconsigliato l'impiego di gocce di biancospino durante la gravidanza.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO