Urea fertilizzante

L'importanza della fertilizzazione

Per una coltivazione efficace non basta selezionare il terreno e fare in modo che le condizioni ambientali siano ottimali per la pianta che si decide di far crescere: il terreno avrà bisogno di essere aggiustato sulla base delle esigenze delle singole coltivazioni presenti e richiederà interventi dilazionati nel tempo per venire arricchito di sostanze nutritive man mano che le coltivazioni consumano quelle presenti. Vi sono, in particolare, alcune sostanze che non devono mai mancare nel terreno, in quanto indispensabili alla crescita e allo sviluppo delle piante. Tra queste spicca l'azoto, un nutriente fondamentale la cui presenza nel terreno deve essere costante durante tutto il ciclo di vita delle coltivazioni. Proprio per queste ragioni, è importante scegliere un buon fertilizzante azotato che renda il terreno sempre idoneo alla coltivazione. L'azoto svolge un ruolo molto importante per le piante: assorbito sia tramite l'ambiente circostante sia tramite il terreno, esso è responsabile dell'accrescimento dei germogli e dei fusti ed influisce anche sulle capacità di assorbimento delle singole piante per quanto riguarda tutte le altre sostanze nutritive delle quali hanno bisogno.
Urea fertilizzante

UREA concime minerale semplice pER oRti piante e frutteti da 4 kg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€


L'urea fertilizzante

Urea fertilizzanteL'urea è uno dei fertilizzanti azotati più noti e diffusi, poiché composto per il 46% di azoto e dunque in grado di svolgere un'azione efficace e specifica. L'urea è un fertilizzante che incontra anche i gusti e le necessità di coltivatori di diverso pensiero e approccio: può essere considerato organico oppure chimico, a seconda delle modalità di ottenimento: il concime urea viene infatti ricavato da urine e da reazioni chimiche. Il prodotto finale è costituito da una sostanza granulare, solitamente di colore bianco, che può venire utilizzato direttamente sul terreno, facendo la dovuta attenzione alle quantità necessarie, senza rischiare di non spargerne a sufficienza, ma anche senza eccedere. L'urea è un fertilizzante che non altera il ph del terreno, nè ne modifica la composizione chimica, limitandosi ad aumentare l'apporto di questo prezioso minerale. Il fertilizzante viene utilizzato in particolar modo nelle coltivazioni su ampie superfici, per favorire l'accrescimento rapido delle piante ed una rigogliosa produzione dei frutti. L'elevata solubilità del fertilizzante azotato ne favorisce l'efficacia, perché ne migliora l'assorbimento, che avviene in modo rapido e quindi non è soggetto alla dispersione e al dilavamento.

  • Concime urea La concimazione del terreno è un’operazione importantissima e spesso fondamentale per la crescita e lo sviluppo delle coltivazioni: essa permette di arricchire il terreno con le sostanze nutritive nec...
  • Fiori laurea La laurea è uno dei momenti più importanti nella vita di chi la consegue: si tratta del riconoscimento pratico di anni di impegno, studio e costruzione del proprio futuro, un importante investimento s...
  • Regalare fiori Regalare fiori è un gesto semplice ma sempre gradito, che in determinate occasioni diventa tradizione quasi imprescindibile: mentre fino a pochi anni fa la distanza era un ostacolo a questo tipo di pe...
  • Un deposito di Urea La concimazione è la pratica colturale mediante la quale si apportano sostanze nutritive al terreno, interrandole nello stesso. Perché si deve compiere questa operazione? Perché le piante si nutrono d...

UREA CONCIME MINERALE SEMPLICE A BASE DI AZOTO CONF. DA 25 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,9€


Utilizzo

Urea fertilizzante L'utilizzo dell'urea come fertilizzante è molto diffuso per via della sua efficacia, ma anche per la facilità di applicazione. L'urea viene venduta sotto forma di composto granulare solubile, che può essere aggiunto all'acqua di innaffiatura per un utilizzo davvero semplice: sarà sufficiente attendere lo scioglimento ed innaffiare il terreno come di consueto, per arricchirlo di azoto e di preziose sostanze ad esso benefiche. La quantità di azoto da diluire deve essere valutata sulla base delle caratteristiche del terreno, per il quale non si vuole incorrere il rischio di un effetto contrario, ovvero di un'eccessiva quantità di azoto, così come tenendo conto delle necessità specifiche delle singole coltivazioni, che possono variare a seconda della pianta. Il concime urea viene utilizzato in modo specifico in alcuni periodi del ciclo di coltivazione: viene sparso sul terreno prima di dare vita alla coltivazione, ed è utilizzato in particolare quando le piante germogliano e i germogli crescono, fino a quando le singole piante non sono pronte a fruttificare. Il concime urea viene solitamente sospeso nelle fasi successive, quando l'accrescimento non è più una delle necessità preponderanti per la pianta, impegnata ora a fruttificare e, successivamente, ad affrontare una fase di riposo.


Urea fertilizzante: Usi secondari e avvertenze

Urea fertilizzanteIl concime urea viene utilizzato quindi per le fasi di vita delle piante che prevedono un maggiore sviluppo, ma il suo utilizzo non deve essere improvvisato: occorre conoscere le caratteristiche del terreno, per evitare di creare una concentrazione di azoto eccessiva, e per la stessa ragione è importante fare in modo che anche le piante siano adatte a quel tipo di terreno e trovino in esso la quantità di azoto ad esse conveniente, che non può ritenersi identico per qualsiasi pianta. Il concime urea deve essere quindi utilizzato su consiglio di personale esperto, se non si hanno nozioni sufficienti di questo tipo. Dal momento che lo spargimento tramite acqua di annaffiatura è la modalità di concimazione più semplice, è anche quella che viene prediletta più di frequente, risparmiando in questo modo anche la necessità di intervenire con più operazioni e di conseguenza maggiori ore di lavoro. In tal caso, però, occorre tenere presente l'importanza di una concimazione appropriata: le parti da annaffiare della pianta sono quelle adiacenti al terreno, mentre quelle aeree non devono essere bagnate, in quanto la presenza di azoto potrebbe danneggiare foglie e rami. Per lo stesso motivo è importante optare per una annaffiatura omogenea e ben distribuita, evitando di formare delle concentrazioni eccessive non solo di acqua, ma anche di azoto, che in questo modo non potrà distribuirsi a dovere nel terreno.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO