Significato narciso

vedi anche: Narciso

Narciso

Il Narciso, appartenente alla famiglia delle Amaryllidaceae e originario dell’Europa, è una bulbosa di taglia media, infatti non supera i 50 centimetri di altezza. Il suo nome deriva dal greco “Narkào” che significa “stordisco”, e fa riferimento al loro profumo penetrante. Le foglie e i fiori nascono da un grosso bulbo ( 5 – 7 centimetri di diametro) situato al di sotto del terreno. Le foglie erette raggiungono i 20 – 25 centimetri di altezza, i fiori sbocciano singolarmente all’apice dei fusti o a volte in piccoli gruppetti. La maggior parte dei Narcisi fioriscono a fine inverno, e sia le foglie che i fusti hanno una colorazione tra il verde chiaro e l’azzurro. I fiori di Narciso hanno una forma molto particolare, sono costituiti da una corona esterna formata da petali di colore giallo e da una corona interna a forma di trombone di colore più scuro. L’importanza di questa pianta è legata al fatto che i fiori di Narciso vengono utilizzati in omeopatia ed in medicina dato la loro particolarità di essere costituiti da proprietà antiinfiammatorie.
narcisi

Hiroshima. Nel paese dei fiori di ciliegio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,5€
(Risparmi 1,5€)


Coltivazione

narcisi gialli La coltivazione del Narciso è molto diffusa in tutta Europa per il semplice modo di “crescere” la pianta. Si adatta sia ad ambienti interni che esterni e può essere coltivata sia in piena terra che in vaso. I bulbi vanno interrati prima del periodo invernale in zone ove il clima è mite, così da poter evitare gelate dannose per la pianta. Il terreno ideale per la crescita di questa pianta è un terriccio leggero e ben pulito, oppure un miscuglio di sabbia, torba e terra. Nonostante il narciso è una pianta resistente al freddo, si consiglia di non farla crescere in ambienti con una temperatura inferiore ai 10°C. E’ utile sapere che la pianta non ama le correnti d’aria e gli sbalzi di temperatura. Per le irrigazioni, occorre mantenere il terreno umido e drenato nel periodo primaverile ed estivo evitando la formazione di ristagni idrici. Il Narciso non necessita di potatura, basta rimuovere le foglie danneggiate e i fiori appassiti. Per aiutare la piantina a crescere è bene utilizzare, sia nel periodo di fioritura che in quello successivo, del fertilizzante povero di azoto ma ricco di potassio e fosforo. La riproduzione del Narciso avviene da sola, ogni anno vengono prodotti dei bulbilli dal quale poi nasceranno i fiori. E’ giusto sapere che, anche se si riproducono autonomamente, le piante hanno bisogno di spazio e quindi è consigliabile distanziare i bulbi tra di loro almeno ogni due/tre anni.

  • fior di loto Il loto è una delle piante acquatiche più belle ed ammirate e non solo per il suo effetto ornamentale, ma anche per il significato che ricopre in molte culture e religioni orientali. Appartenente al g...
  • calla5 La calla è un fiore annoverato a pieno titolo tra quelli che esprimono in sé diversi linguaggi e significati. Fiore celebrato dal cinema, dalla mitologia e dalla fotografia, la calla racchiude signifi...
  • significatoiris1 Nel linguaggio dei fiori è considerato forse tra i più ricchi di significato, anche per via delle diverse colorazioni dei suoi petali. Stiamo parlando dell’iris, pianta rizomatosa e bulbosa nota per ...
  • mazzo di rose La Rosa appartiene alla famiglia delle Rosacae, in natura esistono circa 2000 specie tra quelle coltivate e spontanee e sono diffuse in zone con clima temperato vicino l’Oceano Pacifico e nell’emisfer...

Las preposiciones no son difíciles

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30,21€


Malattie e parassiti

Un insetto dannoso al Narciso è la “larva della mosca”, questa entra nel bulbo , se ne ciba e porta all’afflosciamento della pianta con scarsa produzione di fiori. Tra le malattie più rischiose che possono colpire il Narciso c’è il ”fungo del terreno”, infetta i bulbi dalla base tramite le radici. Ce ne accorgiamo dal fatto che i bulbi si scoloriscono e assumono un colore simile al marrone, successivamente si contraggono e mummificano. Se piantiamo dei bulbi infetti, la malattia si trasmette anche alla stagione seguente. Non esistono rimedi o cure, l’unica cosa da fare è scartare i bulbi malati. Per prevenire questa malattia, è consigliato estrarre i bulbi sei settimane dopo il periodo di fioritura, non esporli al sole, non romperli maneggiandoli e mantenerli in un luogo fresco. Il peggior nemico del Narciso rimane comunque l’acqua, i suoi bulbi temono l’umidità perché causa di muffe e appunto di malattie fungine. Inoltre, la pianta, può essere attaccata da afidi ed acari.


Significato narciso

Nell’antica cultura ebraica, il Narciso, era il simbolo della bellezza e della fertilità femminile. Successivamente diventò il simbolo di rinascita utilizzato durante le celebrazioni cristiane di Pasqua. Per i cinesi invece i fiori di narciso simboleggiavano fortuna e speranza per l’anno nuovo, infatti li utilizzavano per abbellire le loro abitazioni ed inoltre li gradivano come regalo. Assumevano un significato differente se invece venivano tatuati sulla pelle, era un buon augurio per scoprire il talento in sé stessi e avere fortuna in carriera. Regalare un mazzo di Narcisi ad una persona che sta cercando di migliorare professionalmente è il dono più gradito. Esistono tante credenze, miti e leggende su i fiori di Narciso, ma alla fine è questione di superstizione. A questo fiore è legata la leggenda di Narciso, colui che rifiutava ogni proposta vantandosi della sua bellezza e rimanendo così in solitudine. Un giorno qualcuno decise di punirlo facendolo innamorare della sua stessa immagine riflessa nell’acqua, e fu così che il giovane morì per dolore e al posto del suo cadavere trovarono un fiore al quale fu dato il nome di Narciso. Da qui nascono gli aggettivi narciso e narcisista, che indicano persone troppo innamorati di sé stessi. Nel linguaggio dei fiori, il Narciso, simboleggia vanità, autostima e incapacità di amare ma, nonostante ciò, la bellezza e la particolarità dei suoi fiori e dei suoi colori hanno fatto sì da renderlo il fiore più bello per abbellire balconi, terrazze e giardini, soprattutto in combinazione con pergolati in legno.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO